Barkley: ecco perchè i Cavs hanno delle chance

May 30, 2018

 

© San Josè Mercury News / TNS

 

 

Charles Barkley lunedì notte non è riuscito a trattenere il suo disprezzo per gli  Warriors, ma c'è da dire che le sue impressioni sono venute a galla solo quando la crew di TNT gli ha chiesto il suo pronostico per le NBA Finals"Farò il tifo per i Cavs" - ha dichiarato dopo che i Golden State hanno vinto la Western Conference e si presenteranno per la quarta finale consecutiva contro LeBron James e Cleveland. "Non mi interessa chi vincerà, io sosterrò i Cavs". 

 

Barkley, che sabato si è "riappacificato" con la star degli Warriors Draymond Green - dopo aver detto qualche giorno prima di volerlo colpire in faccia con un pugno - ha risposto in maniera più ponderata alla richiesta del pronostico.

 

"Penso che sia la miglior chance (per LeBron) di battere questa squadra", ha dichiarato Barkley dopo che i co-conduttori Shaquille O'Neal e Kenny Smith hanno pronosticato il titolo back-to-back per Golden State. "La panchina degli Warriors non è più forte come nel passato. Non hanno gli stessi giocatori che avevano 3 o 4 anni fa".

 

Nonostante il pensiero di Barkley, i bookmakers mostrano un'altra realtà per le finali NBA, che iniziano questa con Gara 1 all'Oracle Arena. L'agenzia di scommesse Westgate SuperBook di Las Vegas quota Golden State come la squadra nettamente più favorita degli ultimi 16 anni in una serie finale. Gli Warriors vengono dati vincenti di 12 punti in G1 (o meglio, le quote sono in equilibrio con questi punti di handicap per i padroni di casa), che ovviamente è anche il più grande divario per una partita di finale da 16 anni. Nel nuovo millennio, solo i Lakers del 2001 nel primo atto delle finali contro Philadelphia venivano pronosticati vincenti di più di 12 punti.

 

Tuttavia, chiamando la panchina degli Warriors "Hampton Inn Five lineup", Barkley ha predetto che la panchina dei Cavaliers potrebbe essere un fattore decisivo nella serie. "Penso che la panchina di Cleveland sia sottovalutata. Penso che quando coach Lue inizierà a far giocare Larry Nance, Jordan Clarkson, Jeff Green e gli altri ragazzi di più, questo li renderà più completi e darà loro più fiducia nei propri mezzi".

 

 

Kenny Smith non potrebbe essere più in disaccordo: "Questa serie sarà probabilmente il compito più difficile di sempre per LeBron nelle finali, più difficile ancora delle volte in cui era più giovane". E come lui, anche Shaq sembra rassegnato ad un'altra prevedibile vittoria degli Warriors. "Devo dire Golden State. Hanno più esperienza, hanno giocatori migliori, hanno ancora tre superstar. Inizieranno la serie in casa. Spazzeranno via Cleveland e sapranno come trarre vantaggi da ogni debolezza dei Cavs".

 

Barkley potrà sperare per la vittoria dei Cavs, ma non è del tutto convinto della sua scelta.

"Non ho detto che scommetterei sulla vittoria dei Cavs. Non sono stupido..."

 

 

 

 

Il San Josè Mercury News, spesso abbreviato in “The Merc”, è una testata giornalistica californiana che segue da vicino i Golden State Warriors e collabora con Around the Game da ottobre 2017. Questo articolo, scritto da Jon Becker e tradotto in italiano dalla nostra redazione, è stato pubblicato in data 29/05/2018.

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com