• Davide Farinati

I migliori difensori degli anni '80


©️ The 94 Feet Report

Gli anni '80 hanno visto la nascita di grandi stelle. E di giocatori che dovevano provare a contenere il loro talento. Da Magic Johnson e Larry Bird a Julius Erving e Moses Malone: molte squadre avevano giocatori con doti offensive incredibili. Che dovevano essere fermate in qualche maniera.

Alcune squadre avevano specialisti difensivi, giocatori che riuscivano a fermare gli avversari. Altri avevano schemi che impedivano agli avversari di prendere i loro tiri preferiti. Trovare i migliori difensori di quegli anni, in ogni caso, è più difficile rispetto ad oggi, anche perché molte statistiche al tempo non erano disponibili.

Se è vero che alcuni dati difensivi sono in parte "gonfiati" dal fatto di giocare in una particolare squadra, allo stesso tempo, soprattutto guardando a quel periodo, è lecita la domanda: sono stati dati dei premi difensivi per la popolarità di certi giocatori? Ecco, secondo me, quelli che potrebbero essere considerati come primi due quintetti difensivi degli anni '80.

First Team All-Defense

G: Maurice "Mo" Cheeks - Il giocatore dei 76ers è andato tre volte su quattro in finale all'inzio degli anni ottanta, vincendo nel 1983. Philadelphia era guidata in attacco da Julius Erving e Moses Malone, ma quei Sixers erano speciali anche in difesa. Marcando i play avversari e, quindi, disturbando l'origine del gioco, Maurice Cheeks aveva il terzo miglior steal rate degli anni 80. Poi entrato nella Hall of Fame, è stato votato nel miglior quintetto difensivo per cinque volte.

G: Sidney Moncrief - Dopo una buona carriera collegiale, Sidney Moncrief è stato draftato dai Bucks e ha avuto fin da subito un impatto difensivo notevole in NBA. Grazie anche a lui i Bucks sono passati dall'essere una squadra sotto la media a una dominante nella metà campo difensiva. E' stato votato cinque volte nei quintetti difensivi e ha addirittura vinto due volte il premio di DPOY. Se non fosse stato per i numerosi problemi al ginocchio che ha avuto, ora sarebbe probabilmente molto più conosciuto.

F: Bobby Jones - La seconda arma difensiva dei già citati 76ers, Bobby Jones poteva marcare chiunque dalla posizione 3 in poi. In 12 anni di carriera è stato votato ben 11 volte nei quintetti difensivi. Lo ha aiutato giocare assieme a Julius Erving e Moses Malone, che erano buoni difensori anche loro. In praticamente tutte le categorie statistiche registrate in quegli anni Bobby Jones spiccava come uno dei migliori.

F: Bill Laimbeer - Scelto dai Cleveland Cavaliers nel 1979, Laimbeer dopo solo due stagioni è stato scambiato ai Pistons, di cui è stato una componente fondamentale sia sul campo che fuori per renderli una grande squadra. Anche se non ha mai registrato grandi statistiche difensive, Laimbeer si è definito come uno dei punti saldi della difesa dei Pistons.

C: Mark Eaton - La definizione di un "garbage man", Mark Eaton non ha mai registrato 10 punti di media nei suoi 11 anni di carriera per Utah. Quello che portava al tavolo era però la protezione del ferro migliore di tutti i giocatori degli anni 80. Ha bloccato di media 3.5 tiri per partita, e si parla della media della carriera - la migliore di sempre. Nessun altro giocatore ha stoppato più tiri in una stagione dei 456 che ha registrato Eaton nel 1985. Oltre alle stoppate, la sua sola presenza influenzava lo stile di gioco degli avversari. Eaton ha registrato il miglior BPM del decennio (5.7), ha vinto due titoli di DPOY ed è stato votato cinque volte nei quintetti difensivi.

Second Team All-Defense

G: Dennis Johnson - I Boston Celtics oltre a essere una squadra sempre in lotta per il titolo, erano anche costantemente una delle migliori in difesa, e questo grazie sopratutto a Dennis Johnson. Ha ricevuto nove selezioni per i quintetti difensivi ed era la migliore arma dei Celtics contro Magic Johnson.

G: Michael Jordan - Nonostante abbia giocato solo per metà del decennio, Michael Jordan entra di diritto in questa lista per la qualità della sua difesa. All'inizio della sua carriera professionale Jordan aveva energia da spendere in entrambe le metà campo. Secondo per "steal percentage" negli anni '80, Jordan ha vinto il DPOY nel 1988 quando ha registrato 3.2 palle rubate a partita e 1.6 stoppate. Se Jordan è considerato il miglior giocatore di sempre, di sicuro la sua difesa è uno dei motivi.

F: Larry Bird - Michaal Jordan, Larry Bird, sta diventando una lista di MVP degli anni 80? Forse sì, ma il talento difensivo di questi giocatori era troppo importante per escluderli. Prima di iniziare a scrivere questo articolo non pensavo di includere Larry Bird, ma poi mi sono accorto che non potevo fare altrimenti. Dal 1980 al 1987 i Celtics erano sicuramente una squadra difensivamente sopra la media, nonostante il loro unico punto fermo del roster fosse Bird. Quest'ultimo ha anche registrato il più alto Defensive Win Share del decennio (48.8). Mentre giocatori come Dennis Johnson, Kevin McHale e Rober Parrish erano sicuramente punti chiave della difesa dei Celtics, Bird aggiungeva anche grandi doti offensive.

F: Michael Cooper - L'unico giocatore ad aver ottenuto il rispetto di Larry Bird come difensore, la presenza di Michael Cooper negli "Showtime Lakers" ha di sicuro contribuito ai cinque titoli del decennio. "Coop" ha vinto il DPOY nel 1987 ed è stato selezionato otto volte per i quintetti difensivi.

C: Hakeem Olajuwon - Nessun giocatore ha mai avuto un impatto così grande in così poco tempo, entrando a far parte della Lega nel 1984 e distinguendosi come uno dei migliori giocatori in difesa. Pochi centri avevano la capacità di rubare tanti palloni come Olajuwon, senza dimenticarsi della sua capacità di proteggere il ferro. Nonostante non abbia il vinto il premio di DPOY fino agli anni '90, è stato selezionato tre volte per i quintetti difensivi negli anni '80.

©️ The 94 Feet Report

Questo articolo, scritto da Josh Cornellissen per The 94 Feet Report e tradotto in italiano da Davide Farinati per Around the Game, è stato pubblicato in data 12 dicembre 2018.

#nba #anni80 #michaeljordan #larrybird #olajuwon

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com