• Riccardo Fadani

Le 3 partite di Playoffs con il punteggio più basso di sempre


FOTO: B/R

Questo articolo, scritto da Raunak J per Sportskeeda e tradotto in italiano da Riccardo Fadani per Around the Game, è stato pubblicato in data 2 settembre 2020.



Il testa a testa di Gara 7 tra Nuggets e Jazz si è concluso con una vittoria di Denver con il punteggio retrò di 80-78. Visto il punteggio così basso per una partita NBA, molti tifosi si sono chiesti quale sia stata la partita di post-season nella storia della Lega con lo score più basso di sempre.


Prima di rispondere a questa domanda, bisogna ricordare che la regola dei 24 secondi è stata introdotta nel corso della stagione 1954/55, rendendo il gioco più veloce (e meno noioso) rispetto al passato; per questo, terremo in considerazione solamente le partite giocare da quella stagione in avanti.



I punteggi più bassi


Gara 3 delle Conference Semifinals del 2002 tra Pistons e Celtics è la partita Playoffs con il punteggio più basso di sempre: 66-64, vittoria di Boston. Pierce, durante quel match, mise a referto 19 punti, diventando top scorer ex-aequo con Jerry Stackhouse dei Pistons.


FOTO: NBA.com

È interessante, ma non stupisce, che nelle tre partite Playoffs con i risultati più bassi di sempre siano sempre coinvolti i Pistons. Sia Ben Wallace che Corliss Williamson hanno preso parte a tutti e tre i match.


La seconda partita vide coinvolti, come avversari di Detroit, i New Jersey Nets nelle Finals del 2004: 78-56 per i ragazzi di Motor City e Big Ben con un Defensive Rating di 52.


Il terzo scontro, invece, è Gara 6 delle Conference Semifinals dello stesso anno, contro gli acerrimi rivali degli Indiana Pacers. I Pistons chiusero la serie, che si trovava sul 3-2, con una vittoria per 69-65; ed è interessante sottolineare che di questi 69 punti, 23 furono segnati nel solo quarto quarto, sigillando una vittoria in rimonta.



Utah Jazz vs Denver Nuggets (2020)


Ovviamente, Nuggets e Jazz hanno il record per il punteggio più basso di questi Playoffs, nonostante avessero una media rispettivamente di 115 e 119 punti nei sei scontri precedenti, dominati da Donovan Mitchell e Jamal Murray. Gara 7, invece, ha visto il risveglio di Nikola Jokic, che con 30 punti e 14 rimbalzi è stato il miglior realizzatore nella partita decisiva della serie.



Ultima, ma importante considerazione: Denver ha segnato solamente 30 punti in tutto il secondo tempo - un punteggio, questo, che solitamente rappresenta il parziale di un normale quarto giocato dai Nuggets.



Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com