• Alessandro Di Marzo

MVP, Finals MVP e DPOY: chi può vincerli tutti?


FOTO: Fadeaway World

Questo articolo, scritto da Eddie Bitar per Fadeaway World e tradotto in italiano da Alessandro Di Marzo per Around the Game, è stato pubblicato in data 5 febbraio 2020.



Molti sembrano dimenticare quanto fosse dominante Hakeem Olajuwon con gli Houston Rockets. Era semplicemente un mostro da entrambi i lati del campo, e le sue medie in carriera di 21.8 punti, 11.1 rimbalzi, 2.5 assist, 3.1 stoppate e 1.7 palle rubate a partita lo dimostrano. Chiaramente, questi numeri gli hanno riservato un posto nella Hall of Fame e hanno reso "The Dream" uno dei migliori della storia.


Hakeem conquistò il titolo e il premio di Finals MVP per due anni consecutivi (1994 e 1995), ma la stagione con più successi tra le due è stata di certo la prima, nella quale vinse anche i premi di MVP e Defensive Player of the Year. Accanto all’anello, quindi, ha messo in bacheca anche altri tre riconoscimenti - sì, in un solo anno.


Quali altri giocatori hanno fatto lo stesso? Nessuno, escluso "The Dream". Ma oggi ce ne sono quattro che potrebbero arrivare a raggiungere questo primato...



Anthony Davis


Davis è uno dei rari casi di talento alto 210 centimetri (apertura alare: 227 centimetri) e con abilità da guardia. Grazie alle sue spettacolari abilità su entrambi i lati del campo, potrebbe davvero vincere ogni premio disponibile.


È di certo in corsa per l’MVP, visto che si parla di uno dei cinque migliori giocatori della Lega e, insieme a LeBron James, fa parte di una squadra fortissima. E se Los Angeles continuerà a vincere, Davis sarà sicuramente tra i primi candidati per il premio.


AD potrebbe anche partecipare alle NBA Finals, obiettivo dei Lakers del presente e del futuro. Se riusciranno a raggiungerle (e a vincerle), supponendo che sia lui e non LeBron a guidare la squadra, l'ex Pelicans potrebbe anche ambire al premio di MVP delle Finals, soprattutto considerando il suo impatto difensivo.


Davis è alto abbastanza per stoppare e per proteggere il canestro, ma è anche in grado di marcare giocatori più piccoli di lui: una versatilità unica, che unita a una buona mentalità, può portarlo a vincere anche il premio di DPOY.



Kevin Durant


FOTO: USA Today

Supponendo (e augurandoci) che ritorni perfettamente in forma nella prossima stagione, KD può essere seriamente un altro inseguitore di questo record.


Il suo talento offensivo è innegabile, cosa che lo può sempre inserire tra i favoriti per l’MVP (premio che, oltretutto, ha già vinto nel 2014). Ha inoltre collezionato due Finals MVP consecutivi, dimostrando di sapere cosa significhi giocare al massimo livello quando conta.


Se i Nets recupereranno pienamente anche Kyrie Irving, avranno maggiori chance di partecipare alle Eastern Conference Finals.


Durante la sua ultima stagione con Golden State, inoltre, KD ha mostrato la sua crescita difensiva maturata durante i tre anni nella Baia, proponendosi come candidato per il DPOY (vinto poi da Rudy Gobert). Il supporto di Draymond Green alla guida del frontcourt e il sistema-Warriors l’hanno di certo aiutato a sprigionare il suo dominio difensivo, ma non c’è dubbio che possa nuovamente affermarsi ad altissimi livelli anche in questa metà campo.



Giannis Antetokounmpo


The Greek Freak è uno degli atleti più talentuosi che abbiamo mai visto. Alto 211 centimetri (wingspan 222 centimetri), è in grado di avere un impatto determinante sul Gioco in infiniti modi. Inoltre, non solo resterà a lungo uno dei migliori scorer della Lega, ma nella metà campo difensiva ha anche le doti per fermare la maggior parte delle stelle NBA.


Giannis è riuscito a vincere l’MVP nella stagione scorsa, e ha indubbie possibilità di ripetersi quest’anno. E il bello, nella sua carriera, deve ancora arrivare...


Milwaukee è inoltre la migliore squadra dell'Est, attualmente, e una delle contender più credibili della Lega. Se il greco riuscisse a guidare i Bucks al titolo, verrebbe quasi sicuramente nominato anche migliore giocatore delle Finals. Sarebbe l’unico, assieme a Kareem Abdul-Jabbar, a vincere questo premio con la franchigia del Wisconsin. Ma le possibilità di aggiudicarselo potrebbero dipendere anche dalla squadra per cui giocherà nei prossimi anni...



Kawhi Leonard


FOTO: Sportsnaut

Non solo Leonard ha già vinto Finals MVP e DPOY, ma è anche una delle migliori ali della storia del Gioco. L’unico traguardo che gli manca è il premio di MVP, che quest’anno, specialmente a causa del chiacchierato "load management", non vincerà.


Sicuramente i suoi Clippers avranno delle buone chance nei Playoffs, e lui di conseguenza come MVP delle Finals. Come nei Playoffs 2019 con la sua ex squadra, i Toronto Raptors.


Inoltre, "The Claw" se non ha problemi fisici è un giocatore costantemente in corsa per un altro premio, quello di Difensore dell’Anno, che ha già vinto ben due volte (2015 e 2016) quando giocava negli Spurs.


Con un po' più di partite giocate in Regular Season, teoricamente, tutti e tre i premi in questione possono essere suoi in una sola stagione.




Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com