• Lorenzo Lecce

Lakers: le 5 chiavi per vincere la serie con Houston

I cambiamenti in Gara 2 potrebbero essere il mantra dei Lakers anche per le prossime partite di questa serie.


FOTO: NBA.com

I Los Angeles Lakers hanno pareggiato la serie grazie a un cambiamento radicale tra Gara 1 e Gara 2. Frank Vogel e Jason Kidd hanno trovato delle contromisure non solo all'attacco di Houston, ma anche all'ottima difesa messa in mostra fino ad ora nei Playoffs.


Per riuscire a superare questo turno, i Lakers dovranno continuare sulla strada intrapresa in Gara 2 e migliorare in alcuni frangenti. I giallo-viola sono una squadra che riesce ad adattarsi a ogni avversario, ma i tempi di adattamento devono per forza di cose dimezzarsi: perdendo altre partite come Gara 1, il rischio di perdere la serie potrebbe essere concreto.


Ecco i punti chiave per LeBron James e compagni per aggiudicarsi le Western Conference Finals.



Transizione offensiva


Velocizzare la transizione è fondamentale per i Lakers, che sono una delle migliori squadre in campo aperto. Trovare punti facili rappresenta un'ottima soluzione alle difficoltà offensive emerse soprattutto in Gara 1.


La squadra di Frank Vogel ha concluso la Regular Season al secondo posto per punti in contropiede, oltre 18 di media a partita. La transizione spesso parte da una giocata difensiva: protezione del ferro e rimbalzo difensivo sono importantissimi per velocizzare l'apertura del gioco, ma fino ad ora i Lakers non sono stati perfetti, concedendo molti rimbalzi in attacco a una squadra molto piccola.



Small Ball


Il quintetto piccolo di Frank Vogel ha dato i suoi frutti in Gara 2 e ha causato molti problemi agli Houston Rockets, che non hanno trovato una risposta efficace.


Anthony Davis è passato alla posizione di centro a discapito di Howard e McGee. Il primo non ha giocato per scelta tecnica, mentre il secondo ha giocato appena 8 minuti. Morris (16 punti in 22') e Kuzma (13 punti in 20') hanno dato un grande contributo portando punti dalla panchina.


Fondamentale per il prosieguo della serie è proprio trovare punti dalla panchina. Molto probabilmente nelle prossime partite vedremo ancora tanta small ball.



Raddoppi difensivi


Il coaching staff dei Lakers ha deciso di rischiare, raddoppiando James Harden anche molto lontano da canestro, per togliergli il gioco dalle mani e costringere qualcun altro a fare il playmaker. I raddoppi dei Lakers hanno portato Harden a 5 palle perse e indirettamente hanno condotto Russell Westbrook a perderne addirittura 7.


La visione e lettura del gioco del Barba è sicuramente una delle migliori della Lega, mentre Westbrook è più limitato, soprattutto nel momento in cui manifesta grandi difficoltà al tiro dalla lunga distanza e la difesa dei Lakers gli nega facili conclusioni al ferro.


Se Houston continuasse a tirare così in queste situazioni, la strategia dei Lakers potrebbe essere vincente.



Effetto Rondo


Playoffs Rondo è tornato!


L'impatto che Rajon ha avuto in Gara 2 è stato un vero uragano, che ha tramortito i Rockets. I Lakers hanno segnato 11 dei 15 tiri generati da un passaggio di Rondo, per un totale di ben 28 punti; e neanche a farlo apposta, il suo plus/minus segna +28.



La difesa di Rajon Rondo è stata impeccabile e ha procurato ben 5 palle recuperate. Ora la vera incognita sarà la sua condizione fisica, dopo gli infortuni subiti che lo hanno rallentato non poco nel corso di questa stagione. Se il numero 9 riuscirà a dare continuità, Vogel avrà una freccia in più per il suo arco.



Difesa a zona e controllo delle linee di passaggio


I giallo-viola hanno adoperato varie difese per tentare di contenere l'attacco di Mike D'Antoni e in Gara 2 la zona si è dimostrata efficace per alcuni tratti di partita.


La zona consente ai Lakers di giocare sulle linee di passaggio e di sporcare parecchi palloni, anche grazie ai raddoppi difensivi. Le palle rubate generano contropiedi e punti veloci, che per LeBron e compagni sono vitali in questa serie.






Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com