I 10 peggiori contratti dell'NBA

November 22, 2019

 

©️ Fadeaway World

 

 

Dare il giusto valore ai giocatori è la sfida più difficile che ogni General Manager deve affrontare, considerando che il trend del mercato è sempre quello di “drogare” il valore dei giocatori verso l’alto, portando le franchigie a pagare più del dovuto senza, sempre più spesso, avere performance congrue al valore contrattuale dei giocatori.

 

Sia perché alcuni non riescono a mantenere il livello massimo per tutta la durata del contratto, sia perché alcuni non sono semplicemente così talentuosi (si parla sempre  comunque di basket NBA), molti giocatori, anche durante questa stagione, non stanno rendendo secondo le aspettative e le premesse profumatamente pagate a suon di dollari dalle loro franchigie.

 

Ma quali sono i contratti peggiori dell’NBA nella stagione 2019/20Quali sono i giocatori che sono stati ipervalutati e rendono al di sotto delle loro aspettative? Scopriamoli insieme.

 

 

10. Harrison Barnes – $24,147,727

 

Harrison Barnes non è nemmeno lontanamente il giocatore che tutti credevamo sarebbe diventato una volta uscito dal college, onestamente ha guadagnato e sta guadagnando molti più dollari rispetto a ciò che sta dimostrando sul campo.

 

Sicuramente i Kings staranno rimpiangendo la scelta di firmarlo a cifre così alte, viaggiando Barnes a 15.6 punti di media, 5.1 rimbalzi e 1.7 assists a partita, per più di 24 milioni all’anno.

 

 

9. Bismack Biyombo – $17,000,000

 

Biyombo ha strappato un super contratto due anni fa, dopo una serie di ottime performance difensive con i Toronto Raptors, ma non è stato altrettanto efficace con gli Hornets. In questa stagione il centro 27enne è partito in quintetto una sola volta,  facendo registrare 6.5 punti, 2.6 rimbalzi e 0.5 stoppate a partita, giocando 12.6 minuti a sera.

 

 

8. Paul Millsap – $30,000,000

 

Pauls Millsap era atteso da tutti come il giocatore che avrebbe portato i Denver Nuggets al livello superiore, ma tra infortuni, inconsistenza e l’avanzare del tempo, non è mai riuscito ad impattare come tutti si aspettavano. Attualmente guadagna 30 milioni all’anno, viaggiando a 12.8 punti, 6.1 rimbalzi e 1.3 assist a partita in soli 26 minuti di gioco.

 

 

7. Tim Hardaway Jr – $20,025,127

 

Proprio quanto tutti credevano che Tim Hardaway Jr fosse finalmente pronto per rompere gli indugi ed esplodere, è stato tradato ai Mavs tornando a giocare sotto il suo potenziale.

 

 

Hardaway ha firmato un contratto davvero vantaggioso (per lui) con i Knicks nel 2017 e attualmente guadagna 20 milioni di dollari annui, mettendo a referto 11.6 punti e 2.3 rimbalzi a partita con un misero 37% al tiro.

 

 

6. Tyler Johnson – $19,245,370

 

Ad essere onesti, Tyler Johnson è stato un giocatore utile e solido per molti anni, ma non è mai arrivato a un livello tale per essere considerato un giocatore da 19 milioni a stagione. Ora, essendo il back up di Ricky Rubio ai Suns, Johnson sta giocando 18.5 minuti di media con 7.9 punti, 1.3 rimbalzi e 1.7 assist per partita.

 

 

5. Ian Mahinmi – $15,450,051

 

Il contratto di Ian Mahinmi è stato un incubo per i Wizards, considerando che hanno iniziato a pentirsene praticamente dal secondo successivo alla firma dell’accordo. Attualmente, grazie all’infortunio al tendine d’Achille non è nemmeno in grado di giocare: verrà valutato durante la stagione, ma sicuramente ne salterà gran parte.

 

 

4. John Wall – $38,199,000

 

Un altro pessimo contratto per il team del DC è quello di John Wall, con un’estensione contrattuale monstre firmata lo scorso anno, nonostante le prestazioni offerte la scorsa stagione prima dell’infortunio che ha posto fine alla sua stagione non fossero poi meravigliose.

 

Ci sono molti dubbi attorno alla possibilità per JW di ritornare ad essere un All-Star, ma nel frattempo guadagna 38 milioni all’anno...

 

 

3. Chris Paul – $38,506,482

 

I Rockets non ci hanno messo molto a capire il proprio errore nel firmare un CP3 sulla via del tramonto a 38 milioni di dollari e hanno dovuto dare molto ai Thunder per spedirlo in Oklahoma.

 

 

Il veterano è sicuramente una delle migliori point guard di sempre, ma non è più in grado di garantire uno stato di forma ottimale per tutta la stagione da qualche anno, oltre al fatto che, a 34 anni, viaggia a 15.3 punti e 5.5 assist.
 

 

2. Nicolas Batum – $25,565,217

 

 

"Nic" Batum è stata una firma atroce per Michael Jordan e i suoi Hornets. È stato un “non- fattore” per anni e il suo contratto lo rende praticamente impossibile da tradare.

 

Ora il francese non riesce nemmeno a giocare, essendosi infortunato ad un dito, ma il suo rientro è previsto per fine novembre. In ogni caso, anche se in salute, il suo apporto è davvero risicato su entrambi i lati del campo.

 

 

1. Chandler Parsons – $25,102,512

 

 

E, ovviamente, a chi poteva essere assegnato il premio come peggior contratto della Lega se non, ovviamente, a Chandler Parsons?

 

L’incubo patito da Grizzlies e Hawks avrà il suo epilogo alla fine di questa stagione, aprendo a Parsons le porte della free agency. Nonostante sia sempre stato pagato profumatamente dal 2016, le sue presenze si contano sulle dita di una mano, al contrario di infortuni e acciacchi vari che si sono susseguiti costantemente durante la sua carriera.

 

Nonostante abbia 30 anni, sarà difficile rivederlo prendere un tiro nella Lega, anche se in salute.

 

 

 

 

 

 

 

©️ Fadeaway World

 

Questo articolo, scritto da Ernesto Cova per Fadeaway World e tradotto in italiano da Riccardo Fadani per Around the Game, è stato pubblicato in data 14 novembre 2019.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com