• Nicola Ripari

“Vendi questa dannata squadra.”

James Dolan, proprietario dei New York Knicks e della Madison Square Garden Company, è tornato sulle prime pagine dei giornali per un'altra vicenda controversa.


FOTO: NBA.com

Questo articolo, scritto da Emmanuel Rodriguez per New York Sports Nation e tradotto in italiano da Nicola Ripari per Around the Game, è stato pubblicato in data 28 settembre 2020.



Stando a quanto riporta il suo sito web, Max Rose è un veterano dell’esercito americano che ha prestato servizio in Afghanistan dal 2012 al 2013, guadagnandosi una Stella di Bronzo, un Cuore Viola e un Distintivo del Combattente.


Rose, che è un Ranger qualificato, continua a servire la Guardia Nazionale ed è il primo veterano post 11 settembre a rappresentare New York City.


Rose è anche un deputato in carica nell’undicesimo collegio elettorale di New York, dove rappresenta Staten Island e South Brooklyn.


Rose è tifoso dei New York Knicks. E ha rilasciato a TMZ SPORTS una dichiarazione che esprime esattamente il pensiero di tutti i fan dei Knicks:

“La squadra non si qualifica per i Playoffs. Non cambia mai niente.” (Max Rose)

Queste le dichiarazioni rilasciate da Rose in uno sfogo a Capitol Hill, Washington D.C.


Ha poi proseguito, dicendo:

“Ogni anno si fallisce l’obiettivo Playoffs e la città di New York ci rimette. Noi perdiamo un pezzo della nostra anima. Vendi al più presto. Fallo per il nostro bene, fratello! Ascoltate, i Knicks devono tornare. Dolan deve solamente vendere. Sta letteralmente abbattendo la squadra. È vergognoso!”

L’esperienza ci insegna che James Dolan non è particolarmente incline ad accogliere bene le critiche sulla sua gestione dei Knicks. Spesso si è coperto di ridicolo facendo interdire diversi fan dal Madison Square Garden, a causa della sua permalosità e del suo ego smisurato.


FOTO: New York Sports Nation

Si è fatto trascinare in scontri pubblici con vecchi giocatori dei Knicks, come Charles Oakley, oppure con tifosi storici, come Spike Lee. Dolan non sembra capire che i Knicks sono già lo zimbello della Lega e che tutti questi comportamenti, tutti i ban e i tira-e-molla mediatici non fanno altro che peggiorare la situazione.


Le critiche di Rose sono arrivate all’orecchio di Dolan.

“Max Rose pensa di poter sfruttare la nostra squadra e la mia proprietà come la sua piattaforma politica." (James Dolan)

Questo è quanto scritto da Dolan in una email indirizzata ad amici, inclusi altri proprietari NBA, inviata la settimana scorsa e poi ottenuta del New York Post.

“Voglio fargli sapere che noi non siamo disposti ad accettare tutto questo.” (James Dolan)

E quindi, in che modo James Dolan dimostrerà al mondo di non voler permettere che "i Knicks siano sfruttati per fini politici"? Secondo il Post, Dolan ha contribuito a sostenere Nicole Malliotakis, avversario repubblicano di Rose.

“Il modo migliore per farlo è aiutare l’avversario di Rose.” (James Dolan)

Ha aggiunto Dolan nella sua email.

“Sarà un serrato testa a testa per rappresentare Staten Island nel Congresso. Per favore, sostenetemi nell’aiutare Nicole (Malliotakis, ndt) a sconfiggere Max Rose. Servirà per mandare un forte segnale a tutti i politici di NY: i Knicks non possono essere usati per la loro rielezione." (James Dolan)

Si, avete capito bene!


Dolan ritiene che il modo migliore per dimostrare che i Knicks non possono essere usati per fini politici... sia quello di usare i Knicks proprio per fini politici.


Dolan ha confermato che un assegno da 50,000 dollari è stato staccato in favore del “The Governing Majority Fund”, un comitato di azione politica guidato da John Faso e Jeff Denham, un tempo rappresentati del congresso. La missione del Comitato è aiutare i repubblicani a riprendersi la Camera dei Rappresentanti.

“Faso ha detto che le dichiarazioni di Rose hanno infastidito molto Dolan, perché il Ranger ha sostanzialmente descritto i Knicks come una squadra di m...a; così Dolan ha reagito: ha firmato e indirizzato l’assegno da 50.000 dollari al suo comitato di azione politica."

È quanto rilasciato al Post da una fonte vicina a Faso.


Dolan nel 2016 fece anche una donazione per sostenere la campagna presidenziale di Donald Trump. Inoltre, i Knicks sono stati l’ultima franchigia della NBA, una Lega dove la maggior parte degli atleti è di colore, a rilasciare una dichiarazione a seguite dello spietato e insensato omicidio di George Floyd.


In un memo indirizzato ai dipendenti della Madison Square Garden Company, Dolan ha scritto:

“So che alcuni di voi hanno chiesto se la società avesse intenzione di rilasciare una dichiarazione pubblica. Il Coronavirus e i disordini sociali stanno facendo sentire il loro peso sul nostro modo di vivere. Noi, al Madison Square Garden, sosteniamo i nostri valori di sempre: il rispetto e la tutela di un luogo di lavoro pacifico. Lo faremo sempre. Tuttavia, in qualità di un gruppo di società attivo nel settore dello sport e dell’intrattenimento, non siamo più qualificati di altri per offrire la nostra opinione su questioni sociali." (James Dolan)

Queste parole hanno fatto arrabbiare molti impiegati e giocatori. Il MSG ha poi rilasciato una dichiarazione, il 9 giugno, quindici giorni dopo l’assassinio di Floyd, che recitava le seguenti parole:

“Ciascuno di noi ha un ruolo da ricoprire nel creare una società più giusta ed equa, dove non esista razzismo, intolleranza, violenza o odio. Noi siamo dalla parte di chiunque lavori per realizzare un cambiamento in positivo.” (MSG Company)

Le parole Black Lives Matter non sono mai state citate.


James Dolan continua a rendersi ridicolo di fronte a tifosi e media. La sua mancanza di leadership e la sua incapacità nel costruire una cultura cestistica vincente l’hanno reso lo zimbello della città di New York. La sua mancanza di spirito autocritico, poi, è sotto gl’occhi di tutti.


Sono sicuro che i Knicks non vinceranno mai nulla sotto la guida di Dolan. D’altronde, lui stesso preferisce suonare con la sua band piuttosto che lavorare per portare i Playoffs al Garden...

“Semplicemente, non hai quello che serve, James Dolan. Vendi questa dannata squadra.” (Max Rose)

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale.

 

Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com

Fondatore e Direttore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da SaidiSEO.com