• Davide Corna

Dove andrà Bradley Beal?


FOTO: NBA.com

Questo articolo, scritto da Sam Aldrich per Business Casual Basketball e tradotto in italiano da Davide Corna per Around the Game, è stato pubblicato in data 2 febbraio 2020.



Bradley Beal è uno dei giocatori con maggiore talento offensivo in NBA. Arrivando da una media di 21.3 punti a partita in carriera, finora sta disputando una stagione in stile-Harden, con circa 35 punti di media a partita, il 48% da due, il 34% da tre e l'89% ai liberi, per una percentuale "reale" al tiro del 52.6%. Beal sta anche tirando 8.6 liberi a gara, cosa che - quando si battono con quasi il 90% - rappresenta una fetta significativa dei suoi oltre 30 punti a partita.


Beal è stato semplicemente sensazionale in attacco, continuando a dimostrare di meritare un contratto al massimo. E probabilmente anche una squadra più competitiva.


Quella che a molti (me compreso) sembrava una legittima candidata per un posto ai Playoffs, è stata invece un deprimente miscuglio di problemi in termini di coaching, infortuni, sfortuna e disfunzionalità del roster. E con questa situazione dei Washington Wizards (6-15 in stagione, 14esimi a Est), anche quest'anno la guardia verrà cercata da diverse contender.


Russell Westbrook è quasi sempre stato l'ombra di se stesso, proseguendo il trend preoccupante degli ultimi anni - sembrano lontanissimi, oggi, i suoi tempi migliori. La squadra, poi, ha anche perso il suo lungo principale, Thomas Bryant, per un infortunio al crociato.


Le sconfitte in serie delle ultime settimane hanno portato alla frustrazione che è spesso ben visibile sul volto di Beal, stella della franchigia. E ne ha buona ragione: quando lui segna 40 o più punti, i Wizards hanno l'inconcepibile record di 6-19...


Sebbene Beal non abbia richiesto una trade, i sussurri sono ormai diventata discorsi ad alta voce negli ambiente NBA. Se e quando chiederà di essere ceduto, dove potrebbe finire?



Philadelphia 76ers ricevono: Bradley Beal.


Washington Wizards ricevono: Ben Simmons e una futura scelta al primo giro.



OK, sono partito col botto. Bradley Beal per Ben Simmons, con l'aggiunta di una scelta al Draft, sarebbe uno degli scambi più clamorosi nella storia della Lega, e credo che una mossa del genere avrebbe perfettamente senso per entrambe le squadre.

Philadelphia ha iniziato benissimo la stagione per diverse ragioni: Joel Embiid sta giocando a livelli MVP, l'impatto sulla squadra di Doc Rivers al posto di Brett Brown, l'acquisizione di un paio di ottimi tiratori da tre punti...


Tuttavia, i Playoffs sono ben diversi dalla Regular Season, e abbiamo visto diverse volte Simmons e i Sixers andare in difficoltà in post-season. E cosa potrebbe esserci di meglio per Daryl Morey (uno dei GM più "aggressivi" della Lega) che scambiare Simmons, con i suoi noti problemi al tiro, per una delle guardie tiratrici più forti della Lega?


Con un quintetto con Bradley Beal, Seth Curry, Danny Green, Tobias Harris e Joel Embiid per chiudere le partite, ci sarebbero 4 tiratori attorno al centro più dominante dell'NBA: un incubo per le difese. Credo che in questo modo i Sixers diventerebbero i favoriti della Eastern Conference, assieme a Brooklyn.


Sull'altro versante, Simmons è il miglior giocatore che i Wizards potrebbero ottenere in cambio di Beal, e potremmo finalmente vedere Ben condurre la squadra senza un centro da cui deve passare l'attacco. Con, probabilmente, una scelta in top 5 al Draft 2021, ricco di talenti, per la prossima stagione potrebbero affiancare la loro nuova star (qualcuno come Jalen Green, Johnathon Kuminga o Jalen Suggs) a Ben Simmons, Deni Avdija, Thomas Bryant, Davis Bertans e un ben riposato (e, si spera, in piena salute) Russell Westbrook. In più, Washington acquisirebbe un'altra scelta al primo giro andando a rimpiazzare quella ceduta a Houston nell'affare Wall-Westbrook.


Niente male.



Denver Nuggets ricevono: Bradley Beal.


Washington Wizards ricevono: Michael Porter Jr, Gary Harris, Monte Morris e una scelta al primo giro al Draft 2021.



Sì, sarebbe l'all-in che i Nuggets aspettano da tanto tempo. Circondare Nikola Jokic con guardie come Beal e Jamal Murray potrebbe rendere Denver la seconda squadra più difficile su cui difendere a Ovest, dopo i Lakers. Beal potrebbe anche alleviare il peso dall'attacco dalle spalle di Jokic in quelle serate in cui Murray non è al meglio.


Con questa mossa Denver non risolverebbe però i suoi problemi difensivi: si trovano nelle ultime 10 posizioni in termini di efficienza difensiva, e scambiare Gary Harris non sarebbe certo d'aiuto. È però legittimo sperare che l'impegno e le statistiche difensive di Beal possano incrementare in un ambiente più competitivo e dove avrebbe meno responsabilità offesive; e in ogni caso, il talento di questi Nuggets sarebbe da capogiro.


Bisogna anche considerare che Michael Porter Jr è stato coinvolto in voci relative a vari scambi negli ultimi due anni, ed è evidente che abbia sia la voglia che il potenziale per essere la prima punta offensiva di un attacco in NBA. Potrebbe avere questa opportunità a Washington, e gli Wizards avrebbero così la star attorno a cui costruire per il futuro, oltre ad acquisire due ottimi role player come Harris e Morris e una scelta al primo giro. MPJ potrebbe tranquillamente arrivare a una media di 25 punti a partita prima di uscire dal suo contratto da rookie, e sarebbe quindi un'ottima soluzione in cambio di un giocatore del calibro di Beal.




Golden State Warriors ricevono: Bradley Beal.


Washington Wizards ricevono: Andrew Wiggins, James Wiseman, la scelta al primo giro 2021 dei Minnesota Timberwolves (protetta 1-3), una scelta al primo giro al Draft 2023, una scelta al primo giro al Draft 2025, pick swap nel 2022 e nel 2024.



Questo scambio mi piace per entrambe le parti, e so che lo staff dirigenziale di Golden State sarebbe pronto a cogliere al volo quest'ottima opportunità. È chiaro che i Warriors puntano a vincere presto, visto che Steph Curry e Draymond Green si avviano alla fase discendente delle loro carriere. Golden State è attualmente ottava a Ovest con un record di 13-12, nonostante la devastante perita di Klay Thompson per un'altra stagione.


Inserire Bradley Beal al fianco di Curry trasformerebbe immediatamente i Warrios in una candidata alle prime posizioni a Ovest, e una potenziale candidata al titolo nel 2021/22, con Klay Thompson di nuovo disponibile. Beal andrebbe ad aggiungersi agli Splash Brothers, e Golden State riuscirebbe anche a liberarsi del contratto di Wiggins (nonostante i suoi grandi progressi in questa stagione).



Dall'altro lato, questo scambio metterebbe Washington in ottima posizione per il futuro, con una lunga lista di giocatori giovani e di asset. Potrebbero tranquillamente assorbire lo stipendio di Andrew Wiggins, e James Wiseman è un interessantissimo centro moderno con un gran potenziale come rim protector e come lungo versatile, in grado di giocare sia in area che fuori. Acquisirebbero anche la preziosa scelta dei T-Wolves al prossimo Draft (ammesso che Minnesota non ottenga una scelta fra le prime 3): se dovesse portare a Jalen Green o Johnathon Kuminga, il valore di questa pick sarebbe paragonabile a una prima scelta di molti altri Draft.


Washington riceverebbe anche altre due scelte al primo giro e due "pick swap" - un bottino simile a quello ottenuto dai Pelicans per Jrue Holiday. Si tratterebbe di un ottimo scambio per i Wizards, che dovrebbero guardare al futuro invece di cercare di aggiustare questo roster disfunzionale.




I Miami Heat ricevono: Bradley Beal.


Gli Washington Wizards ricevono: Tyler Herro, Andre Iguodala, Precious Achiuwa, Chris Silva, una scelta al primo giro al Draft 2022 e una al Draft 2025.



Di tutte le squadre che ho menzionato, Miami potrebbe essere quella che ha più bisogno di uno scambio come questo. Dopo l'incredibile avventura agli scorsi Playoffs, gli Heat hanno faticato in questo inizio di stagione, a causa di problemi relativi a infortuni e al Covid-19, e forse anche all'esser dovuti tornare con i piedi per terra. Gli Heat nelle prime cinque settimane di stagione sono stati 24esimi in efficienza offensiva, in forte calo rispetto al decimo posto dello scorso anno. E sebbene ci siano diversi giovani talenti in squadra, Jimmy Butler ha 31 anni e vuole vincere presto.


Gli Heat erano stati menzionati come possibile destinazione per James Harden, ma a mio parere Beal sarebbe molto più adatto per loro, che potrebbero utilizzarlo sia come portatore di palla primario, togliendo pressione a Butler, sia lontano dalla palla, sfruttando i blocchi e devastando le difese avversarie. Immaginate Coach Spoelstra che mette la palla in mano a Jimmy Butler con Duncan Robinson e Bradley Beal che si muovono sui blocchi: un autentico incubo per le difese, senza parlare poi delle abilità di playmaking di Bam Adebayo.


Rinunciare a Tyler Herro, che molti paragonano al giovane Devin Booker in quanto a potenziale e capacità realizzative, non è facile; lo stesso si può dire per Precious Achiuwa, che ha mostrato ampi margini di miglioramento. Tuttavia, un trio formato da Butler, Beal e Bam potrebbe condurre la squadra con sicurezza, rendendo Miami un avversario molto complesso da affrontare ai Playoffs.


Dal punto di vista di Washington, gli arrivi di Herro e Achiuwa, ancora nei loro contratti da rookie per diversi altri anni, e di altre due scelte al primo giro, aiuterebbe a costruire il futuro della franchigia. Con un po' di fortuna, i Wizards potrebbero disporre di uno young core formato da Cade Cunningham/Jalen Suggs, Tyler Herro, Precious Achiuwa, Deni Avdija e diversi altri role player, oltre ad altre scelte al Draft.


Io, fossi in loro, ci metterei la firma.




Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com