• Marco Marchese

Nuovo Hardaway Jr, nuovi Mavs

Con THJ nel nuovo ruolo da sesto uomo, è cambiato il volto della squadra.


Questo articolo, scritto da Davis Wilson per Dallas Sports Nation e tradotto in italiano da Marco Marchese per Around the Game, è stato pubblicato in data 27 febbraio 2021.



La recente vittoria dei Dallas Mavericks sui Memphis Grizzlies è avvenuta nonostante l’assenza per infortunio di Kristaps Porzingis (rientrato nel weekend) e con un Luka Doncic non al 100% fisicamente.


Tim Hardaway Jr ha preso in mano la squadra, e con 29 punti (7/11 al tiro da 3) l’ha condotta alla vittoria.


I Mavs hanno avuto un avvio di stagione poco convincente, ma Hardaway è riuscito spesso a distinguersi ed emergere. Il suo minutaggio potrebbe candidarlo per la corsa al premio di 6th Man of the Year, ma per qualche oscura ragione non ha ancora ricevuto alcuna attenzione su questo aspetto, neanche dai fan dei Mavs.


Oggi, è tempo di rendere a Cesare quel che è di Cesare e ammettere la sua importanza all’interno del roster.


Dando un'occhiata ai suoi numeri, in questa stagione Tim ha una media di 16.3 PPG, con il 44% dal campo e il 39% da tre circa: numeri che, nel loro insieme, segnano un miglioramento rispetto al passato. Rick Carlisle ha deciso ormai da diverse settimane di far partire Hardaway Jr dalla panchina, concedendogli ampio minutaggio con entrambe le unit.


Da sesto uomo, il numero #11 di Dallas ha migliorato tutte le sue statistiche offensiva, sia per quanto riguarda l'apporto realizzativo, sia per le sue percentuali da dentro e fuori il perimetro. Le sue migliori serate, partendo dalla panchina: 29 punti contro i Grizzlies (9/14 FG), 24 contro i Wolves (9/15) e 22 contro gli Hawks (8/15).


Dallas, cosa più importante, ha vinto ognuna di queste tre partite. E in generale, sembra che i Mavs abbiano tratto giovamento dal nuovo ruolo di THJ in uscita dalla panchina, come confermano le 9 vittorie ottenute nelle ultime 12 partite, con cui la squadra si è riportata a ridosso della zona-Playoffs.


Carlisle la scorsa settimana ha parlato di quanto sia importante l’apporto di Tim partendo dalla panchina e del suo approccio professionale al nuovo ruolo di sesto uomo. Certo, tutti i giocatori vorrebbero partire titolari, e senza dubbio THJ potrebbe anche farlo; ma si è reso conto che in uscita da panchina è riuscito a migliorare le sue prestazioni e aiutare la squadra a vincere.

“E' proprio per questo che sono qui. È ciò che voglio fare, voglio far parte di questo gruppo, un gruppo vincente, con una cultura vincente. A qualsiasi costo.” (Tim Hardaway Jr)


Vittorie e sconfitte. Nelle prime, Hardaway totalizza 18.4 PPG, mentre quando la squadra perde la media è di 13.9. Una gran bella differenza, non certo casuale.


A volte THJ può diventare frustrante, perché si prende molti tiri e quando non è in serata è un guaio per i Mavs, ma questo è il suo modo di stare in campo. Lui DEVE tirare: è quello che sa fare meglio in attacco ed è quello che la squadra gli chiede. Quando Hardaway Jr segna più di 20 punti, i Mavs hanno un record nettamente positivo; quando mette a segno tra i 15 e i 19 punti, il bilancio è intorno al 50%; e quando rimane sotto i 15 punti, invece, la squadra ha un record negativo.


Non è un caso che, di pari passo con il cambio di ruolo di THJ, i Mavs abbiano cambiato marcia. La franchigia ha iniziato a vincere più partite di recente: dopo aver chiuso il mese di gennaio con una serie di 6 sconfitte di fila, infatti, ora sono reduci da un mese decisamente positivo (9-3 a febbraio).


È evidente a tutti che quando entra Tim Hardaway Jr in campo, i Mavs siano più efficaci (l'Offensive Rating della squadra sale di circa 3 punti, infatti). E quando la squadra è difficoltà, sa che può contare su di lui e sulla sua (rara) abilità di far ritrovare energie ai compagni quando incassano dei parziali e perdono fiducia.


Una caratteristica che ogni allenatore vorrebbe avere a disposizione.