• Jacopo Di Francesco

Dentro la trade: 4 punti di vista sull'affare-Harden



Il peggior incubo delle squadre della Eastern Conference si è avverato. Gli Houston Rockets mandano James Harden ai Brooklyn Nets in una trade a quattro che porta in Texas anche Victor Oladipo.


Shams Charania di The Athletic ha riportato che a Houston andranno anche tre pick al primo giro non protette dei Nets (2022, 2024, 2026), insieme a quella del 2022 di Milwaukee (via Cleveland, sempre non protetta) oltre a ben quattro swaps di Brooklyn (2021, 2023, 2025, 2027). Per compensare l'aspetto salariale si aggiungono al pacchetto Rodions Kurucs e Dante Exum, da Cleveland; il valzer si chiude con Jarrett Allen e Taurean Prince ai Cavaliers, e Caris LeVert a Indianapolis con una pick al secondo giro del 2023.



Most valuable reaction: Mo Bamba

La trade blockbuster si è concretizzata neanche 24 ore dopo l'intervista lapidaria di Harden, con conseguente spazientimento di Wall e Cousins.


Wojnarowski di ESPN da mesi indicava questa come una possibilità concreta, mentre altri insiders riportavano Miami, Milwaukee, Boston e Portland come "destinazioni gradite" per il prodotto di Arizona; ma già ieri era chiaro come al tavolo ci fosse solo una concorrente, i Philadelphia 76ers di Daryl Morey. La trade è stata lavorata dagli stessi intermediari assoldati da Westbrook pochi mesi fa.


Per quanto resti avvolto nel mistero l'immobilismo - presunto - delle quattro sopracitate, le ultime indiscrezioni raccontano di come i Rockets fossero inamovibili dalla loro richiesta di Ben Simmons, Matysse Thybulle, Tyrese Maxey e tre pick al primo giro. Prezzo giudicato eccessivo sotto la Liberty Bell - a ragion veduta.


E' comprensibile anche la scelta di Houston di puntare su un patrimonio di pick piuttosto che su un giocatore per rimpiazzare Harden - in primis per il core che hanno già a disposizione, e poi considerando quanto fossero indietro dopo gli enormi sforzi fatti quando si andò all-in con Russell Westbrook e Robert Covington.


Vediamo ora, squadra per squadra, come cambia il panorama dopo una delle operazioni più importanti dell'ultimo lustro.





Brooklyn Nets


Quando hai la possibilità di mettere insieme tre ex/potenziali MVP, i dubbi su funzionalità, chimica e futuro si archiviano facilmente.


Certo, bisognerà riscoprire Jeff Green, e DeAndre Jordan è l'unico lungo a roster, ma dall'altro lato ci saranno un'infinità di tiri aperti per Joe Harris e Landry Shamet. E certo, tutto è appeso alla sindrome hippie di Kyrie Irving - ma quale migliore assicurazione di avere anche Harden a roster. I tre andranno tutti in scadenza alla fine della stagione 2022/23, ma fino ad allora non c'è davvero limite.


Potrebbe essere tutto molto diverso dall'ultima famigerata blockbuster nella palude, quando arrivarono degli stanchi Pierce, Garnett e Terry per affiancare Deron Williams, un'era geologica fa.





Houston Rockets



Nessuno vuole scambiare la propria stella, uno che nella storia della squadra è secondo solo ad Hakeem Olajuwon, eppure dopo tanti anni in cui Harden è stato centrale in ogni singola decisione per Houston, lui stesso ha deciso che era ora di salutarsi (non senza usare ogni mezzo, anche i meno deontologici).


Come detto in precedenza, il 2023 potrebbe essere una prima data di controllo per i Nets, e oltre metà del patrimonio di pick in mano a Rafael Stone è oltre quella data, e non è assolutamente dato di giudicarne oggi il valore. In più c'è Victor Oladipo, che mantiene in zona Playoffs il valore dei Rockets ed è nel suo contract year, quindi volendo non sarà difficile ricavarne altri asset.


John Wall sembra in piena salute, Christian Wood sta mettendo insieme numeri da All-Star. E Houston, dopo anni di grandi delusioni, ha magistralmente limitato i danni.





Indiana Pacers



A quanto pare era tutto vero: Victor Oladipo ne aveva abbastanza di grano e macchine da corsa. E i Pacers ora dormiranno più che tranquilli, avendo da lui ricavato uno dei contratti più invidiabili della Lega, quello di Caris LeVert.


Discutibile e non poco che LeVert sia un downgrade dall'attuale Oladipo, facilmente immaginabile che sia più funzionale con Brogdon e Sabonis. Incredibile ma vero, i Pacers vivono ancora sull'inerzia di quando scambiarono Paul George a OKC.





Cleveland Cavaliers


Ma tu guarda il 2021: dopo 26 anni i Browns vincono una partita di Playoffs, e apparendo dal nulla i Cavaliers fanno una gran figura in una trade dove nessuno li avrebbe messi.


Per l'esoso - sarcasmo - prezzo di Dante Exum e una pick di Milwaukee (non in Lottery, insomma) i Cavs si sono presi il contratto di Jarrett Allen e quello di Taurean Prince.


Se a Cleveland dovessero riuscire a muovere uno o preferibilmente due tra Andre Drummond, Kevin Love e Larry Nance Jr, sarebbero quantomeno interessanti sul lungo periodo.


Non male, considerando le abitudini storiche sul lago.




Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com