• Leonardo Pini

3 domande sulla prossima off season dei Phoenix Suns

Phoenix durante la prossima off season deve costruire sui successi all’interno della bolla. Da quali fondamenta partono i Suns, e su chi punteranno?


Foto: USA Today

Questo articolo, scritto da Rod Argent per Bright Side of the Sun e tradotto in italiano da Leonardo Pini per Around The Game, è stato pubblicato in data 31 agosto 2020.



Mentre gli NBA Playoffs continuano nella bolla di Orlando, i tifosi dei Phoenix Suns ancora una volta si trovano fuori, contemplando quali siano le possibili strade da percorrere per il futuro della squadra. Una cosa diversa dagli anni passati è la prospettiva, ben più positiva, per quel futuro.


Nonostante la classe di giocatori al Draft 2020 non comprenda nessun prospetto dal potenziale di una stella, è pieno di giocatori solidi che potrebbero entrare presto nelle rotazioni di una squadra e contribuire positivamente. Questa è una benedizione per un team come i Suns, che avrà la decima scelta quest’anno. Prendere un futuro All-Star, ad ogni modo, è il sogno di ogni squadra, ma scegliere un giocatore che possa contribuire a vincere fin da subito non è un cattivo premio di consolazione.


Al Draft così come nella prossima free agency, sono piuttosto certo che questi saranno i prototipi di giocatori ai quali i Suns punteranno in off season. Ma da quali fondamenta partono, i Suns?


Innanzitutto, Devin Booker è un All-Star e continua a migliorare con il passare del tempo, diventanto sempre di più il leader della squadra. E la differenza, difensivamente parlando,tra il DeAndre Ayton di questa stagione e quello del suo primo anno è stata evidente, e anche da lui mi aspetto miglioramenti con il tempo.



Ricky Rubio, poi, ha fatto ricredere a coloro che definivano la sua firma nella scorsa free-agency “la peggior mossa dell’estate”. Kelly Oubre Jr. ha alzato il livello del suo gioco ed è diventato una parte vitale nella macchina offensiva della squadra, mentre Mikal Bridges, “l’uomo delle palle rubate”, è rimasto un difensore di prima qualità e, al tempo stesso, ha espanso il suo gioco in attacco. Cameron Johnson ha mostrato di essere di più di un tiratore, e averlo scelto più in alto rispetto a dove era stato prospettato è stata un’ottima mossa nello scorso Draft.


I buoni contributi, però, sono venuti anche da altri giocatori, non menzionati prima perché non è sicuro che faranno parte dei Suns nella stagione 2020/21.


Aaron Baynes è stato un ottimo innesto, ma sarà un unrestricted free agent quest’anno, mentre Dario Saric e Jevon Carter saranno RFA. Cameron Payne è sotto contratto anche per la prossima stagione, ma ha giocato troppo poco per essere certi del suo ruolo in squadra.


Per quanto riguarda delle possibili trade, si sente spesso discutere su Kelly Oubre Jr. e della possibilità che venga inserito in qualche scambio. Se lo scambio fosse particolarmente vantaggioso per i Suns, così come per qualsiasi altro giocatore, potrei essere d'accordo, ma in linea di massima sono contrario all'idea di scambiare Oubre. Tuttavia non sono James Jones e non sarei sorpreso se uno scambio, comprendente Oubre, dovesse andare in porto.


Personalmente, non credo che i Suns abbiano bisogno di rischiare per fare un grande balzo in questa off season. Aggiungere qualche buon giocatore che possa contribuire in maniera consistente dalla panchina dovrebbe essere abbastanza per superare le avversità e tornare ai Playoffs.


Per un'opinione in merito alle scelte - tecniche e manageriali - che Phoenix dovrà prendere nel prossimo mese, il team di Bright Side of the Sun risponderà ora a 3 domande relative ai temi più "caldi" in casa Suns.



1. Assumendo che i Suns mantengano sia Saric che Kelly Oubre Jr, e che non facciano nessun'altra grande operazione sulla squadra, quale sarebbe il quintetto iniziale per la stagione 2020/21?



GuarGuar: Io sono totalmente a favore dello starting lineup con Rubio, Booker, Mikal, Cam e Ayton. Penso che le spaziature di Cam abbiano un impatto enorme, e che Oubre sia il più indicato come sesto uomo che segna uscendo dalla panchina. Far uscire Kelly dalla panchina darebbe una scossa alla produzione della second unit, e questo per Phoenix è il bisogno più grande al momento.




Sun-Arc: Io schiererei il quintetto “BOBRA”: Booker, Oubre, Bridges, Rubio e Ayton. Si può argomentare sul cambio tra Cam e Oubre, in particolare perchè Oubre sarebbe di aiuto dalla panchina. Tuttavia è complicato, e questo è il perché.


Cam ha lasciato una buona impressione come titolare nella bolla, ma quello era un piccolo campione di 8 partite e con tutte le circostanze del caso. Siamo sicuri che la cosa si ripeterà la prossima stagione? No, non lo siamo. Inoltre, Cam può essere preso di mira in difesa.


Kelly ha le abilità di un titolare, soprattutto quando serve un gicoatore che possa prendere il proprio tiro nel momento in cui le altre opzioni sono sfumate. Questo non lo vedo in Cam, non ancora, anche se è sembrato lavorare verso quella direzione nella bubble. Oubre, oggi, è più pronto e forte di Cam: fornisce un sacco di energia in più, conosce meglio i giocatori avversari. E, come se non bastasse, è un giocatore estremamente divertente da veder giocare. Cam sembra essere il tiratore migliore, ma non escluderei che Kelly possa migliorare la sua percentuale (35.2%) nella stagione 2020/21.


Da un punto di vista umano, Oubre merita di essere un titolare, visto quanto duramente ha lavorato dal suo arrivo ai Suns. È diventato un giocatore molto migliore rispetto a quello che era a Washington, ed è diventato anche un leader in Arizona; è difficile non pensare a lui come uno dei giocatori che più hanno catalizzato la squadra verso un cambiamento positivo. Ha creato i “Valley Boyz”. E se Williams lo mandasse in panchina nell’anno conclusivo del suo contratto, passerebbe il messaggio che i Suns stanno ancora una volta "maltrattando" i propri giocatori.



SDKyle: Io andrei con Rubio, Booker, Bridges, Johnson e Ayton, con Oubre nel ruolo del sesto uomo che porta energia e Saric da schierare quando le altre squadre vanno con il quintetto lungo. Al di là del successo che questo quintetto potrebbe avere, penso che dia a Monty Williams il massimo di versatilità e adattabilità.



SouthernSun: Io andrò con Rubio, Booker, Bridges, Oubre e Ayton. Credo che Oubre non sarebbe molto contento nell’uscire dalla panchina: in questo scenario inizierebbe e, spesso, finirebbe le partite, ed ad ogni modo giocherebbe una quantità di minuti significante anche con la second unit.


Oubre vorrà avere un ruolo da titolare, visto che ci avviamo verso la free agency nella quale cercherà di "massimizzare" dal punto di vista contrattuale. E se i Suns vogliono mantenere l'attuale slancio nella prossima stagione, non dovrebbero scontentare colui che ha portato a Phoenix lo swag, il cameratismo e anche il nome “Valley Boyz”. Soprattutto dopo la sua miglior stagione in carriera. Salvo grandi nomi in entrata nel roster, non ripaghi tutto questo con una retrocessione a riserva, proprio nell’anno che lo porterà alla free agency.



Alex S: Rubio, Booker, Bridges, Oubre e Ayton. La continuità e le prove statistiche ci sono state nella stagione 2019/20, quindi sono completamente a mio agio nel provarci di nuovo con questi cinque. E ancora più importante, questa è la strada più facile per evitare dei “locker-room drama” in termini di ego.


Cam ha appena concluso la sua stagione da rookie e ha reso al di sopra delle aspettative. Anche se ha giocato incredibilmente bene nella bolla, c’è stato un calo nelle percentuali da tre. È stato dovuto all’incremento del suo utilizzo?


Quanto alle rotazioni, sarà molto facile dare, a tutti e tre gli esterni, 30 minuti a partita. La cosa più importante sarà, invece, chi si dimsotrerà in grado di chiudere le partite.


Foto: Basketball Forever

2. Qual è il massimo contrattuale (dollari e anni) che offrireste a Dario Saric e Jevon Carter nella prossima stagione?


GuarGuar: Darei a Dario un anno di contratto a 8-10 milioni, per avere spazio per il mercato dei free agent nel 2021. Penso che Saric voglia rimanere, anche dal momento che è sembrato andare più d’accordo con i ragazzi all’interno della bolla. Per Jevon, invece, se dipendesse da me potrei offrirgli un contratto dalla durata di 3 anni, con una team option, per 4-5 milioni all’anno. Amo ciò che sa fare e la sua energia. Se continuerà ad avere una buona percentuale dall’arco, sarà importante per la squadra.



Sun-Arc: Mi piace un sacco Dario come persona, e da tutti i punti di vista è un buon compagno di squadra. Mi piacerebbe vederlo con Phoenix a lungo, perché può giocare da lungo e ha dato un ottimo contributo dalla panchina nella bolla; inoltre, può anche essere un titolare se, e quando, Ayton salterà delle partite. Sarei curioso di sapere se Saric preferisca un contratto sicuro a lungo termine, oppure un contratto corto ma ben retribuito. Partirei da 20 milioni per 4 anni, ma arriverei fino a 32, anche valutando come si evolvono le altre situazioni nel roster.


Il discorso su Carter è più complicato. Mi piace come giocatore, mi piace la sua difesa contro le guardie avversarie e il suo tiro da tre. Tuttavia, la sua incapacità di difendere su guardie più alte di 1.90m e di essere un vero playmaker mi preoccupano, in particolare perché quello è stato il problema della panchina durante tutta la “Regular” Season. Terrei Carter per un anno a 2 milioni e mezzo, o per due anni a 4 milioni. Jevon merita di stare nella Lega per la sola passione che ci mette in difesa, ma forse questa squadra, per come è costruita, non è il posto giusto per lui.


SDKyle: Onestamente, io darei ad entrambi un solo anno di contratto. Oppure due anni, ma con una team option. Mi piace molto Carter, ma non credo che debba avere minuti importanti in una buona squadra, specialmente se i Suns vogliono prendere una PG con la loro scelta al Draft.


Darei un’altra chance anche a Saric, ma questa stagione ha consolidato la mia idea che sia un giocatore che renderà sempre meno delle aspettative. Ha tutte le qualità per essere un titolare di qualità, ma solo per dei brevi lassi di tempo il suo talento si è visto. Se i Suns sono intenzionati ad offrigli un contratto dalla durata più lunga di un anno, non lo pagherei più di 15 milioni per due anni.



SouthernSun: Dario potrebbe essere titolare velocemente, e si è messo in mostra all’interno della bolla. È un giocatore estremamente produttivo se esce dalla panchina. Penso che i Suns lo faranno tornare e non penso che costerà, come molti dicono. Non c’è molto spazio salariale attorno al quale girare e non credo che molte squadre useranno una Mid-Level Exeption per lui. Non sarei sorpreso se i Suns lo riportassero indietro per una cifra tra i 5 e gli 8 milioni l’anno (8 milioni per un contratto da un anno, intorno ai 6 per un contratto di più lunga durata - potrebbe finire con 14 milioni in 2 anni).


Jevon Carter è un giocatore eccitante. E può dare il suo impatto, alle volte. Ad ogni modo, non prenderà più di 5 milioni all’anno. Questo è il mio limite massimo per lui.



Alex S: Per Saric il massimo che offrirei sarebbe 3 anni a 25 milioni. Qualsiasi cosa sopra questa, inizierebbe a non piacermi. Jevon, invece, mi piacerebbe vederlo con un contratto biennale da 8 milioni in totale, con una team option per il secondo. Mi piace la sua energia e la sua personalità, ma vorrei vedere un altro anno qualitativamente alto prima di concedergli un contratto di lunga durata.



3. Anche se i Suns non facessero nessuna rivoluzione sul roster, dovrebbero comunque rafforzare la propria profondità in panchina. Quali free agent dovrebbero provare a prendere, se questo è l’obiettivo primario?



GuarGuar: Bertans sarebbe un giocatore che aggiungerebbe molta spaziatura a questa squadra. La nostra efficenza da tre andrebbe alle stelle. Jerami Grant aggiungerebbe atletismo, del quale abbiamo estremo bisogno, e difesa. DJ Augustin sarebbe una PG di riserva ottima. Ci sono diverse soluzioni concrete là fuori che rafforzerebbero la profondità della squadra.



Sun-Arc: Sono eccitato dalle speculazioni su Fred VanVleet. Potrebbe essere complicato, visto che è diventato un titolare per i Raptors. Il suo arrivo implicherebbe la necessità di scambiare Oubre e/o Rubio? Adoro Rubio e non lo metterei in panchina, ma preferirei FVV come point guard, se dovessi scegliere. È un difensore migliore, tira meglio dal perimetro ed è più bravo in tante situazioni di gioco, nonostante Rubio sia un passatore migliore. Fred, poi, è quattro anni più giovane e penso sia più complementare accanto a Booker. Rubio è meglio per Ayton, ma non ho visto giocare molti pick&roll tra i due, finora.


Rimanendo in casa Raptors, Serge Ibaka sarebbe ottimo, ma non sono sicuro vogliamo pagare quanto potrebbe costare. Parlando invece di giocatori di "seconda fascia", andrei su Justin Holiday (tira più del 40% da tre e difende) e sostituirei Kaminsky con Meyers Leonard (anche lui tira sopra il 40% da tre).


SDKyle: Rischiando di essere banale, i Suns dovrebbero provare a prendere Christian Wood. È l’upgrade di Saric e non costa molto. Mi piacerebbe poter prendere qualcuno come Montrezl Harrell, ma non vedo come potrebbe essere possibile. Sono intirgato,poi, anche dalla possibilità di Fred VanVleet, ma non costerà poco e potrebbe creare problemi di chimica.



SouthernSun: Ai Suns serve incredibilmente una guardia che segni uscendo dalla panchina. Se non scambiano per un giocatore del genere, i free agent che avrebbe senso provare a prendere sono: Goran Dragic, DJ Augustin, Alec Burks e Jordan Clarkson. Chiunque di questi giocatori potrebbe stare in campo sia con Rubio che con Booker (o Carter o Payne), e guidare l’attacco quando D-Book è in panchina.


Ci sono stati troppi momenti in cui l’attacco si è quasi completamente fermato, quando i Suns avevano in campo Elie Okobo o Ty Jerome (o Jevon Carter, ma ci piace ed è comunque un'ala, non una PG) a guidare la squadra. Potrebbero colmare questa lacuna via trade. E se i Suns scambiassero per una guardia, allora avrebbero i soldi per un lungo. Delle buone aggiunte potrebbero essere: Jerami Grant, Christian Wood, Danilo Gallinari e Davis Bertans. Tutti questi giocatori sarebbero ottimi innesti, per ragioni differenti, anche se ci sarebbe molta competizione per il ruolo di PF titolare. Ma questa non è una cattiva cosa, anzi.



Alex S: Sono un grande estimatore di Joe Harris. Penso che si potrebbe fare, avendo 12 milioni da spendere e mettendo sul tavolo un contratto lungo. Ad ogni modo, un giocatore secondo me molto utile potrebbe essere DJ Augustin.




Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com