• Matteo Lattuada

Trae Young e gli Hawks, "una nuova era ad Atlanta"


FOTO: NBA.com

Questo articolo, scritto da Marc J. Spears per The Undefeated e tradotto in italiano da Matteo Lattuada per Around the Game, è stato pubblicato in data 17 giugno 2021.



Fino a poco tempo fa, Killer Mike riceveva occasionalmente delle richieste di biglietti per le partite degli Atlanta Hawks. Ora, con gli Hawks di nuovo competitivi e popolari come lo erano ai tempi di Dominique Wilkins negli anni '80, il rapper/attivista - che ha un negozio nella State Farm Arena - ora racconta di amici che ogni giorno chiedono biglietti per lo spettacolo più caldo di Atlanta.


"Negli ultimi due anni ricevevo una chiamata ogni due mesi per i biglietti degli Hawks", ha detto Killer Mike a The Undefeated settimana scorsa. "Ho ricevuto almeno 20 chiamate al giorno per i biglietti nelle ultime settimane. Questa è la differenza: la gente vuole vederci vincere. Gente che è davvero di Atlanta e non gente che si è appena trasferita qui con le maglie della squadra di casa. Quello che sto iniziando a vedere sono molte meno maglie di altre squadre, e molte più maglie degli Hawks".


Gli Hawks hanno mancato i Playoffs per tre stagioni consecutive dal 2018 al 2020. Anche questa annata è iniziata male, con infortuni di giocatori chiave e problemi interni che hanno portato a un record di 14-20 e all'esonero del capo allenatore Lloyd Pierce dalle sue funzioni, l'1 marzo. Poi è successo l'inaspettato.


Con l'head coach ad interim (inizialmente) Nate McMillan, gli Hawks hanno raggiunto un record di 27-11 e sono passati dall'11esimo posto nella Eastern Conference al quinto.


Con Trae Young a trascinare la squadra, Atlanta ha sconfitto i New York Knicks nel primo turno dei Playoffs in cinque partite. E la febbre in città ha raggiunto un livello ancora più alto negli ultimi giorni, con la serie contro i Philadelphia 76ers nelle Semifinali di Conference che si deciderà al settimo atto.


"La gente non si aspettava molto da una squadra all'11esimo posto, quando tutto è iniziato", ha detto Dominque Wilkins. "Poi è arrivato Nate McMillan e ha dato fiducia e struttura alla squadra. Ora, i ragazzi credono a tutto questo, ed eccoli ai Playoffs con una sicurezza incredibile. È fantastico da vedere".


A livello nazionale, gli Hawks alla vigilia delle Conference Semifinals erano forse la meno quotata delle squadre ancora in corsa per arrivare alle NBA Finals 2021. Ma non ditelo agli atlantani, che stanno riempiendo il centro della città con le loro maglie degli Hawks in questi giorni.



"È un pandemonio giocare qui", ha detto Wilkins a The Undefeated. "I fan non sono mai stati così eccitati. La temperatura è caldissima, e per me è fantastico vedere questo tipo di energia".


Molti potrebbero sostenere che questo è il momento più emozionante per gli Hawks da quando Wilkins era la star della squadra. Dagli anni di "The Human Highlight Reel".


Wilkins ha avuto una media di 26.4 punti a partita durante le 12 stagioni con gli Hawks. La sua maglia n. 21 è ormai ritirata. 'Nique non era solo popolare ad Atlanta, riempiendo ogni sera i posti a sedere nell'Omni Coliseum, ma era popolare tra i fan di tutta la NBA - in primis per le sue schiacciate ad alta quota, che lo hanno portato a vincere due Slam Dunk Contest. Non è un caso, del resto, che ci sia una statua di Wilkins che schiaccia, fuori dalla State Farm Arena.


Detto ciò, dopo Dominique gli Hawks hanno avuto alcuni giocatori di talento, come l'altro Hall of Famer Dikembe Mutombo, oppure Mookie Blaylock, Joe Johnson, Al Horford, Josh Smith; ma Wilkins ha detto che "senza dubbio" Trae Young è il giocatore più emozionante ad aver indossato la maglia Hawks in questi anni.


"Da un punto di vista di star player, quello che Trae Young ha contribuito a creare qui è davvero incredibile", ha detto Wilkins, ora analista televisivo per gli Hawks. "Porta divertimento, e questo è ciò che la gente vuole. Oltre a voler vincere, vogliono essere intrattenuti. E questo piccolo ragazzo lo fa in un modo speciale".


Uscendo dalla sua prima stagione All-Star nel 2020, Young ha registrato una media di 25.3 punti e 9.4 assist a partita nel 2021. "Ice Trae", come è stato soprannominato ad Atlanta, fa impazzire i tifosi con il suo range di tiro e per la sua clutch attitude.


Al Madison Square Garden, chi c'era alla sua prima di Playoffs in carriera, ne sa qualcosa...




Nella prima Playoff run della sua carriera, Trae ha una media di 29.8 punti e 10.5 assist in 11 partite.


"Abbiamo avuto alcuni grandi giocatori qui", ha detto Killer Mike, "ma, quando i tifosi di Atlanta parlano di basket, dicono che gli unici ad infiammare davvero gli spettatori sono Dominique Wilkins e Trae".


Killer Mike dà credito per la mentalità vincente dei giocatori alla proprietà degli Hawks. Tony Ressler, l'ex stella NBA Grant Hill e diversi altri investitori hanno raggiunto un accordo per acquistare la franchigia nel 2015 da un precedente gruppo di proprietà guidato da Bruce Levenson. La decisione di Levenson di vendere gli Hawks è arrivata dopo aver ammesso nel 2014 all'NBA di aver inviato una mail razzista nel 2012.


"La crescita di un'organizzazione inizia dalla proprietà, poi dipende dai chi scende in campo e di nuovo dalle scelte manageriali", ha detto Killer Mike. "Quando abbiamo scambiato Luka per Trae nella notte del Draft 2018, sapevo che gli Hawks sarebbero cambiati con Young. Pensavo che avremmo fatto qualcosa di buono, ma non credevo che ci sarebbe stato un cambiamento netto così presto".


Trae oggi è circondato da un gruppo di giocatori di talento, che include Bogdan Bogdanovic, John Collins, Clint Capela, Danilo Gallinari, Kevin Huerter, De'Andre Hunter (out in questa post-season per un infortunio al ginocchio) e il nativo di Atlanta, Lou Williams.


Indipendentemente da ciò che accadrà in Gara 7 contro Phila, Killer Mike è fiducioso che il futuro sarà luminoso per la franchigia:


"Come ricordo sempre alle persone che indossano le maglie di altre squadre, in particolare di Boston, New York, Los Angeles e Philadelphia: 'Dovresti saperlo ormai, che i tuoi figli indosseranno le maglie degli Hawks'. Indosseranno le maglie di Trae. Siete l’ultima generazione a non tifare gli Hawks."


"Mi piacerebbe andare avanti ancora in questi Playoffs. Ma anche se non ci riuscissimo, saremo carichi per la prossima stagione. Questa città sarà in fiamme. Sentiamo di essere all'inizio di una nuova era nel basket giocato ad Atlanta".