• Davide Corna

L'imprevista ascesa di Khris Middleton


FOTO: NBA.com

Questo articolo, scritto da Jeffrey Newholm per The Lead Sports Media e tradotto in italiano da Davide Corna per Around the Game, è stato pubblicato in data 15 maggio 2020.



Di recente il governo USA ha approvato un pacchetto di stimolo e sostegno conomico che ha elargito 1.200$ a molti cittadini americani - solo 1.200$? Beh, bastano per comprarsi una maglia di Giannis! Per fortuna, i Bucks non sono stati "tirchi" quando dovevano offrire un contratto al loro secondo miglior giocatore.


Prima dell'inizio della stagione 2019/20, Milwaukee ha (saggiamente) dato a Khris Middleton un ricco contratto da 178 milioni di dollari. E anche se può sembrarvi troppo, quando si riprenderà a giocare l'unico suono che John Horst e i suoi Bucks sentiranno sarà quello del registratore di cassa, mentre Khris continuerà a crivellare gli avversari canestro dopo canestro. Con le partite sospese, tuttavia, siamo nel momento ideale per riesaminare come Middleton è passato dall'essere un uomo di rotazione a giocatore fondamentale.



Un inizio tranquillo


I Pistons lo hanno scelto al Draft 2012 con la 39esima chiamata, e la sua prima stagione è stata modesta, in una squadra da 29 vittorie e 53 sconfitte.


Durante l'estate successiva, Milwaukee ha chiesto che venisse incluso nella trade che ha coinvolto Brandon Knight e Brandon Jennings. Mentre il primo ha finito per essere poco più di un asset per acquisire Michael Carter-Williams ( il quale poi, a sua volta, è stato coinvolto nello scambio per Tony Snell), Middleton ha iniziato a fare sul serio, contribuendo con 12.1 punti a partita in 30 minuti di media, in un stagione 2013/14 in cui Milwaukee tuttavia non fece benissimo.


In occasione di una vittoria contro Washington dimostrò un buon potenziale e una lodevole tendenza a dare meriti ai compagni (abitudine che non ha perso). Quando Jason Kidd ha chiesto alla squadra di dare il massimo, Middleton si è fatto avanti:



MINT OPENS


Il 15 dicembre 2014 ha segnato un momento di svolta. Molti tifosi Bucks erano certi che l'infortunio di Jabari Parker avrebbe portato a un periodo negativo. Quel giorno segnò invece un fondamentale innesto di fiducia per Middleton.


Quando le speranze di vincere una partita contro i Suns erano ormai molto ridotte, Khris ha segnato un buzzer beater fondamentale per evitare che i Bucks crollassero in un vortice negativo.



Qualche giornalista l'ha definito come uno banale "colpo di fortuna". La sola cosa banale riguardo a quel giorno, però, era l'opinione secondo cui Middleton fosse già arrivato al massimo del suo potenziale.


Più avanti, appena in tempo per i Playoffs, mandò in visibilio i fan con uno dei tiri più pazzi nella storia della franchigia.



I suoi ripetuti tiri allo scadere, poi, fecero in modo che i Bulls, vicini a chiudere la serie al primo turno sul 4-0, dedicassero fin troppe attenzioni a Middleton, permettendo così a Jarred Bayless di salvare Gara 4:



Nonostante la stagione dei Bucks sia comunque finita contro Chicago, il valore di Middleton è aumentato esponenzialmente.



9-5 CONSITENCY


I Bucks non hanno avuto molto successo dopo quella serie e fino al 2018, ma Middleton continuava a migliorare, e ha avuto anche l'occasione di dichiarare che non c'è nessun ingrediente segreto per il suo successo. Sono stati la memoria muscolare, lo studio dei filmati e l'abitudine a giocare ad alti livelli ad aver migliorato le sue capacità:



In una fondamentale vittoria in Gara 3 contro dei Raptors in ascesa, la sua mano calda ha impedito agli avversari di rimontare da 41-17.



Nel 2017/18 Khris ha giocato per 36.4 minuti di media con 20.1 punti, suo career high fino a quel momento. Tuttavia, i Bucks arrivarono di nuovo ai Playoffs solamente per un soffio, anche stavolta fra il settimo e l'ottavo posto.


Nonostante la sconfitta, la sua grande prestazione in Gara 1 sul campo di Boston ha dato motivo ai tifosi di molto essere ottimisti:



I Celtics alla fine massacrarono dei deludenti Bucks, e Middleton sembrò così essere un ottimo giocatore in una squadra mediocre. Per loro fortuna, di lì a breve Mike Budenholzer ha dato inizio a una scalata verso i gradini più alti della NBA.



All-Star e All-Milwaukee


Dal 2018 a oggi, Khris si è guadagnato due apparizioni all'All-Star Game ed è ufficialmente diventato una stella a Milwaukee. Alcuni sostengono che la sua considerazione in NBA sia stata eccessivamente alterata dalla corsa di Antetokounmpo al titolo di MVP.


Ma i Bulls non possono essere d'accordo...



Nel 2020, con i Bucks che viaggiavano a un ritmo da 70 vittorie stagionali, le cifre sono cresciute notevolmente. Ha fatto registrare il suo career-high di 51 punti in una entusiasmante vittoria per 151-131 contro Washington a gennaio, facendo tacere i detrattori. Purtroppo, la stagione è stata poi sospesa a causa del coronavirus.


Nel frattempo Middleton non ha solamente lasciato ai fan ottimi ricordi tramite i video delle sue prestazioni, ma è anche stato un ottimo esempio di altruismo. A marzo ha donato 100.000 dollari ai lavoratori del Fiserv Forum come aiuto durante il lockdown. E ancora meglio, si è rifiutato di pubblicizzare la sua donazione. Ha scritto solamente quattro tweet da quel momento in poi, e nell'ultimo ha celebrato la sua ragazza nel giorno della Festa della Mamma.



È normale che le nostri menti si allontino dal basket in questo periodo senza partite. Tuttavia, Middleton non permetterà al cuore e alla sua mente di allontarsi da Milwaukee.


E quando le luci si riaccenderanno al Forum, sarà sicuramente pronto a togliere la polvere dalle rotative, a entusiasmare i tifosi e a mandare smentire ancora gli scettici.




Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com