I migliori 6th Men dell'NBA degli anni '80

December 3, 2018

 

©️ The 94 Feet Report

 

 

I cinque migliori giocatori di una squadra non sempre iniziano da titolari e alcuni grandi campioni si sono costruiti la carriera sulla loro capacità di incidere subentrando dalla panchina. 

 

Gli anni '80 sono stati un decennio caratterizzato da prodezze sorprendenti e forza scioccante. Parliamo di un periodo in cui si esibivano contemporaneamente giocatori del calibro di Magic Johnson, Larry Bird, Moses Malone e Kareem Abdul-Jabbar. I quintetti delle squadre erano stracolmi di talento.

 

In questo stesso periodo, una pratica già inaugurata dai Boston Celtics negli anni '60 e '70 trovò maggiore diffusione e si impose in diverse squadre: l'impiego del sesto uomo. Una squadra decide, nella progettazione del roster e per favorire una migliore gestione del minutaggio, di far sedere uno dei suoi migliori giocatori in panchina, così da poterlo sfruttare a partita in corso e nei minuti finali del match.

 

Il primo premio come Sixth Man of the Year fu assegnato al termine della stagione 1982-83 e ad aggiudicarselo fu Bobby Jones con la maglia di Philadelphia.

 

Il ruolo si è evoluto nel corso degli anni ma nel suo primo decennio le squadre si servirono di quest'arma in modi molto diversi tra loro: alcuni sesti uomini erano guardie offensive forti sia in penetrazione che al tiro, profili molto simili a quelli che dominano la nostra epoca. Altre squadre però optarono per specialisti difensivi o addirittura per un terzo lungo.

 

Chi sono stati i Best Sixth Man of the Year degli anni '80? Questa è un'ottima domanda a cui certamente vale la pena di rispondere. Il decennio ha visto ex MVP uscire dalla panchina delle contendenti al titolo, ma anche giocatori che si sono costruiti il loro ruolo nella Lega proprio partendo tra le riserve.

 

Senza ulteriori indugi, a voi la squadra.

 

 

G: Vinnie Johnson, Detroit Pistons


I Bad Boy Pistons furono una delle grandi squadre degli anni '80, una delle poche in grado di ritagliarsi un paio di titoli in un'epoca segnata dal dominio assoluto dell'asse Bird - Magic - Jordan. Erano guidati da due stelle come Isiah Thomas e Joe Dumars, ma ogni capitolo della loro storia vide sempre in prima linea il nostro Vinnie Johnson.

 

Conosciuto come "The Microwave" per la sua capacità di diventare caldo all'istante, Johnson usciva dalla panchina per garantire fiumi di punti. Pur non essendo un specialista da tre, era a suo agio nel prendersi i jumper da qualsiasi punto all'interno dell'arco. Il suo tiro più famoso è quello che ha permesso a Detroit di conquistare nel finale contro Portland il secondo titolo consecutivo:

 

 

Johnson fu una presenza costante e giocò 485 su 492 partite di Regular Season con la maglia di Detroit. Non era solo il naturale sostituto di Thomas o Dumars quando questi erano indisponibili. Il suo ruolo preferito era quello di comparire dalla panchina sul più bello e fare a pezzi la difesa avversaria una penetrazione dopo l'altra. 

 

 

G: Ricky Pierce, Milwaukee Bucks


Don Nelson, una delle più grandi menti della storia del basket, portò innovazione e originalità anche in quei Milwaukee Bucks. Uno dei suoi contributi più interessanti fu quello di spostare il maestro offensivo Ricky Pierce in panchina, da cui prosperò per molti anni.

 

La squadra era forte e non a caso in quel periodo raggiunse i Playoffs per 14 stagioni consecutive. Pierce si impose come uno dei migliori realizzatori del roster. La nota dolente era però la sua debolezza difensiva, che lo metteva in difficoltà contro molte delle migliori guardie del campionato. Per questo Nelson decise di cambiargli ruolo, togliendogli la palla dalle mani e facendolo subentrare dalla panchina. In questo modo la squadra si garantì una potenza di fuoco offensiva devastante e distribuita su tutti i 48 minuti.

 

Pierce tenne una media di 16,5 punti a partita in otto stagioni in maglia Bucks, partendo titolare in meno del 10% percento delle partite. Da ricordare la stagione 1989-90 in cui la sua media raggiunse i 23 punti a partita, guidando la classifica dei migliori marcatori di squadra senza iniziare mai una singola partita. La sua produzione gli valse il premio come miglior sesto uomo dell'anno, non una ma due volte, sia nel 1987 che nel 1990.

 

 

F: Michael Cooper, Los Angeles Lakers


Qualsiasi lista dedicata ai migliori sesti uomini della storia deve includere Michael Cooper. Forse il più grande difensore nel ruolo di ala del decennio, Cooper diede il suo contributo uscendo dalla panchina per quasi tutta la sua carriera.

 

 

Nonostante non fosse nel quintetto iniziale, Cooper ha sempre fatto parte delle migliori formazioni dei Lakers. Durante la carriera migliorò molto il tiro da 3 punti, fu sempre un giocatore temibile in transizione e spesso si rivelò la prima opzione nei finali di partita, nonostante le tantissime opzioni offensive a disposizione. Cooper è stato il perfetto archetipo del panchinaro che per tutta la carriera riesce sempre a garantire un impatto degno di un top player.

 

 

F: Bobby Jones, Philadelphia 76ers


Se Michael Cooper non si adatta al modello tradizionale di sesto uomo - almeno nel senso moderno del termine - lo stesso vale per Bobby Jones. La NBA tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 vedeva moltissime squadre impiegare due lunghi contemporaneamente in campo e nessuna di queste era meglio equipaggiata dei 76ers. Primo in assoluto a vincere il premio, Jones è stato per tutta la carriera uno dei migliori giocatori difensivi del campionato.

 

Per diversi anni i 76ers schierarono Jones insieme ad Erving e Moses Malone, ma la svolta arrivò quando fu spostato in panchina. Grazie al suo impatto a partita in corso i 76ers raggiunserò le finali NBA per due volte in tre anni, vincendo il titolo nel 1983. Su dodici anni di carriera, Jones fu incluso nel miglior quintetto difensivo per undici volte: grazie alla sua stazza era in grado di giocarsela con i centri più possenti della Lega e a questo aggiungeva la capacità innata di rallentare giocatori molto più veloci di lui.

 

La vittoria del titolo nel 1983 fu il giusto riconoscimento della sua disponibilità ad accettare un ruolo minore in uscita dalla panchina, mettendo in condizione la squadra di farlo rendere al meglio delle sue possibilità.

 

 

F: Kevin McHale, Boston Celtics


Ascoltare il nome di Kevin McHale evoca subito immagini di grandezza, essendo stato un membro chiave della Boston che vinse tre titoli negli anni '80. La prima linea composta da Parrish, McHale e Bird potrebbe essere stata la migliore nella storia della NBA. Eppure quello che molti fan di basket sotto i 50 anni potrebbero non sapere è che McHale iniziò la sua carriera uscendo dalla panchina.

 

Molti giovani giocatori sono chiamati a mettersi alla prova prima di entrare nella formazione di partenza; e mentre Boston si aggiudicava il primo titolo del decennio, McHale con la stessa maglia si conquistava spazio come rookie, una partita dopo l'altra. Rapidamente diventò una star, ma per molto tempo continuò a partire dalla panchina, abbattendo i secondi quintetti delle squadre avversarie. Nel 1983-84 McHale segnò 18.4 punti e 7.4 rimbalzi dalla panchina, vincendo sia il titolo NBA che quello come miglior sesto uomo dell'anno.

 

 

La stagione successiva andò anche meglio: la media si alzò a 19.8 punti e 9 rimbalzi, e McHale contribuì ad un ottimo record da 63 vittorie in stagione. Quello stesso anno Kevin si aggiudicò nuovamente il premio come miglior sesto uomo, diventando il primo a vincerne due di seguito (a lui si aggiungerà solo Detlef Schrempf nel 1992). L'anno successivo vide l'addio di Cedric Maxwell, che si unì ai Clippers lasciando a McHale il suo posto nel quintetto iniziale; il 1986 vide Boston raggiungere il titolo garantendosi un posto tra le più grandi squadre di tutti i tempi.

 

 

6° uomo: Bill Walton, Boston Celtics


Con McHale e Parrish titolari, non c'era spazio nella formazione di partenza per un altro lungo, nemmeno per un ex MVP come Bill Walton. Quando si unì alla squadra nel 1985, non era alla ricerca di un ruolo da protagonista ma piuttosto di un'opportunità di redenzione. Gli infortuni avevano devastato la sua promettente carriera e quella che voleva era solo una chance in una grande squadra.

 

Ottenne questo ed altro, eccellendo nel 1985-86 come terzo lungo della squadra. Il suo corpo collaborò a dovere e gli permise di prendere parte a ben 80 partite in stagione regolare, con una media di 7,6 punti e 6,8 rimbalzi in 19,3 minuti per gara. Quell'anno vinse sia l'anello che il premio come sesto uomo dell'anno, entrando insieme a McHale nella storia della Lega.

 

 

 

 

©️ The 94 Feet Report


Questo articolo, scritto da Josh Cornelissen per The 94 Feet Report e tradotto in italiano da Riccardo Pilla per Around the Game, è stato pubblicato in data 28 novembre 2018

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com