Don’t cry for the Boston Celtics

June 23, 2019

 

©️ SB Nation

 

 

 

Certo, la presa più importante in free agency dell’ultima decade dei Celtics - Gordon Hayward - ha subito un terribile infortunio nella sua prima partita a Boston e non è più tornato lo stesso.

 

Certo, la seconda presa più importante in free agency della decade (e finora l'unica che ha pagato dividendi) - Al Horford - non sarà più il punto di riferimento dei Celtics sotto i tabelloni.

 

Certo, la superstar acquisita con una blockbuster trade nel 2017 - Kyrie Irving - sarà quasi sicuramente la point guard di un’altra squadra dopo l’estate. Forse una contender della Eastern Conference, oltretutto.

 

Certo, i Celtics hanno fallito l’assalto alla superstar che avrebbe potuto diventare la pietra angolare per il futuro della franchigia - Anthony Davis. E certo, devono anche vederlo al fianco di LeBron James nel roster dei loro acerrimi nemici - i Los Angeles Lakers.

 

But don’t cry for the Boston Celtics.

 

Un colpo brutale dopo l’altro. Certo. Avendo perso Irving e Horford senza ottenere niente in cambio, non essendo riusciti a prendere AD e supponendo che Hayward non si trasformi di nuovo nel giocatore che era tre anni fa, i sogni di diventare la prossima superpotenza della NBA sono morti. La luce a molti sembra essersi spenta. Ma la stanza non è buia.

 

 

I Celtics hanno ancora Jaylen Brown (22 anni) e Jayson Tatum (21 anni) con i contratti da rookie. Hanno pescato diversi giovani prospetti al Draft. Marcus Smart, uno dei migliori “perimeter stopper” della Lega, ha un contratto vantaggioso per la squadra. Boston ha la prima scelta al Draft del 2020 dei Grizzlies, protetta 1-6, che diventerà non protetta nel 2021. E potrebbe avere grande valore.

 

I Celtics, poi, avranno un sacco di spazio quest’estate, senza i contratti di Irving e Horford. Hanno Danny Ainge e uno dei front office più rispettati dell’NBA. Hanno Brad Stevens, che malgrado la brutta annata della squadra rimane uno dei migliori coach in circolazione.

 

Yes, the Celtics are going to be fine.

 

 

 

 

 

 

 

 

©️ SB Nation

 

Questo articolo è stato scritto da Tom Ziller per SB Nation e tradotto in italiano da Andrea Lamperti per Around the Game.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com