Come i Lakers possono arrivare a Damian Lillard

October 22, 2018

 

 

© Fadeaway World

 

 

Dopo la prima stagionale dei Lakers in casa dei Blazers sono iniziati a girare con insistenza rumors che riguardano il futuro dell’All-Star Damian Lillard con la squadra che lo ha draftato nel 2012.

 

Dopo anni di mediocrità a Portland, conclusi mai oltre il secondo round dei Playoffs, o mancandoli del tutto, è sorta spontanea la domanda se per Lillard abbia senso legarsi ai Blazers nel medio-lungo periodo senza alcun segno di possibile successo all’orizzonte, specialmente nella Western Conference.

 

Ora che Lillard - 28 anni compiuti il 15 luglio scorso - è all’apice del suo potenziale, ha senso che sprechi i suoi anni migliori a Portland quando non c’è praticamente alcuna speranza di vincere un titolo dovendo competere con squadre come Warriors, Rockets e ora anche Lakers? Queste domande hanno fatto nascere molte voci che insinuano che Lillard potrebbe lasciare Portland, voci che si faranno ancora più insistenti se i Blazers avranno un'atra stagione non indimenticabile. Lillard ha un contratto che lo lega alla franchigia dell’Oregon fino al 2021, ciò non esclude che possa essere scambiato, soprattutto se arrivasse un’offerta valida. E i Lakers potrebbero avercela.

 

Dopo aver firmato LeBron James per quattro anni con un contratto da oltre 150 milioni di dollari, i gialloviola sono stati travolti dai rumors riguardanti la guardia dei Blazers, anche perché LeBron aveva dichiarato in passato di apprezzarne molto il modo di giocare.

 

Secondo Kevin O’Connor di The Ringer, LeBron gradirebbe avere al proprio fianco Lillard, e questo è un desiderio che ha da prima di firmare con i Lakers. Inoltre anche Zach Lowe di ESPN ha confermato in passato il grande rispetto i LBJ per il gioco del Rookie Of The Year del 2012.

 

"La più allettante mega-trade che non riguardi Anthony Davis: Lillard ai Lakers in cambio di un pacchetto che ha come pezzo pregiato Lonzo Ball. Lillard sarebbe una aggiunta perfetta per LeBron, e i Lakers potrebbero assorbire il suo contratto nello spazio salariale, senza dover cedere un giocatore con pari stipendio, cosa che tra l'altro non hanno a roster".

 

Il commento riportato qua sopra è stato fatto da Lowe stesso, cosa che potrebbe voler dire che c’è del vero dietro le voci che riguardano uno scambio che riguarda Lillard e, tra gli altri, Ball. Sono due le possibili proposte che hanno la maggior probabilità di convincere i Trail Blazers a separarsi dalla loro star, ed entrambe coinvolgono la giovane point guard.

 

Va tenuto a mente che i Lakers avranno sufficiente spazio salariale, anche con LeBron, per poter firmare un altro free agent di massimo livello, quindi se dovessero scambiare per Lillard potrebbero offrire un contratto migliore di quello attuale.

 

 

Possibile trade numero 1: Lonzo Ball e Kyle Kuzma

 

Se i Lakers dovessero offrire i due pregiati rookies dello scorso anno, Ball e quel Kuzma che ha sorpreso tutti, dopo essere stato scelto con la ventisettesima chiamata al Draft, sarebbe difficile per Portland rinunciare ai due giovani.

 

 

I Blazers potrebbero comunque continuare a contare su CJ McCollum, che diventerebbe la prima opzione offensiva, con Ball e Kuzma come giovani comprimari, che potrebbero portare col tempo la franchigia dell’Oregon a contendere per un titolo.

 

 

Possibile trade numero 2: Lonzo Ball, Josh Hart, Ivica Zubac e una prima scelta 

 

La seconda trade che potrebbe funzionare per entrambe le squadre ha ancora come protagonista Lonzo, questa volta insieme all’ex Wildcat Josh Hart e Ivica Zubac, due giovani che, quando gli è stata data un’opportunità, hanno dimostrato di avere dele qualità.

 

 

Questi due possibili scambi potrebbero essere la via per affiancare Lillard a LeBron, e dunque per dare alla squadra un fondamentale secondo All-Star grazie al quale potrebbero competere con le altre potenze della Western Conference.

 

 

 

 

 

 

© Fadeaway World

 

Questo articolo, scritto da Brad Stevenson per Fadeaway World e tradotto in italiano da Pietro Campagna per Around the Game, è stato pubblicato il 19 ottobre 2018.

 

fadeawayworld.net

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com