• Claudio Biolchini

Play-in: tutto in 48 minuti

Lotta-Playoffs nella Western Conference: Blazers vicini all'ottavo posto, volata tra Grizzlies e Suns, Spurs quasi fuori. Come andrà a finire?


Damian_Lillard_Portland_Trail_Blazers_Nba_Around_The_Game
FOTO: NBA.com

Un finale incredibile tra Mavs e Blazers - fatto di triple impossibili, falli in attacco e cambi di leadership - ha visto prevalere la franchigia dell'Oregon con uno stratosferico Damian Lillard che ha infilato 61 punti, mettendo a segno 9 triple. Dame Time.


Ora la squadra allenata da Terry Stotts ha nelle mani il proprio destino per raggiungere lo "spareggio" addirittura da ottava classificata: basta una vittoria nell'ultima seeding game contro i Nets, che non hanno più niente da dire in quanto certi del settimo posto.



Per sciupare tutto, i Blazers dovrebbero perdere la loro ultima partita contro Brooklyn, e Memphis e Phoenix dovrebbero vincere rispettivamente contro Milwaukee e Dallas: uno scenario abbastanza improbabile.


Spareggio molto probabile per Lillard e compagni, dunque. Ma contro chi? Dietro è ancora bagarre.


I Phoenix Suns, con il record ancora immacolato dentro la bolla di Orlando (7-0), affronteranno i Mavs, che non avranno nessun interesse a rischiare infortuni nell'ultimo match, essendo "intrappolati" anche loro, come i Nets, alla settima piazza nella Conference. Sembra quindi una formalità per Devin Booker (anche lui caldissimo) e compagni.


I derelitti Memphis Grizzlies, che hanno vinto solo una partita su sette in Florida, troveranno Milwaukee già sicura del primo posto e del miglior record NBA. Le "seconde linee" dei Bucks (che saranno senza Antetokounmpo, squalificato), possono comunque mettere in difficoltà Memphis. In ogni caso, Ja Morant e compagni con una W potranno raggiungere Portland al "play-in", dato che hanno il tiebreaker dalla loro parte, essendo 3-1 in stagione contro Phoenix, che potrebbe finire con lo stesso record.


Praticamente fuori dai giochi i San Antonio Spurs, che devono battere i Jazz nell'ultima partita e sperare nella doppia sconfitta di Grizzlies e Suns. L'era delle qualificazioni consecutive dei texani sta per chiudersi?


Ancora tante emozioni e partite decisive, dunque, ci aspettano prima dell'inizio dei Playoffs della Western Conference - anche se il posto sembra decisamente prenotato per Portland, che difficilmente fallirà se dovesse arrivare al "play-in" con il vantaggio di poter vincere una sola partita su due.


La bubble, in ogni caso, sarà servita a Grizzlies e Suns. Gli Orsi hanno avuto il miglior Jaren Jackson Jr nelle prime uscite, ma poi hanno capito sulla loro pelle di essere ancora motlo acerbi; i Soli invece si sono riscoperti pieni di talento, e ora magari per il front office sarà meno difficile convincere il chiacchieratissimo Devin Booker a restare in Arizona con nuove motivazioni e ambizioni.


Insomma, gli effetti delle partite di Disney World si sentiranno anche nel medio-lungo periodo. Soprattutto se lo "spareggio" dovesse regalare sorprese...