5 obiettivi per l’estate dei Sixers

May 21, 2019

 

 

© Fadeaway World

 

 

 

I Philadelphia 76ers si sono fermati a un tiro dai supplementari (almeno) di una combattutissima Gara 7 delle Eastern Conference Semifinals. I sogni di una post-season si sono infranti dopo il game winner di Kawhi Leonard.

 

Nelle ore precedenti al decisivo confronto, rumors volevano che il destino di coach Brett Brown fosse indissolubilmente legato all’esito della partita. Insomma, valigie in mano in caso di un’uscita alle semifinali di Conference. Tuttavia, Brown siederà sulla panchina di Philly anche nella prossima stagione. Al contrario, non sono così sicuri di prolungare le rispettive esperienze nella città dell’amore fraterno JJ Redick, Tobias Harris e Jimmy Butler. E i Sixers potrebbero così perdere tre starter (e quello che hanno sacrificato per averli) in un colpo solo.

 

Il diktat per il GM Elton Brand è di dover cavare il massimo dalla presenza di Joel Embiid e Ben Simmons finché restano nel fiore dei loro anni. L'estate 2019 sarà decisiva per consegnare a coach Brown un roster che possa riconfermarsi ad alto livello e andare più lontano nella prossima post-season.

 

Ecco, dunque, 5 potenziali firme da considerare nell’off-season che si sta avvicinando.

 

 

5. Derrick Rose

 

 

L’inizio della stagione del figliol prodigo di Chicago è stato eccezionale. Rose non tornerà mai, probabilmente, sui livelli dell’annata da MVP, tuttavia, prima che l’ennesimo infortunio lo rilegasse ai margini del campo, le prestazioni di D-Rose lo rendevano un papabile candidato al premio di Sesto Uomo dell’Anno.

 

 

Con il suo talento può ancora fare la differenza, soprattutto nella metà campo offensiva. Rappresenta il tipo di veterano che la squadra ha cercato per lungo tempo: sa crearsi il tiro da solo, facilitare il gioco dei compagni e, diversamente da Ben Simmons, prendersi anche delle triple dal palleggio.

 

 

4. Nikola Mirotic

 

Il montenegrino ha giocato il miglior basket della sua carriera nei New Orleans Pelicans, ma ha pagato caro - anche lui - diversi problemi fisici, che ne hanno frenato la stagione. Nonostante ciò, quando sano, ha mostrato lampi di grande talento, soprattutto nel gioco lontano dal canestro. Non sarà il miglior difensore in circolazione, ma ha fatto significativi progressi a tal proposito nell’ultima stagione e mezza. È, inoltre, un’ottimo passatore, sa aumentare il ritmo e può essere utilizzato in tutti e due gli spot da forward.

 

 

 

3. Patrick Beverley

 

La guardia dei Clippers, con le prestazioni di quest’anno e in particolare per la difesa su Durant durante il primo turno dei Playoffs, si è ampiamente meritato un contratto più redditizio. Sappiamo tutti che è uno dei migliori difensori nel backcourt della Lega, e si troverebbe alla grandissima con l’ambiente e la cultura dei Sixers.

 

Oltretutto, ha dimostrato di essere un tiratore affidabile, può giocare da 2 -ma all’occorrenza essere anche la point guard di riferimento, quando le difese espongono sistematicamente le lacune al tiro di Simmons. Va considerato che potrebbe voler cambiare aria in caso di arrivo a Los Angeles di Kyrie Irving.

 

 

 

2. JJ Redick

 

Jimmy Butler e Tobias Harris sono senza dubbio giocatori di un livello superiore sotto molti punti di vista, ma la loro permanenza è molto più improbabile rispetto a quella del tiratore, ex Blue Devil. JJ potrebbe accordarsi per rimanere in Pennsylvania almeno per altre due stagioni.

 

Va detto, però, che forse andrebbe convinto il giocatore di poter uscire dalla panchina. La squadra ha bisogno di un elemento nella second unit che possa dare la scintilla offensivamente, e partendo in quintetto è risultato in alcune occasioni nei Playoffs un peso nella metà campo difensiva.

 

I "se" sono molteplici, ma Redick e il suo tiro (uno dei migliori dell'NBA) sono una risorsa importante per Brett Brown.

 

 

 

1. Julius Randle

 

Julius ha finalmente avuto l’anno della consacrazione in maglia Pelicans. È salito in cattedra diverse volte quando Anthony Davis non ha "potuto" giocar, dimostrando di potersi accedere con l'alzare del ritmo e di essere produttivo in entrambe le metà campo.

 

Un frontcourt Embiid-Randle rappresenterebbe un ostacolo ostico da superare per chiunque. Entrambi sono estremamente fisici, sanno mettere la palla a terra e, occasionalmente, segnare da oltre l’arco.

 

Senza dimenticare, poi, che Julius ha ancora davanti a sé una carriera molto lunga.

 

 

 

 

 

 

 

 

© Fadeaway World

 

Questo articolo, scritto da Nemanja Vukasinovic per Fadeaway World è tradotto in italiano da Luca Losa per Around the Game, è stato pubblicato in data 14 maggio 2019.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com