• Emil Cambiganu

Steph & Dray, tra "Arte" e telepatia


FOTO: NBA.com


Chimica.


Ci sono diverse coppie, nella storia dello sport, che si formano quasi casualmente, ma che in realtà sembrano destinate fin dal primo momento a condividere un lungo percorso; quella costituita da Stephen Curry e Draymond Green è una di queste.


Due campioni geneticamente predisposti a giocare l'uno per l'altro: uno il miglior tiratore della storia, l'altro uno dei migliori difensori; uno straordinario giocatore dinamico senza palla, l'altro eccellente playmaker statico; uno con protagonismo eccentrico e sregolato pronto a esplodere dietro a una faccia da bambino, l'altro con una freddezza tattica naturale ben nascosta dietro a un carattere incandescente.


Steph & Dray, Dray & Steph. Primi baluardi di una nascente dinastia, ultimi rimasti (con il terzo ai box) a tenere in alto la bandiera in questo 2021, forti di cinque Finali e tre titoli alle spalle.


FOTO: NBA.com

È proprio senza Draymond che comincia la stagione del numero 30, e infatti la partenza non è da sogno: due blowout secchi contro Nets e Bucks, due vittorie sofferte più del dovuto contro Bulls e Pistons. Basta però il ritorno di Green per accenderlo, e alla seconda partita con il compagno ritrovato, Curry aggiorna il career high portandolo a 62 punti.


Dopo essere stato inizialmente accusato di non essere il floor raiser adatto a questo roster, attualmente Steph vanta dei numeri da capogiro, quasi paragonabili a quel 2016 da sogno: 30 punti di media con il 65% di true shooting, conditi da 6 assist.


Si sa, Steve Kerr ha costruito un sistema efficiente, e l'ha costruito intorno a Curry. Il sistema è Curry.


Il semplice numero di assist dice molto poco sulla sua capacità di creare per gli altri, sfruttando la sua gravity e le sue letture off ball; è l'unico davvero in grado di creare vantaggi costanti, anche senza toccare il pallone, in un attacco con poco talento: con lui in campo, secondo Cleaning The Glass, i Warriors segnano 17.7 punti in più ogni 100 possessi (secondo della Lega dietro al solo Lillard, a quota 19.2) e vedono salire la loro eFG% del 7,9% (anche in questo caso secondo nella lega, stavolta sotto a Embiid a +10,6%).


La superstar da Davidson College non esita nemmeno a uscire dagli schemi qualche volta, regalando le magie di cui è capace.



Draymond si è aggiunto ai compagni in corsa, solo alla quinta partita stagionale, dopo Covid e problemi al piede, ma Kerr non ha dovuto aspettare molto prima che il numero 2 trasformasse quella che sembrava una non-difesa in una difesa più che accettabile.


Dopo le prime 6 partite, in cui la squadra della Baia ha subito in media 123 punti a partita, la crescita è stata evidente. Oggi i Dubs si piazzano quinti nella classifica delle migliori difese, con un Defensive Rating di 108.9; il Defensive Player of the Year 2017 è ancora nell'élite della Lega per quanto riguarda i realizzatori nell'uno contro uno, e i suoi avversari diretti tirano col 35% dal campo; ma il suo compito più importante è il coordinamento continuo dei compagni, soprattutto nei momenti decisivi.



Ugualmente importante è l'apporto dall'altra parte del campo, dove l'orso ballerino è di fatto il playmaker della squadra. Con lui in campo l'Offensive Rating della squadra cresce di 11.1 punti ogni 100 possessi rispetto a quando è fuori, dato che lo piazza nel 97esimo percentile dell'NBA (Cleaning the Glass).


Gli infortuni di inizio febbraio di Looney e Wiseman hanno rappresentato un'ulteriore svolta. Giocando da centro di una small lineup, in questo mese Green ha una media di 10.5 assist. Il prodotto di Michigan è ancora uno dei pochissimi giocatori nella storia della lega ad essere così decisivo nonostante 5.2 miseri punti per partita, con il 35% dal campo e il 22% dall'arco.



"È Arte per me". Così Juan Toscano-Anderson ha descritto l'intesa tra Curry e Green, dopo la partita contro i Cavs di una settimana fa.


Non so se si possa chiamare "Arte", ma quello a cui assistiamo è un misto tra complementarità e conoscenza reciproca (alimentata anche dalle sfide a poker in aereo), che dà come risultato una sorta di telepatia quasi istantanea.



Insieme, i due hanno un on/off offensivo di +19,7. Separati, non sono gli stessi.


Curry non è Curry senza Draymond: senza di lui la percentuale dal campo del numero 30 scende del 10%, quella da tre addirittura del 15%.


Green non è, a maggior ragione, Green senza Steph: basta pensare che dei 211 assist serviti in questa stagione dal numero 23, ben 80 sono per Curry, quasi il 40%.


Concludendo, se identifichiamo il sistema "read and react" di coach Kerr in un grande libro, scopriremo che Curry e Green si trovano sempre sulla stessa pagina. E finché al timone ci saranno loro, ci sarà sempre speranza in quel di San Francisco.





Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com