• Yuri Pietro Tacconi

L'ottimo secondo inizio di Derrick Rose ai Knicks

Per la seconda volta nella grande mela, D-Rose si è trasformato in un "distributore" sempre in cerca di tiri facili per i compagni, soprattutto i rookie.



Questo articolo, scritto da Harley Geffner per The Knicks Wall e tradotto in italiano da Yuri Pietro Tacconi per Around the Game, è stato pubblicato in data 16 febbraio 2021.



Giusto in tempo per San Valentino, il salvatore della franchigia dei New York Knicks, Leon Rose, ha deciso di portare Rose a New York.


Nelle sue prime quattro partite dopo che i Knicks hanno scambiato Dennis Smith Jr e una scelta al secondo round del 2021 di Charlotte, Derrick Rose ha tenuto medie di 13 punti e quasi 4 assist a partita. I numeri non balzano dallo schermo, ma il suo impatto in campo è stato palese per chiunque abbia guardato una qualunque di quelle 4 partite (3 delle quali sono state vittorie).


Riunendosi con il suo più volte ex-coach Tom Thibodeau, Rose ha immediatamente portato una presenza da veterano in campo. Si trova a suo agio con il modo di allenare di Thibs, e sta lavorando tutti i giorni con l’assistant coach Andy Greer per imparare rapidamente il playbook.


Rose ha già fatto suo il doppio ruolo di giocatore-allenatore: è lui che parla nell’huddle, che riunisce i giocatori in campo per far notare qualcosa durante i tiri liberi, che sta continuamente cercando di coinvolgere gli altri. Quella disponibilità a muovere la palla e trovare compagni con spazio, o dovunque ci sia un vantaggio, è probabilmente la più grande differenza dalla sua prima avventura con i Knicks.


I due cioccolatini per Obi Toppin qui sopra sono incredibili, e onestamente non sarebbero mai arrivati da Austin Rivers.


Nella prima esperienza con i Knicks di Rose, forse avrebbe tentato un complicatissimo e acrobatico layup, invece di trovare un compagno, come in questa azione:



Quegli incredibili layup, però, marchio di fabbrica di Rose, ogni tanto ci sono ancora, e vanno ancora a segno...



Considerando l’enorme impegno dei Knicks nella metà campo difensiva quest’anno (incredibilmente sono terzi nella NBA per Defensive Rating e primi nella percentuale dal campo concessa agli avversari), il grosso problema è al tiro da fuori. Il quintetto di partenza è pieno di non-tiratori, al momento. Nelle ultime settimane ci sono stati momenti in cui sembrava ci fosse davvero bisogno qualcuno che creasse gioco per i compagni e "accendesse la luce" in attacco.


La squadra è penultima in punti a partita, e nonostante la stagione mostruosa di Julius Randle, ci sono momenti in cui l’attacco fatica, quando è seduto o i suoi tiri non vanno a segno. RJ Barrett è incline a momenti di totale carestia in attacco, quindi ci possono essere momenti in cui, come nel terzo quarto contro Atlanta di qualche giorno fa, i Knicks non segnano per diversi minuti. Rose è perfetto per il ruolo di leader nei momenti di difficoltà: sa essere una scintilla per far ripartire l’attacco.


Contro i Rockets, i Knicks erano avanti, ma l'inerzia stava passando visibilmente nelle mano dei texani. Rose è entrato, ha attaccato con decisione il ferro e ha subito due falli in 30 secondi, il secondo dei quali ha avuto come risultato un and-one e fermare completamente il parziale dei Rockets.



Un altro esempio c'è stato nel secondo quarto della partita contro i Wizards: Rose è entrato e ha acceso l’attacco, realizzando in due possessi consecutivi un canestro e un assist perfetto per regalare a Toppin una schiacciata.



L'aggressività al ferro di Rose ha dato delle nuove soluzioni per la second unit, e Immanuel Quickley si è dimostrato un ottimo compagno di backcourt (abbiamo parlato QUI del suo clamoroso inizio di stagione).


IQ può essere un po’ passivo a volte in penetrazione; nonostante la sua finta di tiro apra spesso spazio, tende a ricorrere sistematicamente al floater, e questo - che certamente è un ottimo tiro - esclude la possibilità di far collassare la difesa nel pitturato e trovare uno scarico. Quando Rose va fino in fondo, invece, le difese devono aggiustarsi, e ciò porta spesso a tiri ad alta percentuale sugli scarichi.


Per ora l’esperimento Quickley-Rose ha fatto miracoli: prima del match contro gli Hawks, il reporter di SNY Ian Begley ha riportato che, nel piccolo campione di 59 minuti in cui hanno condiviso in campo, i Knicks fatto registrare frequentemente dei parziali positivi.


Nello stesso articolo Begley parla di come Quick, riguardo al giocare insieme a Rose, abbia detto:

“Per me, individualmente, è un aiuto sia in attacco e sia difesa. In attacco in particolare avere qualcun altro che può creare gioco semplifica tutto per me.”


Ovviamente per ora i due stanno giocando contro le second unit. Ma se il quintetto iniziale fa danni con la bully-ball di Randle e Barrett, ora la rotazione dei Knicks garantisce a Thibs delle certezze anche quando è tempo di far entrare le bench unit.


Idealmente, ci si aspetta che Elfrid Payton passi meno tempo in campo, con 25 o più minuti a testa per Rose e Quickley ogni sera. In ogni caso, quello che Thibs ha fatto con la rotazione delle guardie dall’arrivo dell'ex Piston ha funzionato finora.


E i Knicks, finalmente, stanno ottenendo delle vittorie con una discreta continuità.



Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com