• Emilio Trombini

Storia e possibile evoluzione del Logo NBA

Le conversazioni, il disagio, le sagome di Kareem e Wilt come possibile idea per il Logo NBA (e un eventuale cambiamento in futuro).


FOTO: The Undefeated

Questo articolo è stato scritto da Aaron Dodson per The Undefeated e tradotto in italiano da Emilio Trombini per Around the Game.



Nel 2011, quando l'Hall of Famer Jerry West ha intrapreso un tour per promuovere il libro West by West: My Charmed, Tormented Life, il co-autore dell'autobiografia, Jonathan Coleman, si meravigliava spesso di un certo fatto. "Ovunque andassimo, c'erano sempre dei ragazzini che lo riconoscevano e dicevano: 'Ecco Mr. Logo!' La cosa interessante è che per molte persone che non l'hanno mai visto giocare, Jerry è semplicemente riconosciuto come Mr. Logo".


Per più di metà della sua vita, Jerry è stato il simbolo globalmente identificabile della NBA. Il logo è stato una parte intrinseca della sua identità, per quella silhouette con le sue sembianze.


Nel 1969 (Richard Nixon assumeva la presidenza, Jose Feliciano vinceva il premio di miglior artista emergente ai Grammy e l'NBA aveva solo 14 squadre) il commissario NBA J. Walter Kennedy incaricò il consulente di Brand Identity, Alan Siegel, di dare all'NBA un nuovo look.


Siegel aveva osservato attentamente il logo della Major League Baseball disegnato da Jerry Dior un anno prima, e Kennedy voleva che il logo della sua Lega imitasse il design rosso-bianco-blu della MLB, completato nel 1968 per il centenario del baseball, e che fosse simile alla silhouette di un giocatore.


Mentre cercava l'ispirazione, Siegel si è imbattuto in una fotografia scattata da Wen Roberts che rietraeva West mentre palleggiava... Il resto è storia.


"Essere Mr. Logo non è qualcosa che interessava Jerry West. È stata solo un'idea di Walter Kennedy. Walter sentiva che era importante avere un marchio riconoscibile per la Lega", ha detto Coleman. "Jerry è certamente orgoglioso di essere Mr. Logo, ma allo stesso tempo ne è anche un po’ imbarazzato."



Per ragioni legali e finanziarie, la Lega non ha mai riconosciuto ufficialmente - e mai lo farà - il fatto che quella del logo NBA sia la silouhette di West. Ma tutti sappiamo che è così.


"Vorrei che non si fosse mai saputo che sono io il logo, veramente" - ha detto West nel 2017 su The Jump di ESPN. "L'ho detto più di una volta, è lusinghiero che sia io - e so che quello sono io. Ma se fossi l'NBA, sarei imbarazzato per questo. Lo sarei davvero. Se volessero cambiarlo, sarei d’accordo. Da un certo punto di vista vorrei lo facessero."


Dopo le dichiarazioni di West, The Undefeated ha incontrato Siegel per discutere la storia della creazione del logo, il suo rapporto con West e per capire se l'NBA accontenterà mai i desideri dell'Hall of Famer apportando un cambiamento.


(Nonostante i molteplici tentativi, West non si è reso disponibile per parlare di questa storia.)



Perché hai scelto Jerry West come silhouette del logo NBA?


Ho iniziato a pensare a questa cosa quando ero molto amico di Dick Schaap, il giornalista sportivo. Lui collaborava con la rivista SPORT, così gli ho chiesto se potevo guardare i loro file fotografici. Ho scorso un po’ attraverso i file e ho trovato una serie di immagini di giocatori NBA... Fino a quella di Jerry West, che è quella che poi ho usato come base del logo.


Mi aveva molto colpito la foto perché era bella, verticale e dipingeva Jerry mentre palleggiava. È una foto con del movimento. Ho disegnato otto, nove o dieci versioni diverse, e quella attuale si è rivelata la più efficace. L'ho presentata all'NBA, che l’ha approvata immediatamente e ha cominciato subito ad utilizzarla. Ai giorni d’oggi, avrebbero fatto un folle processo di ricerca per sei mesi; ai tempi, è piaciuto subito ed è stato usato per più di 40 anni.



Chi erano gli altri giocatori che hai preso in considerazione?


Ho guardato alcuni loghi dove c'erano delle mani intorno alla rete e alla palla. Ho guardato il gancio cielo di Kareem Abdul-Jabbar. Ho studiato Wilt Chamberlain, Tom Havlicek, Tom Gola e pochi altri che ricordo. Ma quello di West funzionava più di tutti. Era davvero elegante e classico... E a quel tempo, Jerry aveva partecipato all’All Star Game 12 volte e aveva vinto un titolo di MVP delle Finals.



Avevi comunicato inizialmente che il logo era di fatto Jerry West?


Quando ho presentato il logo, non mi sembrava importante. Non ho detto che era West. Ho detto che era basato su una foto che avevo trovato. In qualche modo, poi, la gente è riuscita a risalire a quella foto.


Io non ho mai detto nulla al riguardo. Ho incontrato il commissioner David Stern quando ero in vacanza e ne ho parlato con lui. Per qualche motivo, Stern non voleva riconoscere che il logo era basato su una foto di Jerry West.



Hai mai parlato con West di questa cosa?


Non avevo mai avuto alcuna conversazione con lui. Una volta l'ho incontrato in un ristorante, a Los Angeles. Era a pranzo con un ragazzo delle pubbliche relazioni. Era seduto al tavolo e mi hanno presentato a lui come il tizio che aveva creato il logo. Mi ha chiesto: "chi era il commissioner?" - e io risposi: "Walter Kennedy". Dopodiché, ha iniziato a mangiare senza più parlarmi.


Poi, l'ho incontrato prima di una partita dei Lakers. Ero a cena in un club privato con Jeanie Buss, come suo ospite. West era seduto a un tavolo con suo figlio. Sono andato e mi sono presentato di nuovo, ma lui è stato burbero, non ha detto nulla. In seguito il suo biografo, Jonathan Coleman, mi ha chiamato mentre scriveva il suo libro, e abbiamo parlato un po' assieme. Sembra che sia un po' a disagio nell'essere il simbolo dell'NBA.


Quando ho creato il simbolo della Major League Baseball, Harmon Killebrew mi ha chiamato e mi ha chiesto: "è basato su di me?" - io ho detto di no. Varie altre persone mi hanno chiamato chiesto "sono io quello? Puoi dire che sono io?" - ma io dicevo sempre di no. Nel baseball tutti volevano essere Mr. Logo. Ed ecco West, simbolo dell'NBA, che invece ne è a disagio. Dio solo sa perché.



Quando sono avvenuti questi incontri?


Quando l'ho visto per la prima volta al ristorante, credo fosse alla fine degli anni '90. La partita dei Lakers è stata invece negli anni 2000.



Perché pensi che la Lega abbia negato per così tanto tempo che West sia la base del logo?


Forse non volevano che fosse una persona reale, perché avrebbe rappresentato una scelta rispetto ad altri. O forse pensavano che West avrebbe voluto un compenso. Queste sono le due cose che penso. E mi sembrano spiegazioni ragionevoli, questa è la realtà.



Hai parlato con l'ex commissioner NBA, Stern, del logo e di un suo possibile cambiamento? Perché pensi che sia ancora lo stesso dopo tanti anni?


David Stern mi ha fatto mandare dei file, e penso che si stesse chiedendo se fosse necessario modificarlo o cambiarlo. Ma non ha mai detto esattamente il perché.


Il logo è molto riuscito. Fa quello per cui è stato progettato. È uno specchio del concetto di movimento. È molto elegante. Funziona al contrario, in bianco e nero, e funziona in applicazioni verticali. Come potete vedere, è usato in televisione in modi creativi. Esiste da molto tempo, ed è uno dei simboli più riconosciuti al mondo.


Ovunque io vada, nonostante tutte le cose che ho fatto nella mia vita, vengo presentato come "il ragazzo che ha creato il logo NBA". La gente si avvicina e mi chiede una foto. Quando ho fatto cose per la stampa, quando la gente ha fatto interviste con me, alcune di queste persone hanno chiesto il mio autografo. È davvero pazzesco.



Dovrebbe essere aggiornato? Pensi che lo sarà mai?


Sono stato nel business del branding per 45 anni, e le cose di cui sono più orgoglioso sono quelle che durano a lungo. MLB, NBA, 3M sono tre cose che ho fatto 45 anni fa. Quello dell'NBA è ormai un simbolo del basket. È usato in tutto il mondo. Ho file di circa 70 loghi sportivi di tutto il mondo che sono basati su questo - credo che finirò per scriverci un libro.


La gente dice che i pantaloni dovrebbero essere più lunghi e che lo sport ora è dominato da giocatori neri. Io credo che il simbolo abbia un grande valore e funzioni molto bene, ed è così riconoscibile che sarebbe un errore cambiarlo.


Detto ciò, penso che verrà cambiato? Sì. Perché viviamo in un mondo di cambiamenti. Arriverà qualche nuovo commissioner che per lasciare il segno lo modificherà.



Chi pensi potrebbe prendere il posto di West come silhouette?


Ho letto di gente che dice che dovrebbe essere Steph Curry. Ovviamente Jordan è un altro candidato. Ma non credo che ci si possa basare su un singolo giocatore. Ci sono da 50 a 80 atleti di fama mondiale nella storia dell'NBA. Dovrebbe essere un simbolo dello sport. Penso che sarebbe un errore se fosse basato su qualcuno di specifico, che sia LeBron James o chiunque altro.


Se mai modificheranno il logo, non credo che sarà ispirato a un altro giocatore. Sarà un giocatore nero? I pantaloni saranno più lunghi? Non lo so, ma è ciò di cui parlano tutti.


FOTO: NBA.com

Se l'NBA ti chiamasse domani e ti chiedesse di aggiornare il logo, saresti disposto a farlo?


No. Perché credo davvero che non dovrebbero cambiarlo. Sarebbe enormemente costoso cambiarlo, e io non credo di poter fare qualcosa di meglio.


Penso che per rispettare l'eredità di questo sport, il logo non debba essere per forza essere un atleta nero, avere per forza i pantaloni più lunghi, o rappresentare un giocatore che schiaccia. Quello di adesso è una presentazione davvero elegante e potente del basket. È difficile, graficamente, fare qualcosa di statico come questo, che abbia però al suo interno tensione, movimento e grazia. È molto difficile. Non credo proprio che dovrebbero cambiarlo.


Ho disegnato tantissimi simboli sportivi, ed è difficile. Non si devono mettere troppe immagini, deve essere semplice, deve essere potente, deve essere dinamico... il logo di adesso ha tutti questi elementi.


Un'altra cosa: il basket è cambiato molto in questi ultimi tempi. Sta iniziando ad essere un gioco dominato dalle guardie. E lui era un playmaker. C'è molto dribbling e molto movimento.



Speri di avere un giorno quella conversazione con West?


No, non mi interessa che West mi dica qualcosa al riguardo. Lo ammiro come giocatore e come GM, ha avuto una grande carriera. Non sento alcuna affinità o alcun interesse per lui, sono solo stato contento di vederlo giocare.



Cosa non sa il tifoso NBA sul logo?


Quando è uscita la recente ondata di articoli - dopo che West ha detto che non gli piaceva il logo e che ne era un po' a disagio - io ho ricevuto circa 2.000 email. Nel 95% di queste c’è scritto: NON CAMBIARLO.


Un tizio mi ha mandato qualcosa di incredibile, per scherzo. Mi ha mandato persone alternative che potrebbero essere simboli. Uno, con il primo piano della faccia di Dennis Rodman. Un'altra era una vignetta di Latrell Sprewell che soffoca P.J. Carlesimo. E mi ha mandato anche una foto di Manute Bol in piedi accanto a Muggsy Bogues.


Direi che il 90 / 95% delle persone è ancora convinto che il logo non dovrebbe essere cambiato. Si sono congratulati con me, e ne sono davvero contento. Spero vivamente che tengano ancora a lungo ciò che ho creato - ma sono realista, e so che potrebbe non essere così.




Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com