• Claudio Biolchini

Rockets-Thunder: le chiavi di Gara 4 e della serie

Cosa ha lasciato la vittoria in Gara 3 a Chris Paul e compagni? La serie è riaperta? Come risponderà la micro-ball di Mike D'Antoni?


FOTO: NBA.com

Luguentz Dort è il giocatore più importante degli Oklahoma City Thunder, nella serie contro gli Houston Rockets. Questo è ciò che è prepotentemente emerso nuovamente in Gara 3, in cui il canadese si è confermato a livello difensivo, mettendo la museruola a James Harden. Il Barba ha comunque chiuso con 38 punti, ma con un misero 3/14 quando si è trovato "Lu" davanti.


Sia chiaro: nonostante abbiano mancato il 3-0, che poteva essere il colpo del KO, i Razzi restano nettamente favoriti per passare il turno, dato che sono arrivati comunque ai tempi supplementari in una Gara 3 in cui hanno giocato peggio degli avversari per tutta la partita; e per di più, l'overtime senza Harden (oltre che senza Russell Westbrook, ancora assente), uscito per falli, ha inciso sulla partita in modo non irrilevante, oltre a trattarsi di una casualità che difficilmente si ripeterà.


Ma torniamo a Luguentz Dort. L'undrafted canadese sembra essere entrato sottopelle al più forte realizzatore della NBA. La sua struttura fisica possente gli permette di non subire, ma soprattutto è bravissimo a non perdere mobilità laterale lasciando le braccia alte e bene in vista, evitando falli inutili che sono generalmente pane quotidiano per i viaggi in lunetta di Harden. Quando sei il migliore in campo pur tirando 0/6 da tre, significa che hai avuto un impatto speciale.



Un altro pilastro su cui credere per poter pareggiare la serie , per OKC, sono i tre piccoli Paul, Gilgeous-Alexander e Schroder, finalmente al loro meglio nell'ultima partita, e tutti e tre sopra i 20 punti. L'assenza di un vero rim protector nelle file dei texani lascia via libera ai loro 1vs1: se riescono ad alternarsi nel trattamento di palla e a punire da tre punti gli aiuti (9/23 combinato nell'ultima gara, sopra il 39%), sono un'arma difficilmente pareggiabile da altre franchigie della Lega. Small-ball in salsa Thunder.


Ah già, la small-ball. O per meglio dire, la micro-ball dei Rockets, che, pur senza un pezzo da novanta come Russell Westbrook, funziona eccome.


Il team di coach Mike D'Antoni subisce relativamente poco a rimbalzo e soprattutto non va mai sotto fisicamente nei tentativi di isolamento in post basso. Solamente 8 punti nella restricted area, in tre partite, per il nostro Danilo Gallinari (0 in Gara 3), che si è visto continuamente respinto dalla velocità di mani dei vari Gordon, Covington e Tucker.


Coach Billy Donovan non è riuscito a creare delle situazioni per poter esaltare la maggiore statura di Danilo e di Steven Adams, fino a questo momento molto marginale nella serie. In sostanza, per ora sono sempre stati gli altri a doversi adattare a Houston, mai il contrario.


La difesa regge: seppur il campione di partite sia limitato, i Rockets sono la terza miglior difesa di questi Playoffs in contropiede - essere piccoli ma veloci (e non andare a rimbalzo in attacco) serve per la transizione difensiva - che porta ad un quinto posto nella protezione del pitturato (36.1 punti subiti ogni 100 possessi).


Come detto in precedenza, a rimbalzo si soffre (noni come Defensive Rebound Percentage), ma è un sacrificio che per ora viene ben ripagato, aspettando avversari più difficili, come magari i Los Angeles Lakers al prossimo turno...


FOTO: SI.com

Altra bella notizia è la seconda giovinezza di Jeff Green. L'ex Cleveland viaggia ad oltre 16 punti di media nella serie con 11/21 dalla lunga distanza, arricchiti anche da un'incoraggiante presenza difensiva. Unico giocatore insieme ad Harden ad avere un +/- positivo in Gara 3, per ora sembra il giocatore inaspettato che può far saltare il banco per i Rockets.


Insomma, i texani sembrano aver trovato una quadratura del cerchio in assenza di Russ. Come si inserirà una volta pronto a tornare in campo? Il suo valore è indubbio, ma le sue scelte offensive a volte spericolate toglieranno ritmo e fiducia alla squadra? Nei possessi decisivi, in post-season, chi deve avere la palla in mano, lui o Harden?


Non sempre nella pallacanestro i talenti si sommano, cosa che con i Philadelphia 76ers abbiamo visto molto bene di recente. Meno RW0 sporcherà il foglio, e più i Rockets potranno proseguire con questo equilibrio.


Di sicuro, Gara 4 sarà decisiva per l'esito di questa serie.





Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com