• Davide Corna

L'imprevista ascesa di Khris Middleton


khris_middleton_milwaukee_bucks_NBA_Around_the_Game.
FOTO: NBA.com

Questo articolo, scritto da Jeffrey Newholm per The Lead Sports Media e tradotto in italiano da Davide Corna per Around the Game, è stato pubblicato in data 15 maggio 2020.



Di recente il governo USA ha approvato un pacchetto di stimolo e sostegno conomico che ha elargito 1.200$ a molti cittadini americani - solo 1.200$? Beh, bastano per comprarsi una maglia di Giannis! Per fortuna, i Bucks non sono stati "tirchi" quando dovevano offrire un contratto al loro secondo miglior giocatore.


Prima dell'inizio della stagione 2019/20, Milwaukee ha (saggiamente) dato a Khris Middleton un ricco contratto da 178 milioni di dollari. E anche se può sembrarvi troppo, quando si riprenderà a giocare l'unico suono che John Horst e i suoi Bucks sentiranno sarà quello del registratore di cassa, mentre Khris continuerà a crivellare gli avversari canestro dopo canestro. Con le partite sospese, tuttavia, siamo nel momento ideale per riesaminare come Middleton è passato dall'essere un uomo di rotazione a giocatore fondamentale.



Un inizio tranquillo


I Pistons lo hanno scelto al Draft 2012 con la 39esima chiamata, e la sua prima stagione è stata modesta, in una squadra da 29 vittorie e 53 sconfitte.


Durante l'estate successiva, Milwaukee ha chiesto che venisse incluso nella trade che ha coinvolto Brandon Knight e Brandon Jennings. Mentre il primo ha finito per essere poco più di un asset per acquisire Michael Carter-Williams ( il quale poi, a sua volta, è stato coinvolto nello scambio per Tony Snell), Middleton ha iniziato a fare sul serio, contribuendo con 12.1 punti a partita in 30 minuti di media, in un stagione 2013/14 in cui Milwaukee tuttavia non fece benissimo.


In occasione di una vittoria contro Washington dimostrò un buon potenziale e una lodevole tendenza a dare meriti ai compagni (abitudine che non ha perso). Quando Jason Kidd ha chiesto alla squadra di dare il massimo, Middleton si è fatto avanti:



MINT OPENS


Il 15 dicembre 2014 ha segnato un momento di svolta. Molti tifosi Bucks erano certi che l'infortunio di Jabari Parker avrebbe portato a un periodo negativo. Quel giorno segnò invece un fondamentale innesto di fiducia per Middleton.


Quando le speranze di vincere una partita contro i Suns erano ormai molto ridotte, Khris ha segnato un buzzer beater fondamentale per evitare che i Bucks crollassero in un vortice negativo.



Qualche giornalista l'ha definito come uno banale "colpo di fortuna". La sola cosa banale riguardo a quel giorno, però, era l'opinione secondo cui Middleton fosse già arrivato al massimo del suo potenziale.


Più avanti, appena in tempo per i Playoffs, mandò in visibilio i fan con uno dei tiri più pazzi nella storia della franchigia.



I suoi ripetuti tiri allo scadere, poi, fecero in modo che i Bulls, vicini a chiudere la serie al primo turno sul 4-0, dedicassero fin troppe attenzioni a Middleton, permettendo così a Jarred Bayless di salvare Gara 4:



Nonostante la stagione dei Bucks sia comunque finita contro Chicago, il valore di Middleton è aumentato esponenzialmente.



9-5 CONSITENCY


I Bucks non hanno avuto molto successo dopo quella serie e fino al 2018, ma Middleton continuava a migliorare, e ha avuto anche l'occasione di dichiarare che non c'è nessun ingrediente segreto per il suo successo. Sono stati la memoria muscolare, lo studio dei filmati e l'abitudine a giocare ad alti livelli ad aver migliorato le sue capacità:



In una fondamentale vittoria in Gara 3 contro dei Raptors in ascesa, la sua mano calda ha impedito agli avversari di rimontare da 41-17.



Nel 2017/18 Khris ha giocato per 36.4 minuti di media con 20.1 punti, suo career high fino a quel momento. Tuttavia, i Bucks arrivarono di nuovo ai Playoffs solamente per un soffio, anche stavolta fra il settimo e l'ottavo posto.


Nonostante la sconfitta, la sua grande prestazione in Gara 1 sul campo di Boston ha dato motivo ai tifosi di molto essere ottimisti:



I Celtics alla fine massacrarono dei deludenti Bucks, e Middleton sembrò così essere un ottimo giocatore in una squadra mediocre. Per loro fortuna, di lì a breve Mike Budenholzer ha dato inizio a una scalata verso i gradini più alti della NBA.



All-Star e All-Milwaukee


Dal 2018 a oggi, Khris si è guadagnato due apparizioni all'All-Star Game ed è ufficialmente diventato una stella a Milwaukee. Alcuni sostengono che la sua considerazione in NBA sia stata eccessivamente alterata dalla corsa di Antetokounmpo al titolo di MVP.


Ma i Bulls non possono essere d'accordo...



Nel 2020, con i Bucks che viaggiavano a un ritmo da 70 vittorie stagionali, le cifre sono cresciute notevolmente. Ha fatto registrare il suo career-high di 51 punti in una entusiasmante vittoria per 151-131 contro Washington a gennaio, facendo tacere i detrattori. Purtroppo, la stagione è stata poi sospesa a causa del coronavirus.


Nel frattempo Middleton non ha solamente lasciato ai fan ottimi ricordi tramite i video delle sue prestazioni, ma è anche stato un ottimo esempio di altruismo. A marzo ha donato 100.000 dollari ai lavoratori del Fiserv Forum come aiuto durante il lockdown. E ancora meglio, si è rifiutato di pubblicizzare la sua donazione. Ha scritto solamente quattro tweet da quel momento in poi, e nell'ultimo ha celebrato la sua ragazza nel giorno della Festa della Mamma.



È normale che le nostri menti si allontino dal basket in questo periodo senza partite. Tuttavia, Middleton non permetterà al cuore e alla sua mente di allontarsi da Milwaukee.


E quando le luci si riaccenderanno al Forum, sarà sicuramente pronto a togliere la polvere dalle rotative, a entusiasmare i tifosi e a mandare smentire ancora gli scettici.