• Andrea Lamperti

Enough.



Dopo l'omicidio di George Floyd, gli USA e il mondo intero sono stati nuovamente scossi da un video, quello dell'aggressione subita da Jacob Blake, che in poche ore ha fatto il giro del Pianeta.


Un altro episodio di razzismo e violenza da parte di un agente della polizia verso un afroamericano disarmato.


Un altro. L'ennesimo. E stavolta è "enough" davvero.


I giocatori dell'NBA (più precisamente, quelli di Bucks, Magic, Rockets, Thunder, Lakers e Blazers), infatti, hanno ribadito con un gesto di enorme impatto che "Enough" non è solo una parola, uno slogan sulle divise da gioco.


Questa volta è "enough", "abbastanza", sul serio.


Sfruttando nuovamente la visibilità della piattaforma (e, in questo caso, le ripercussioni che potrebbe avere uno "sciopero" definitivo) per dare voce alle rivendicazioni di giustizia sociale, i giocatori di Bucks e Magic non sono scesi in campo per Gara 5, in programma ieri sera.


Boicottaggio.

Campo vuoto, sirena che suona, cronometro che scorre. Una pagina indelebile della storia dello sport.


Il messaggio è chiaro. In questa situazione, lo sport non viene prima del resto, e non puó neanchè essere una realtà parallela. Non ha senso che venga praticato, nè guardato. Ha senso solo che sia "usato" per promuovere una pretesa, anch'essa sulla divisa di molti giocatori: Justice.


E così, la stagione NBA è nuovamente ferma. E, secondo quanto riportato da Woj, "in pericolo", con diverse squadre che potrebbero lasciare già oggi la bubble.


L'NBA e gli atleti delle squadre ancora in corsa si confronteranno in giornata per cercare un'intesa.

Rimane da capire, con un'infinità di incertezze e interessi in gioco, se e come potrebbe riprendere la stagione NBA 2019/20.


Una stagione che ci è mancata, e tanto, durante i mesi di stop imposti dalla pandemia. E sì, ci siamo resi conto tutti che, comunque, ci manca la "solita" NBA, i "soliti" Playoffs, i palazzi pieni...


Ma questa notte l'NBA non ci è mancata.


Questa notte l'NBA non è e non puó essere un Gioco, nè un intrattenimento.


Massimo rispetto per una lega, prima ancora che di giocatori, di uomini.


ENOUGH.

#BlackLivesMatter




Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com