Shooters on X-Rays: JJ Redick

November 24, 2019

La rubrica di Around the Game che analizza i migliori tiratori da tre della Lega. E' il turno dell'ex Duke.

 

 

 

I numeri

Ben sette stagioni sopra il 40% da tre punti e mai sotto il 36%. JJ Redick è entrato nella NBA come tiratore e tale è rimasto, ed è da considerarsi uno specialista purissimo. Vive per il tiro. Il suo 46,2% di questo inizio stagione, suo secondo miglior dato in carriera - segno di come non senta il trascorrere del tempo (e di come sia cambiato il gioco) - che lo colloca 17esimo nella Lega. 

 

In questi dati della stagione 2018/19, vediamo come JJ tiri più o meno allo stesso modo in casa e fuori. Nelle sconfitte invece, la sua percentuale scende di ben 6 punti, segno che è un giocatore decisivo per la sua squadra. E' interessante notare come il suo movimento off the ball e la sua meccanica di tiro molto dispendiosa fisicamente facciano calare il suo rendimento man mano che la partita si avvicina alla fine; come tutti i veri tiratori, però, non trema in situazioni punto a punto.

 

Più palleggia, più il suo tiro perde efficacia. Il 94,2% dei suoi canestri da tre dello scorso anno è stato assistito. E' molto bravo a farsi trovare dai compagni, ma allo stesso tempo non gli si può chiedere di costruirsi da solo la conclusione dal palleggio. 

 

Col difensore molto vicino, Redick non tira: la sua statura non altissima non glielo permette. Ha pochissimo calo di resa col difensore mediamente vicino e diventa micidiale se il tiro è molto aperto.

 

 

La meccanica

 

Redick tira quasi esclusivamente dopo un arresto a un tempo, saltando tanto per tirare anche quando sta correndo alla massima velocità, cosa incredibilmente difficile, perché per rimanere in equilibrio è necessaria una grandissima forza dei muscoli stabilizzatori (addominali e dorsali).

 

Al momento del tiro, i suoi piedi sono perfettamente allineati con il ferro, e dopo il tiro effettua una leggera torsione verso destra, terminando con i piedi a 45 gradi circa, cosa che lo aiuta a distendere bene il braccio verso il canestro e a dare un buon spin. La mano sinistra si stacca con giusti tempi e si lancia verso l'alto e verso l'esterno per isolare bene la mano dominante.

 

 

Ed ecco il vero segreto della carriera di JJ Redick: è sicuramente uno dei migliori nella storia della NBA nella preparazione del tiro. Guardate come sa aspettare e scegliere il corretto timing di uscita per rendere facile il passaggio ai compagni, e come è bravo a cambiare ritmo e velocità nella corsa per creare separazione con il difensore.

 

 

In campo, è un moto perpetuo. Nel caso in cui il difensore dovesse riuscire a seguirlo, continua a muoversi e a creare nuove occasioni per sé e per la squadra. Grazie alla sua forza, è in grado di tirare buttandosi lateralmente senza perdere compattezza, creando ulteriore distanza con chi contesta i suoi tiri.

 

 

Con un tale arsenale, qualsiasi finta risulta credibile e va onorata. Anche dopo due finte, non perde forza ed è in grado di scoccare il tiro con tranquillità ed equilibrio.

 

 

 

Conclusioni

 

Redick entra di diritto tra i migliori tiratori della storia, per la sua incredibile abilità nel farsi trovare libero. La costanza è stata raggiunta grazie a un lavoro sul proprio fisico quasi maniacale. Resta un giocatore che tuttavia non ha avuto la sua consacrazione, innanzitutto per non essere un grandissimo realizzatore (mai sopra i 20 punti di media in carriera), per essere un ball-handler di livello normale e un difensore sotto la media.

 

Non ha mai raggiunto un titolo NBA, e alla scadenza del contratto con i Sixers ha preferito il denaro, accasandosi ai Pelicans - futuribili, ma ancora lontani dall'essere una contender. L'errore (se di "errore" può parlare) potrebbe essere stato di entrambi, sia Philadelphia che Redick, che probabilmente non vedranno un anello a breve... con molti rimpianti.

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com