Jokic, un giocatore di pallanuoto

February 17, 2018

Tra le tante qualità offensive del centro (per modo di dire) dei Nuggets, spicca quello che è un assoluto marchio di fabbrica: l'assist di tocco.

 

 

 

Che Nikola Jokic sia il vero e proprio playmaker dei Nuggets non è una novità.

 

La point guard titolare di coach Malone è infatti Jamal Murray, sicuramente più un realizzatore e un tiratore che un creatore di gioco - mettiamola così, è meglio a mettere in ritmo sé stesso che i compagni (come conferma il suo 50% al tiro dopo due o più palleggi). Le alternative sono Gary Harris, Will Barton (altre due shooting guard) e Devin Harris (non certo all'apice della propria carriera).

 

Eppure, il Front Office di Denver ha deciso di cedere Emmanuel Mudiay ai New York Knicks durante l'ultimo giorno di mercato prima della trade deadline: ma come? Era praticamente l'unica point guard a roster...

La risposta è semplice. La point guard della squadra è il big man, Nikola. Sì, dall'alto dei suoi 209 cm di altezza per 114 kg di peso!
Le qualità di passatore del serbo sono state messe sempre più in mostra nell'attacco di Denver (uno dei migliori dell'NBA), che lo ha coinvolto progressivamente sempre di più, fino a renderlo in questa stagione la pietra angolare del gioco di Malone: un attacco fluido, che muove molto la palla e trova il 61% dei propri canestri dopo un assist - 7 di questi ultimi arrivano proprio dal centro (ruolo che The Joker occupa per il 73% dei minuti in cui è sul parquet).

 

 

 

Se la visione e la comprensione del gioco di Jokic, dopo due anni e mezzo nella Lega, non fanno più notizia; se ci siamo ormai abituati al suo soffice tocco di palla, irreale per un giocatore della sua stazza; quello che desta ancora stupore è l'impressionante velocità delle letture e delle esecuzioni di Nikola, in grado di far diventare un passaggio in entrata un assist... prima ancora di ricevere la palla.

 

Ecco perché ci sono volte in cui The Joker sembra più un giocatore di pallanuoto che di pallacanestro. Riceve, tratta e passa la palla (in un solo colpo) con una mano, aprendo linee di passaggio che solo lui può vedere. O meglio: prevedere, intuire, inventare. Il Touch Pass è diventato a tutti gli effetti una delle sue specialità, che rende l'attacco dei Nuggets ulteriormente rapido e imprevedibile.

 

Solo 10 giocatori in NBA - molti dei quali giocano point guard, ovviamente - toccano in media la palla più di Jokic (83.8) durante una partita. Malgrado sia tra i giocatori col più alto rapporto touches/minutes nella Lega (in questa classifica è per distacco quello meno utilizzato), però, possiamo notare dai suoi dati quanto poco tenga la palla tra le mani:

 

 

Questo perché, come detto, la sua comprensione degli sviluppi del gioco avviene diversi secondi in anticipo rispetto a chi lo circonda - una qualità innata che farà del serbo un giocatore forse mai visto in NBA. Tiene la palla in media 2.14 secondi per tocco, facendo in media un solo palleggio: gli basta così, è quanto gli serve per costruirsi un buon tiro o mettere in ritmo un compagno.

Abbiamo raccolto, nei video di seguito, alcuni dei passaggi di tocco (ovvero senza una vera e propria ricezione della palla) più spettacolari di Nikola Jokic.

 

Il miglior passing center della Lega.

E non solo di oggi.

Buona visione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com