Le difficoltà al ferro di Jayson Tatum

January 12, 2020

Il grande punto debole dell'ala dei Celtics, giunta alla terza stagione nella Lega, sembrano essere le conclusioni al ferro, in cui è peggiorato dal suo primo anno

 

©️ Celtics Blog

 

 

Jayson Tatum, che si può considerare un attaccante migliore di Jaylen Brown, pecca, rispetto al prodotto di Berkeley, nelle conclusioni al ferro. Mentre alcuni suoi numeri suggerirebbero che si tratti della stagione della definitiva consacrazione, quelli nelle conclusioni al ferro lasciano ancora dubbi riguardo il suo status di All-Star.

 

Prendiamo, come esempio, le due partite giocate con Atlanta e Chicago. Il prodotto di Duke ha segnato 20.5 punti, 8 rimbalzi, 2.5 assist, 1 rubata e 1 stoppata, tirando con il 45.2% dal campo, il 33.3% da tre e 91.7% ai liberi. Statistiche che rispecchino l’andamento di Tatum durante l’arco della stagione. Ora, prendiamo i numeri delle due partite individualmente:

 

vs Atlanta: 2/16 dal campo, 13 punti, 9 rimbalzi, 3 assist, 0/2 da tre, 9/10 ai liberi

vs Chicago: 12/15 dal campo, 28 punti, 7 rimbalzi, 2 assist, 2 rubate, 2 stoppate, 2/4 da tre, 2/2 ai liberi

 

Nessuna di queste due partite rappresenta numeri fuori dal comune per Tatum. Potremmo prendere la partita contro i Mavs da 1/18 dal campo e quella del suo career high da 39 punti contro Charlotte. Si tratta di alti e bassi per lui frequenti, che sembrano essere causati da quante conclusioni al ferro riesce ad avere ogni gara.

 

Su Twitter è stato spiegato piuttosto bene il motivo per cui il fisico di Tatum influenzi tanto il suo gioco in queste situazioni:

 

Merita attenzione soprattutto il secondo punto del tweet, quando parla di quanto la palla rimanga in basso nelle conclusioni al ferro di Tatum, la cui postura non sembra portare grandi vantaggi, in questo frangente, al suo gioco.

 

  

Si può a ragione credere che lo faccia istintivamente, sapendo quante volte la palla viene sottratta dalle sue mani in queste situazioni. Al contrario, Jaylen Brown è molto efficace nelle conclusioni al ferro, mantenendo la palla alta, come in questa situazione:

 

Questa è uno dei due grandi motivi per cui, nonostante un minor talento offensivo, Brown si stia ritagliando un ruolo sempre più importante nell’attacco dei Celtics (l’altro è il miglioramento delle sue percentuali al tiro).

 

In questa azione (video sotto) Jayson riesce ad essere efficace perché si crea spazio con il corpo e non ha bisogno di abbassare il pallone per evitare la stoppata, come nell’occasione precedente. Inoltre, le sue braccia si muovono molto meno, dandogli più stabilità nel momento dell’appoggio.

 

 Questo video rende ancor meglio l’idea della differenza tra Tatum e Brown:

 

In questo caso Tatum arriva in prossimità del ferro, per poi scaricare a Brown totalmente fuori equilibrio. Brown attacca deciso il ferro concludendo senza problemi.

 

La soluzione più ovvia per risolvere questo problema sarebbe aumentare la massa muscolare, per crearsi lo spazio per un layup più comodo, ma non è certo la più immediata in termini di tempo. Sarebbe utile, magari, aumentare le conclusioni in floater, per il momento.

 

La cosa che stupisce, comunque, è che Tatum sta tirando peggio rispetto alle scorse stagioni nelle conclusioni vicino al ferro, e non di poco. Com’è possibile, nonostante sia migliore in ogni altra voce statistica rispetto al suo primo anno?

 

Non c’è un’unica spiegazione, ma i canestri "assistiti" per lui sono diminuiti nel corso degli anni. Nella sua stagione da rookie il 56% dei suoi tiri da due derivavano dal passaggio di un compagno, mentre in questa stagione sono scesi al 47%. Ancor più significativo è il dato riguardante i tiri da tre punti: nel primo anno erano assistite il 92% delle sue conclusioni da dietro l’arco, questa stagione solo il 61%.

 

Sembra che Tatum tenda troppo spesso a volersi creare il tiro da solo e che ciò stia diminuendo la sua efficienza offensiva. Anche Brown, a dire il vero, ha avuto un percorso simile, ma la sua abilità di reggere i contatti lo aiuta notevolmente.

 

Per ciò che sta dimostrando, Tatum merita di essere considerato un All-Star a tutti gli effetti, ma se dovessi scegliere uno tra lui e Jaylen, ad oggi, la mia scelta ricadrebbe senza dubbi sul prodotto di Berkeley.

 

 

 

 

 

 

 

©️Celtics Blog

 

Questo articolo, scritto da Jeremy Stevens per Celtics Blog e tradotto in italiano da Francesco Capano per Around the Game, è stato pubblicato in data 8 gennaio 2020.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com