Trae, Myles: stesso infortunio, conseguenze diverse

November 9, 2019

 

 

© 3CB Performance

 

 

 

La guardia degli Atlanta Hawks, Trae Young, e il centro degli Indiana Pacers, Myles Turner, hanno subito una lieve slogatura di primo grado della caviglia, in entrambi i casi ruotata verso l’interno. Tuttavia, Trae è stato considerato da monitorare giorno per giorno, con conseguenti esami clinici previsti quotidianamente (e alla fine si è fermato per meno di una settimana, essendo tornato mercoledì nella gara contro i San Antonio Spurs), mentre Turner è stato dichiarato fuori dai giochi per almeno due settimane dallo staff dei Pacers.

 

Per entrambi si tratta del medesimo infortunio, ma i tempi di recupero sono diversi. In effetti, ci sono vari fattori che possono diversificare due slogature alla caviglia: ad esempio, la rotazione della caviglia nel momento della slogatura.

 

Entrambi hanno subito una slogatura verso l’interno e sovraccaricato di stress i legamenti sul versante esterno dell’articolazione della caviglia. Questi legamenti sono simili a fasce di gomma che servono a stabilizzare la caviglia quando supera la soglia di piegatura, tipicamente di massimo 20 gradi. Lo stress su ogni singolo legamento dipende dalla posizione assunta dalla caviglia durante il movimento di slogatura: quando il movimento è invertito e il plantare flesso (con le dita del piede rivolte verso il basso), la maggior parte dello stress si accumula sul legamento anteriore talo-tibiale. In posizione normale della caviglia, lo stress viene assorbito dal legamento calcagno-tibiale. Quando il movimento è invertito e il piede flesso sul suo dorso (mostrando quasi la pianta del piede) è invece il legamento posteriore talo-tibiale ad essere posto maggiormente sotto stress.

 

In una slogatura di solito sono molteplici i legamenti posti a sovraccarico di stress, ma ce n’è sempre uno che viene caricato maggiormente, in base alla posizione del piede e della caviglia. Ciò porta ad analizzare il momento in cui entrambi gli atleti hanno subito i loro rispettivi infortuni.

 

 

La caviglia di Trae Young appare certamente meno flessa sul plantare quando si gira verso l’interno, mentre quella di Myles Turner era sottoposta a maggiore flessione plantare quando è avvenuta la rotazione innaturale verso l’interno. La caviglia della point guard degli Hawks appare in posizione più naturale e con meno stress imposto ai legamenti durante la rotazione, distribuendo lo stress più equamente tra il legamento anteriore talo-tibiale e quello calcagno-tibiale; mentre il centro di Indiana, avendo sottoposto la caviglia a maggior flessione plantare, ha distribuito la quasi totalità dello stress, e dell’infortunio, solo sul legamento anteriore talo-tibiale.

 

Una slogatura di primo grado indica che la percentuale di tessuto coinvolto è minore del 25%, ma non tiene conto della gravità né della quantità effettiva di tessuto coinvolto. Ipoteticamente, se i legamenti anteriore talo-tibiale e calcagno-tibiale di Young fossero rispettivamente danneggiati per il 10% e 5%, mentre il legamento anteriore talo-tibiale di Turner lo fosse del 20%, in entrambi i casi si parlerebbe di slogatura di primo grado, ma la gravità sarebbe differente (e i tempi di recupero, ovviamente, anche).

 

 

La direzione della forza durante l’avvento dell’infortunio può inoltre aver influito sulla differente gravità dei due casi. Young stava ricadendo da un salto, con forze dirette lateralmente e verso il basso, mentre la caviglia di Turner è stata spinta via da una forza laterale esterna molto acuta, comportando stress direttamente sul legamento anteriore talo-tibiale.

 

Infine, ogni individuo ha una propria soglia di elasticità dei tessuti molli (legamenti, tendini, muscoli, cartilagini), che comporta una singolare resistenza e reazione a particolari stress a cui vengono sottoposte le varie parti del corpo. Può darsi che i tessuti molli di Young siano più elastici di quelli di Turner, permettendogli di estenderli maggiormente senza stirarli o strapparli, e riducendo quindi la gravità dell’infortunio in questo caso.

 

Un esempio recente è il quarterback dei Kansas City Chiefs (NFL), Patrick Mahomes, che si è slogato la rotula destra ma ha sofferto solo di un lieve stiramento al legamento, dovuto in parte, come confermato dallo staff medico, ad elevatissima elasticità dei tessuti molli.

 

Detto ciò, anche un eccesso di elasticità, conosciuto come ipermobilità, può essere un problema, in quanto aumenta il rischio d’infortuni, come scoperto da recenti ricerche. Un sistema affidabile per verificare l’ipermobilità è il cosiddetto "Indice di Beighton" (ovvero controllare la flessibilità delle dita della mano, provando a tendere il mignolo o il pollice all’indietro verso il polso; della schiena, provando a toccare il pavimento con i palmi piegandosi in avanti; delle braccia, tendendo le mani coi palmi in avanti; dei piedi, stendendo la gamba e tirando la punta del piede verso di noi).

 

Una slogatura, insomma, non è mai semplicemente di primo o secondo grado. Ci sono diverse variabili a influire sulla gravità del danno al legamento e sulle conseguenti tempistiche di recupero. Come nei casi - simili ma diversi- di Young e Turner.

 

 

 

 

 

 

 

© 3CB Performance

 

Questo contenuto, prodotto da Rajpal Brar per 3CB Performance e tradotto in italiano da Marco Marchese per Around the Game, è stato pubblicato in data 8 novembre 2019.

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com