• Andrea Campagnoli

Alla scoperta di Moses Brown

L'ex OKC in 52 partite NBA ha mostrato sicuramente di avere delle lacune, ma anche di poter diventare un solido backup center per i Celtics dei prossimi anni.


FOTO: NBA.com

Questo articolo, scritto da Adam Taylor per Celtics Blog e tradotto in italiano da Andrea Campagnoli per Around the Game, è stato pubblicato in data 26 giugno 2021.



I nomi di Kemba Walker e Al Horford sono stati al centro delle discussioni intorno ai Celtics nell'ultima settimana. Il pensiero condiviso dalla maggior parte degli addetti ai lavori è che Brad Stevens, in qualità di nuovo President of Basketball Operations, abbia trovato un accordo in grado di migliorare la posizione dei Boston Celtics e di garantire loro maggior flessibilità futura nel salary cap, insieme all'aggiunta di un lungo con doti di playmaking.


Il nome di Moses Brown è passato un po’ inosservato. Nello scambio con i Thunder, il giovane è stato considerato da molti come una semplice pedina utile a far funzionare l'affare in termini salariali. Tuttavia, l'acquisizione di quel centro che aveva catturato 20 rimbalzi contro Boston all'inizio dell'anno, potrebbe essere qualcosa di più.


21 anni e con margini di crescita, Brown è un centro di 218 cm con un'apertura alare di 223 cm e 111 kg di peso (destinati probabilmente a crescere). Da lui Boston si aspetta protezione del ferro e del pitturato, e che sia un buon bloccante e un buon rollante nella metà campo offensiva.


Detto questo, le aree del gioco di Brown che esploreremo in questo articolo sono le seguenti: mobilità difensiva, IQ difensivo, protezione del ferro, rimbalzo e doti nel pick&roll offensivo. Migliorare in queste aree è la chiave per il suo sviluppo futuro.



Mobilità difensiva


Dopo aver guardato tutti i possessi difensivi di Brown dalla scorsa stagione, è abbastanza evidente il fatto che possieda un’ottima rapidità di andare su in verticale, ma che, allo stesso tempo, faccia molto fatica nella mobilità laterale.



Guardate il closeout di Brown su questo tiro. Prendete nota di quanti passi ha bisogno di fare quando cambia direzione per essere in grado di andare a contestare Evan Fournier. È come guardare un pattinatore sul ghiaccio mentre prende velocità.



Qui, la stessa storia. Brown ha bisogno di un passo o due per posizionarsi decentemente. Fortunatamente, per via della sua dimensione e lunghezza, l'incapacità di Brown di cambiare direzione rapidamente può essere compensata, ma è un set di abilità che ha un enorme bisogno di miglioramento.


Quindi, detto del male, ora che dire del bene?


Dall’alto dei suoi 218 cm, il centro più giovane dei Celtics sarà utilizzato principalmente quando è richiesta rapidità verticale; ossia, quando è necessario cambiare prontamente il ritmo mentre ci si muove in linee rette, sia avanti che indietro.



Non tutti i closeout possono disturbare il rilascio del tiratore, e il possesso qui sopra è un esempio di closeout tardivo. Tuttavia, la distanza che Brown copre tra la presa della palla e il rilascio è degna di nota. Durante la scorsa stagione, l'ex UCLA ha contestato moltissimi tiri in scenari simili e ha dimostrato di poter dire la sua in tali situazioni.



In questo video, dopo un blocco vediamo Brown rimanere davanti a Joe Ingles con la palla e a Rudy Gobert che taglia verso il ferro. Il centro dei Thunder è riuscito a mantenere un posizionamento con la giusta distanza dalla palla, sempre nel suo campo visivo, e ha anche seguito Gobert e ruotato il suo corpo durante il passaggio. Essere in grado di contenere i ball-handler assicurandosi che chi blocca nel pick&roll non ottenga una posizione vantaggiosa sarà fondamentale per trovare spazio nelle rotazioni dei Celtics.



IQ difensivo


Brown ha mostrato una scarsa comprensione nel quando e come dover aiutare i propri compagni se portato vicino al perimetro.


Come difensore, hai di solito due tipi di situazioni: quelle considerabili "sotto controllo" e quelle che possono essere classificate come "emergenza". Le situazioni di emergenza sono quelle in cui un ball-handler o un cutter ha battuto il suo uomo e l'aiuto è necessario per evitare un canestro immediato. Anche quando è necessario un aiuto urgente, però, ci sono ancora delle regole da seguire, ma Brown tende a gettare la prudenza al vento indipendentemente dalla situazione.



Quanto si vede in questo video non è propriamente la definizione di aiuto difensivo, ma i principi difensivi sono gli stessi. Terrance Mann esce snake da un pick&roll, trascinando il suo difensore con lui e aprendo spazio nel mid-range, prima di dare la palla a Jay Scrubb, che attacca l’area. È qui che Jaylen Hoard si dirige verso Scrubb, permettendo a Brown di concentrarsi sul contenimento e box-out di Daniel Oturu - ma Brown ha altre idee e decide di chiudere lui stesso su Scrubb, costringendo Aleksej Pokusevski a ruotare.


Scrubb legge il doppio closeout e serve Oturu con un lob. Recuperando, Brown riesce quasi a stoppare (commette fallo) il centro dei Clippers. Contro un 5 più veloce in quel movimento, però, questa sarebbe stata una schiacciata facile.


Fortunatamente per il nativo di New York, le sue dimensioni e la sua verticalità possono "pulire", a volte, questi errori, almeno quando accadono vicino al ferro.



Qui, invece, Moses Brown mette in mostra la sua protezione del ferro, in aiuto contro Oturu che aveva battuto il suo uomo in post. Brown mantiene la giusta posizione per assicurarsi che qualsiasi kick-out non si traduca in un tiro aperto, e allo stesso tempo per chiudere sul tiro sotto canestro. Che stoppa facilmente.


La disparità nella capacità di aiutare sul perimetro e nel pitturato è qualcosa di normale per giocatori di queste dimensioni, e Brown non fa eccezione. Tuttavia, gli errori di Brown - che ha giocato 52 partite NBA in carriera - nell'aiutare troppo sono assolutamente migliorabili.



Un altro aspetto promettente dell'IQ difensivo di Brown è la sua capacità di leggere le linee di passaggio, che ha portato il centro dei Celtics ad avere una media di 0.7 palle rubate a partita in 21 minuti di media.



Rimbalzo e protezione del ferro


Con la sua dimensione fisico-atletica, Moses Brown non ha problemi a catturare rimbalzi su rimbalzi, su entrambi i lati del campo, e a stoppare tiri. La cosa incoraggiante è che Brown è stato dominante sia nella metà campo difensiva che in quella offensiva nella stagione passata, raccogliendo anche 20 rimbalzi in un solo incontro come avvenuto contro i Celtics (altre 4 volte in stagione ha preso più di 17 rimbalzi).


Nelle 43 partite giocate con i Thunder, il 21enne ha tenuto una media di 8.9 rimbalzi a partita, di cui 3.6 offensivi. Onestamente, penso che Brown abbia il potenziale per diventare il miglior rimbalzista che Boston abbia avuto negli ultimi 15 anni circa.


Aggiungete all'equazione 1.1 stoppate in 21', un dato che può crescere con il miglioramento delle letture del giocatore (e del contesto in cui gioca).



Si può notare come il dominio sotto al tabellone di Brown sia legato anche alla capacità di effort prolungati e quanto sia disposto a combattere:



Degli 8.9 rimbalzi di media di Brown, 4.5 di questi erano contestati. E durante la scorsa stagione, il 33.8% dei punti del big man è arrivato da putback (232 punti e 25 shooting fouls).


Considerando che la scorsa stagione è stata la sua prima vera in NBA, direi che ha avuto assolutamente un buon inizio. Ora inizia il percorso per aggiungere sfumature al suo gioco, insieme ad aumentare la sua densità muscolare.



"È un ottimo giocatore. I ragazzi lo ameranno nello spogliatoio: ascolta, e farebbe di tutto per la squadra. Sta approcciando al gioco nel modo giusto", ha detto Al Horford ai media durante la sua conferenza stampa di presentazione.


Come detto, Brown a OKC ha dimostrato di poter essere un'ancora a cui aggrapparsi per la protezione del ferro, nonostante i suoi difetti quando trascinato fuori dal pitturato.




Attacco e pick&roll


Secondo i dati di tracking di Instat, Moses Brown ha giocato come rollante 97 volte la scorsa stagione, segnando 117 punti e subendo 18 falli (una palla persa in questi possessi, incoraggiante).


Brown sembra già essere un bloccante solido, che utilizza contact screen e slip screen per generare vantaggio. Ad oggi sembra difficile che possa sviluppare un gioco in short-roll; di contro, ha mostrato buona presenza come rim runner in situazioni di transizione.



Pick&roll come quello sopra sono stati i più frequenti la scorsa stagione; tuttavia, è plausibile credere che con più playmakng intorno a lui, sarà in grado di essere coinvolto in set come Chicago o veer screen. In ogni caso, la capacità di occupare spazio in verticale lo può rendere un bersaglio facile per il ball-handler.



Nel possesso qui sopra, possiamo vedere come il centro dei Thunder sia aggressivo quando riceve il pallone vicino al ferro; qui è bravo a fintare e poi chiudere con una schiacciata.


Una domanda che sicuramente vi starete ponendo è: "Moses Brown ha nel suo bagaglio tecnico qualche tipo di jump shot?". Al momento la risposta è no, ma abbiamo poche informazioni. Nelle sue 43 partite del 2021, si è preso solo 3 jumper. La meccanica di tiro è buona, ma i problemi sembrano essere con il suo rilascio. Ha preso, invece, 40 floater in stagione, segnandone solo 9 e mostrando ben poca sicurezza.



Conclusioni


Moses Brown può essere un giocatore sui cui vale assolutamente la pena lavorare. Non diventerà mai uno stretch five, e non raggiungerà mai l'impatto da rim runner e rim protector di Clint Capela, ma c'è la possibilità che diventi un giocatore molto utile in uscita dalla panchina.


I suoi limiti difensivi sul perimetro e nel mid-range per ora sono compensati dalla sua capacità di scoraggiare i tentativi di atttaccare il ferro e di stoppare quei tiri. I problemi di letture possono essere risolvibili nel tempo, mentre la sua rapidità laterale è il vero grosso punto di domanda.


In attacco, la sua capacità di giocare in transizione e di procurare seconde chances lo rendono un giocatore che probabilmente verrà coinvolto nelle rotazioni di coach Ime Udoka. Tuttavia, Brown non è in grado di generare buone spaziature, non ha capacità realizzative e non ha doti di creation, e questo insieme di limiti gli precluderà l'ipotesi di ritagliarsi minuti importanti.



I Celtics, nella trade Kemba-Horford, potrebbero avere ricevuto un valido secondo o terzo centro per i prossimi anni. Nel caso in cui migliorasse alcuni particolari del proprio gioco difensivo, potrebbe diventare anche una buona arma da usare contro i centri più dominanti in post-up.