Come LeBron può portare un top free agent a Dallas

June 8, 2018

 

 

© Dallas Morning News / TNS

 

 

 

Ci hanno detto «Sognate in grande». Ok, è quello che faremo.

 

La settimana scorsa abbiamo esaminato tutti i migliori free agent per ogni ruolo e in che modo potrebbero essere (o non essere) integrati nei piani dei Mavericks. Oggi parliamo di cinque free agent difficili da acquisire che Dallas potrebbe ottenere con tanta, tanta, tanta fortuna. Quindi... stai dicendo che c'è una possibilità? Può essere. Giriamo tra le stelle e vediamo cosa succede.

 

 

 

 

N. 5: Julius Randle

 

Lakers, ala/centro.

Età: 23, Altezza: 205 cm, Peso: 118 kg.

Statistiche 2017/18: 16.1 punti, 8 rimbalzi a partita.

 

La nota sfavorevole: Il mio istinto dice che questo è il giocatore che vuole Dallas più di tutti. Il mio istinto mi dice anche che questo è il giocatore che sarà più difficile da ottenere. Se i Lakers vogliono ottenere LeBron James, sarebbe da senza cervello far arrivare il Prescelto senza Randle al suo fianco. Questo è un tipo di giocatore chiave che a Cleveland non c’è. Senza di lui rimangono solo James e Lonzo Ball, con poi Brandon Ingram e Kyle Kuzma - più chiunque riusciranno a prendere dalla free agency e dal Draft. Sicuramente James non vuole una riunione con Isaiah Thomas quindi, se i Lakers acquisiscono in qualche modo il miglior giocatore della Lega, tenere Randle sembrerebbe una scelta naturale.

 

La nota a favore: L’attuale Lakers vuole tornare a casa e i Mavericks potrebbero aiutarlo a facilitare il sogno di LeBron-to-LA mandando in California qualcuno come Wesley Matthews, che potrebbe aiutare James in fase difensiva e ad allungare il campo. Quello che i Mavericks però non possono fare è accettare il tremendo contratto di Luol Deng perché si tratterebbe di un suicidio finanziario per le prossime due estati. Però, per ottenere Randle e la pick n. 5 nella stessa estate... chi lo sa?

 

Commento finale: Per tutto questo è necessario l'allineamento favorevole di diverse stelle, lune e universi.

 

 

 

 

N. 4: Marcus Smart

 

Celtics, guardia.

Età: 24, Altezza: 193 cm, Peso: 99 kg.

Statistiche 2017/18: 10.2 punti, 4.8 assist, 3.5 rimbalzi a partita.

 

Il nota sfavorevole: È diventato un giocatore a tutto tondo che ancora non riesce a tirare in modo decente, ma ha talmente tanti punti forti in altre aree che vale la pena tenerlo in campo. Ha una media di 30 minuti a partita negli ultimi due anni e anche i suoi numeri sono rimasti coerenti nei Playoffs. I Celtics amano il loro nucleo e Smart ne è una parte importante. Hanno la possibilità di soddisfare qualsiasi richiesta del giocatore e l'ipotesi è che lo faranno senza problemi se si dovesse arrivare a quel punto.

 

La nota a favore: È un altro prodotto locale (Flower Mound Marcus) che dovrebbe servire come sostituto di Wesley Matthews, se e quando il suo arrivo dovesse concretizzarsi. Sapete che i Mavericks avrebbero lavorato senza sosta sulla sua 3-ball e, con tutte le chiacchiere sui Celtics che volevano la scelta assoluta n. 5, acquisire Smart e qualche altra risorsa dai Celtics per quella scelta non sarebbe poi così male.

 

Commento finale: Smart sembra che molto difficilmente lascerà i Celtics, ma, se dovesse farlo, i Mavs potrebbero avere un senso per lui.

 

 

 

 

N. 3: DeMarcus Cousins

 

Pelicans, ala/centro.

Età: 27, Altezza: 210 cm, Peso: 122 kg.

Statistiche 2017/18: 25.2 punti, 12.9 rimbalzi a partita.

 

La nota sfavorevole: Ha una lista di difetti che devi superare solo per raggiungere il punto in cui dici di volerlo. Si sta riprendendo da un infortunio al tendine d’Achille, ha ancora momenti in campo dove perde la calma, è maturato ma molti addetti ai lavori dicono che deve ancora migliorare per diventare semplicemente accettabile. Poi, non ultimi, ci sono i soldi. Per poter ottenere le sue prestazioni, servirà sborsare il massimo salariale per 3 anni o comunque una cifra molto vicina. Metti tutto insieme ma resta ancora difficile resistere alla tentazione. Qualcuno, non a caso, è pronto a correre questo rischio nella speranza di un'enorme ricompensa.

 

La nota a favore: È esattamente ciò di cui i Mavericks hanno bisogno: un forte rimbalzista che può tirare da 3 punti e passare la palla come nessun altro big man o quasi della Lega (5.4 assist la scorsa stagione). Se stringi i denti pensando che Dallas è a tre anni dal diventare comunque rilevante, allora lo firmi, lasciandolo che si riprenda con calma dall’infortunio durante la prossima stagione, per poi avere uno dei migliori centri pronto a mettersi in gioco con una squadra ancora giovane per un paio d'anni.

 

Commento finale: I Mavericks non hanno mai pescato un pesce grosso dalla free agency, giusto? Questa allora è una delle migliori opportunità se riescono a liberare spazio salariale.

 

 

 

 

N. 2: Clint Capela

 

Rockets, centro.

Età: 24, Altezza: 208 cm, Peso: 109 kg.

Statistiche 2017/18: 13.9 punti, 10.8 rimbalzi a partita.

 

La nota sfavorevole: Si è trasformato in un formidabile centro che conosce i suoi limiti, gioca intelligentemente e sta migliorando in entrambe le metà campo. Per questo motivo non avrebbe alcun senso che i Rockets lo lascino entrare in restricted free agency - a meno che non riescano a capire come ottenere LeBron James, abbinandolo a James Harden e Chris Paul. A questo punto, tutti gli altri giocatori diventerebbero spendibili, ma i Rockets sono considerati molto lontani dall’acquisire LeBron.

 

La nota a favore: Non sai mai cosa pensano i guru dell'analisi a Houston. Non avranno mai un tiratore da 3 con Capela, però è un perfetto rim-roller che rende possibile un gioco da 3 punti. Tuttavia, se i Rockets hanno bisogno di soldi per firmare LeBron e possono dare in cambio Ryan Anderson e/o Eric Gordon rifilandoli a qualcuno, i Mavericks sarebbero lì per liberarli da Capela.

 

Commento finale: Non serve trattenere il respiro su questa cosa, ma sarà divertente vedere il Derby per LeBron che si svolgerà nel prossimo mese.

 

 

 

 

No. 1 (il più difficile di tutti): LeBron James

 

Cavaliers, tuttofare.

Età: 33, Altezza: 203 cm, Peso: 113 kg.

Statistiche 2017/18 stats: 27.5 punti, 9.1 assist, 8.6 rimbalzi a partita.

 

La nota sfavorevole: Puoi dire che questa è stata la sua miglior stagione in assoluto e, forse non a caso, è stata la prima volta che ha giocato tutte le 82 partite. Quando il miglior giocatore della Lega è disponibile in free agency, i lupi iniziano a girare intorno alla loro preda. Philadelphia è una squadra promettente migliore dei Mavericks, così come lo sono i Lakers e una manciata di altre franchigie. James avrà ogni sorta di opzione quest'estate. Può andare dove vuole. Le probabilità che si tratti di Dallas? Microscopica.

 

La nota a favore: OK, è un grande fan dei Cowboys. Ed è un grande fan di Dennis Smith Jr. E ha un profondo rispetto per Dirk Nowitzki. E gli è sempre piaciuta Dallas come città. Tutto ciò va bene, ma ha bisogno di guerrieri accanto a lui se vuole venire qui aspettandosi una possibilità immediata di tornare nelle Finals per la nona stagione consecutiva. Quindi forse porterebbe con se Paul George, che con Smith, Barnes, Dirk e la pick n. 5 del Draft renderebbero Dallas una contendente al titolo.

 

Commento finale: Ti abbiamo detto in anticipo che si trattava del più difficile dei canestri impossibili. Abbiamo detto la verità.


 

 



 

Il Dallas Morning News, che ha recentemente compiuto i 132 anni di età, è il quotidiano più letto della città texana e in particolar modo dalle parti dell’American Airlines Center, la casa dei Mavericks. Questo articolo, scritto da Eddie Sefko e tradotto in italiano dalla nostra redazione, è stato pubblicato in data 4 giugno 2018.

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com