• Francesco Capano

I 66 giocatori in 10 anni scambiati... da LeBron James


Lebron_James_Around_the_Game
FOTO: SBM

Questo articolo, scritto da Nico Martinez per Fadeaway World e tradotto in italiano da Francesco Capano per Around the Game, è stato pubblicato l'8 giugno 2020.



LeBron James è senza dubbio uno dei giocatori più forti della storia della NBA. E ovunque il Re decida di giocare, l’obiettivo diventa automaticamente vincere il titolo.


Tra il 2010 e il 2018, LeBron ha vinto 3 titoli, giocando le Finals per 8 volte consecutive. Sì può essere o non essere fan di LBJ, ma non si può non ammettere che è il giocatore maggiormente in grado di svoltare il presente di una franchigia, trasformandola con la sua sola presenza in una "contender".


In molti hanno identificato il fattore decisivo nella sua leadership e nella sua capacità di prendere per mano la squadra, e i suoi compagni di squadra lo hanno sempre descritto pubblicamente come vera guida verso la vittoria. Ma giocare con LeBron ha un prezzo. James, infatti, non ha mai avuto problemi nel fare tutto il possibile per vincere, anche smuovendo la squadra e forzando delle trade per migliorare il roster.


Nel corso di questo decennio si è praticamente perso il conto di quanti scambi abbiano concluso le squadre del Prescelto, per non parlare del numero dei giocatori coinvolti (in arrivo e in partenza) nelle stesse. Partendo da un tweet di Bobby Marks (ESPN), però, siamo risaliti a tutti coloro che sono stati scambiati dalle squadre di LeBron nel periodo in cui vi ha militato, dal 2010 ad oggi.


Miami Heat 2010-2014 (13 giocatori):


Michael Beasley, Bojan Bogdanovic, Arnett Moultrie, Dexter Pittman, Sterling Brown, Joel Anthony, Jordan Mickey, Ben Bentil, Deyonta Davis, Roger Mason, Semaj Christon, PJ Hairston, Jaylen Nowell.



Cleveland Cavaliers 2014-2018 (43 giocatori):


Carrick Felix, Timothe Luwawu-Cabarrot, Anthony Bennett, Andrew Wiggins, John Lucas III, Erik Murphy, Dwight Powell, Malcolm Thomas, Abdel Nader, Kadeem Allen, Keith Bogans, Dion Waiters, Lou Amundson, Carsen Edwards, Furkan Korkmaz, Harry Giles, Tyus Jones, Rakeem Christmas, Brendan Haywood, Mike Miller, Justin James, Joe Harris, Anderson Varejao, Moritz Wagner, Albert Miralles, Matthew Dellavedova, Sasha Kaun, Caleb Swanigan, Mike Dunleavy, Mo Williams, Chris Andersen, Kyrie Irving, Kay Felder, Richard Jefferson, Eric Paschall, Dwyane Wade, Channing Frye, Isaiah Thomas, Moritz Wagner, Jae Crowder, Derrick Rose, Dimitrios Agravanis, Iman Shumpert.



Los Angeles Lakers 2018-ora (10 giocatori):


Sviatoslav Mykhailiuk, Michael Beasley, Ivica Zubac, Isaac Bonga, Jemerrio Jones, Moritz Wagner, Lonzo Ball, Josh Hart, De’Andre Hunter, Brandon Ingram.



Insomma, non è un mistero il fatto che, a causa del suo talento e della sua importanza, LeBron abbia spesso voce in capitolo riguardo le mosse della franchigia per cui gioca. Spesso si ha addirittura l’impressione che dietro ogni mossa ci sia la sua autorizzazione, o che alcune trade vengano fatte per esaudire sue specifiche richieste.


E’ difficile definire quanto un tale atteggiamento abbia influito sulla sua carriera e sui traguardi che ha raggiunto. LeBron James ha vinto tanto, nonostante le critiche, ed è indubbio che alcune trade lo abbiano aiutato.


"The cost of doing business with LeBron"...