Dirk è pronto a passare le redini a Dennis Smith Jr?

October 2, 2017

 

 

© Dallas Morning News / TNS

Il Dallas Morning News, che ha recentemente compiuto i 132 anni di età, è il quotidiano più letto della città texana e in particolar modo dalle parti dell’American Airlines Center, la casa dei Mavericks. Questo articolo, scritto da Eddie Sefko e tradotto in italiano dalla nostra redazione, è stato pubblicato in data 06/09/2017.

 

 

 

Quando guarda al rookie Dennis Smith Jr, Dirk Nowitzki rivede un poco di se stesso, circa 20 anni fa.

 

Molto poco.

 

"Ero un filo meno atletico", ha detto, trattenendo la risata.

 

Nowitzki e compagni sono elettrizzati per l'inizio della preseason e per l'arrivo della chiamata più alta capitata alla franchigia dalla notte del Draft 2004, quando Dallas scelse Devin Harris. Lunedì inizia il training camp con i media, martedì c'è il primo allenamento.

 

Smith ha dimostrato di essere all'altezza, se non meglio, di qualsiasi rookie durante la Summer LeagueOra comincerà a confrontarsi con i veterani.

 

Ha passato le ultime settimane a Dallas giocando amichevoli con i suoi nuovi compagni al palazzetto degli allenamenti, mentre lo spogliatoio dell'American Airlines Arena veniva ristrutturato.

 

Si sono per lo più celebrate partitelle: ai coach non era permesso intervenire. Ma è comunque tempo ben speso per un rookie.

 

E Smith ha osservato attentamente. 

"È esplosivo come poche guardie che abbia mai visto" ha detto Nowitzki. "È così veloce dal palleggio, così elastico, ed ha un buon tiro dalla media. Guardarlo giocare sarà un piacere per molto, molto tempo."

 

"E speriamo che sarà l'uomo chiave di questa franchigia per altrettanto tempo. Il potenziale c'è. È semplicemente un atleta mostruoso"

 

Quando è stata l'ultima volta che qualcuno ha detto qualcosa del genere riguardo ad un giocatore dei Mavericks?

 

 

Nessuno sa come si evolveranno le cose per il teenager che sta iniziando ora la sua carriera professionale. Ma finora sembra molto promettente.

 

La franchigia sarà molto attenta a non sovraccaricare troppo il ragazzo. Il coach Rick Carlisle ha dimostrato grande esperienza quando si tratta di dosare l'utilizzo di giovani giocatori. Ciò detto, è chiaro che ci saranno grandi aspettative, esterne e personali, attorno a Smith.

 

Nowitzki ci è stato nei panni di Smith. Anche lui era un ragazzo acerbo di 19 anni anni nella stagione 1999-2000 e la nona scelta assoluta, proprio come Smith. Anche se per Nowitzki il percorso è stato un po' più difficile, arrivando dalla Germania, da straniero. Ma tutto è andato per il meglio.

 

 

Sarà quindi premura di tutti i Mavericks assicurarsi che Smith progredisca a piccoli passi, ma allo stesso tempo con determinazione.

 

"Possiede abilità atletiche fuori dal comune, è davvero esplosivo", ha detto J.J. Barea, che sarà uno dei veterani che gli mostrerà le sfumature del gioco NBA. "Ama il gioco ed è un bravo ragazzo. Non l'ho visto giocare molto, ma sappiamo che ha del potenziale. Cercheremo solo di metterlo in situazione tale da poterci dare una mano".

 

Molti analisti prevedono che Smith sarà uno dei favoriti a diventare rookie dell'anno. Questo perché alle sue capacità si unisce l'opportunità di giocare tanti minuti. È quel che succede quando la tua squadra viene da una stagione con 33 partite vinte.

 

Quello che sperano i Mavericks è che Smith li aiuti a tornare vicino al 50% di vittorie quest'anno. Non sarà facile però: la Western Conference sembra infatti, anno dopo anno, sempre più competitiva.

 

Ma almeno di buono c'è che i suoi compagni sono entusiasti per l'inizio della prossima stagione. E questo potrebbe accendere anche i tifosi.

 

 

Prime impressioni

 

 

 

Non aspettatevi che Dennis Smith Jr. tiri con alte percentuali dal campo già nel suo anno da rookie.

 

Nella tabella si può dare un'occhiata a come hanno fatto alcune guardie dalla quinta alla decima scelta nella loro prima stagione.

Nove su quattordici hanno tirato sotto il 40 per cento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com