Il caso reale: Pascal Siakam all'All-Star Game

January 30, 2019

 

 

©️ Raptors Republic / ESPN TrueHoop Network

 

 

Giudice: Signori e Signore della giuria, siete riuniti qui oggi per giudicare la validità del caso che vedrebbe Pascal Siakam prender parte nell'anno odierno all'All-Star Game NBA di Charlotte, North Carolina.

 

Stephen A. Smith: (tossendo, dopo che il caffè gli è andato di traverso) Chi? Ora, non fraintendetemi... Pascal Siakam è un bravo ragazzo, e io lo adoro, ma un All-Star? Andiamo... Non è che avete frequentato Lamar Odom, di recente? Perché...

 

Giudice: Si contenga, signor Smith! Non siamo in quel suo maledetto show radiofonico. Tenga il culo su quella sedia per il resto del procedimento o la farò scortare dall'ufficiale giudiziario a tenere compagnia al signor Kellerman.

 

(La platea ride)

 

Un momento... Probabilmente vi state chiedendo cos'è tutto questo, vero? Beh, è esattamente ciò che dice il titolo... un caso. La gente "fa un caso" di diverse situazioni, nello sport. E allora perché non farlo davvero? Parlo di accusa, dichiarazioni di apertura, arringhe, e tutte quelle cose à la Law and Order.

 

L'obiettivo finale è avere una risposta definitiva su quanto Pascal Siakam sia meritevole di occupare un posto nel roster dell'All-Star team della Eastern Conference 2018/19. Io assumerò il ruolo dell'avvocato difensore di Siakam, e voi lettori sarete i giurati. Lungo il processo potreste notare qualche stranezza, e magari qualche ospite inaspettato. Non ce lo aspettavamo neanche noi, ma tenere a bada i comportamenti in aula di tribunale NBA non è per nulla semplice.

 

Cominciamo.

 

Accusa: Non so nemmeno perché ci troviamo qui oggi. Voglio dire... Pascal Siakam? All-Star? Cioè, davvero l'Est è messo così male da rendere anche solo possibile questo dibattito? L'All-Star Game dovrebbe essere fonte di intrattenimento a livelli paradisiaci, per i fan NBA. Credete che qualcuno al di fuori del gelido Canada voglia venire a Charlotte per veder giocare... questo tizio? Che apporto può dare?

 

Masaj Ujiri (urlando dalle ultime file): Ehi, vaffan****!

 

Accusa: Chi diavolo è stato?

 

Giudice: Credo che lo lascerò fare.

 

Accusa: Comunque, rifletteteci. Quand'è l'ultima volta che è stato permesso di accedere all'All-Star Game a un giocatore di questo livello? Kyle Korver degli Hawks del 2015? O quella volta che Josh Howard è stato chiamato per sostituire Yao Ming, infortunato? Brad Miller nel 2013? È davvero dura, gente. Vogliamo vedere schiacciate ad altezze vertiginose, alley-oop spettacolari e assist no look! Cosa può fare questo ragazzo? Giusto qualche virata? Andiamo ad esaminare la lista di giocatori che hanno un posto assicurato nella squadra dell'Est:

 

  • Giannis Antetokounmpo

  • Kawhi Leonard

  • Joel Embiid

  • Kyrie Irving

  • Kemba Walker

  • Ben Simmons

  • Nikola Vucevic

  • Bradley Beal

  • Blake Griffin

 

Su questa lista non c'è alcun dubbio (considerando l'infortunio di Victor Oladipo). Se non sbaglio, con Leonard, Embiid, Giannis, Vucevic e Griffin siamo a cinque giocatori di frontcourt in roster, il che significa che c'è un solo posto libero per un'ala. Jayson Tatum, Kris Middleton, Jimmy Butler, Al Horford... ecco i nomi per cui paghereste il biglietto. La scorsa settimana si parlava di Siakam come candidato al premio di Most Improved Player, e ora vorreste mandarlo all'All-Star Game? È troppo presto, signori e signore. Lo sapete anche voi.

 

Tutssel: Ringrazio il collega, visto che ha fatto una parte del mio lavoro. Chi di voi ha visto giocare i Raptors quest'anno ha senz'altro notato l'impatto che Siakam ha avuto sui successi della squadra. Per chi non li ha visti giocare, ricapitoliamo qualche statistica: 15 punti, 7 rimbalzi e 1 palla rubata a partita, con il 57% di tiro dal campo. E questo è solo ciò che dicono i numeri. A votare per i posti di riserve dei roster sono i coaching staff NBA: loro badano anche ad altro, oltre ai numeri. È l'occhio che conta: vedendo giocare Siakam, si notano tutte quelle piccole cose che non entrano in un boxscore. È un difensore sempre attivo, che si appiccica davvero al suo uomo... più della camicia di Charles Barkley alla sua pancia dopo una partita di golf a metà luglio!

 

La sua difesa in transizione è impeccabile. Può essere messo contro qualunque giocatore della Lega, e si può star sicuri che saprà rendere la vita difficile al suo avversario diretto.

 

 

In attacco, le gambe e le braccia lunghe lo rendono un'arma letale nelle azioni in velocità, con una capacità di correre al ferro simile a quella di Antetokounmpo, unita al fatto che è sempre attivo sotto al tabellone, e a un movimento di virata che copre più campo di quello di qualunque altro giocatore NBA.

 

 

Il suo punteggio di win share rafforza ciò che fa vedere sul campo, con una cifra superiore a 5. Sono grato all'accusa per aver menzionato i concorrenti del mio cliente per un posto all'All-Star Game. Ci sono solamente due posti disponibili, e questa è l'unica cosa su cui siamo d'accordo. Uno dei due andrà probabilmente a una guardia, quindi restano quattro ali a competere per uno spot. Esaminiamo i numeri di questi giocatori:

 

 

In generale le statistiche si equivalgono, o quasi. Le cifre che separano Siakam dal gruppo sono quelle relative all'efficienza. 57% dal campo, l'indice di win share più alto, il miglior record di squadra; il tutto con la minor Usage Percentage fra i giocatori del gruppo. Siakam sta letteralmente facendo il meglio possibile con meno palloni nelle mani di qualunque giocatore sia stato candidato all'All-Star Game negli anni recenti. E dovrebbe essere premiato per questo.

 

 

Contraddittorio

 

Tutssel: Vorrei chiamare Jimmy Butler al banco dei testimoni.

 

Butler: Ehi, queste sono tutte ca***te. Com'è che io non sono nella lista di quelli con un posto assicurato? Avete sentito che in allenamento ho fatto piangere Towns?

 

Tutssel: Risultare sgradito ai tuoi compagni di squadra è un obiettivo specifico che ti poni, o è più qualcosa che ti viene naturale?

 

(La platea ride)

 

Butler: Amico, io voglio solo vincere. E se non sei pronto a fare tutto quello che serve per vincere, allora puoi anche lasciar perdere e startene a casa a giocare a Fortnite. Sono un grande giocatore e merito di essere all'All-Star Game. Più di questo ragazzino.

 

Tutssel: Signor Butler, lei è al corrente che i Timberwolves sono migliorati in quasi tutti parametri misurabili, da quando lei se ne è andato? E del fatto che il quintetto più efficace dei Sixers le riserva un posto seduto in panchina?

 

Butler: Beh, io...

 

Tutsell: No, dico davvero. Osservi.

 

 

 

In termini di Net Rating, i T-Wolves sono balzati dalla 26esima alla settima posizione, da quando lei non è più in squadra.

 

 

 

Secondo queste cifre, Korkmaz è molto meglio di lei per la chimica di squadra di Philadelphia...

 

Butler: (ha lo sguardo perso nel vuoto)

 

Tutssel: Jimmy, hai mai sentito qualche compagno di squadra di Siakam parlar male di lui?

 

Butler (sospirando): In effetti, no. Vedo sempre lui e i suoi compagni ridere, darsi il cinque e divertirsi. Siamo usciti insieme una volta quest'estate, ed è un tipo divertente. Come si può essere gradevoli, divertirsi, e vincere le partite...? Io non ci trovo nessun senso.

 

Tutssel: Tutti pensano prima di tutto a "Jimmy Buckets" nella loro ricerca per un candidato a riempire questo posto vacante. Ma osservate  meglio cosa potrebbe accadere. Sarebbe un grosso errore premiare un giocatore che crea problemi in spogliatoio ovunque vada, che è il terzo miglior giocatore della sua squadra, e che ha palesato una notevole mancanza di qualità da leader in tre diverse città.

 

(Tutti rabbrividiscono)

 

Accusa: Uuuh. L'accusa non ha nulla da aggiungere.

 

 

Arringhe conclusive

 

Non è stato possibile recuperare la trascrizione dell'arringa conclusiva dell'accusa. La stenografa in aula si è appisolata durante le considerazioni di apertura. Il suo monologo è stato interrotto quando Jonas Valanciunas ha iniziato a lanciare palline di carta e sputato dal fondo dell'aula. Il trambusto ha svegliato la stenografa, che ha potuto trascrivere da quel punto in poi. Detto fra noi, non sono stati esposti molti punti validi, e quella cara signora vi ha davvero fatto un piacere, schiacciando un pisolino.

 

Tutssel: A questo punto, un paio di cose dovrebbero essere chiare a tutti. La prima è che il mio cliente è un candidato degno di considerazione, a livello statistico, per la squadra dell'All-Star Game. Si è guadagnato quel posto. Parlando di Tatum, Butler, Middleton e Siakam, sarebbe difficile scegliere uno piuttosto che l'altro.

 

La seconda cosa è che, fra questi candidati, Siakam è, per singolo tocco il giocatore più efficiente fra quelli in corsa. Tira con la percentuale migliore e con il minor numero di tocchi. Sta mettendo insieme numeri offensivi paragonabili a quelli di Butler, Middleton e Tatum, realizzando con efficienza simile a quella di Giannis, mentre viene utilizzato meno di un giocatore come Kelly Olynyk...

 

Ma c'è una cosa di cui non abbiamo ancora parlato: il record della sua franchigia. Con 37-15, i Raptors sono tra i migliori della Lega. Visto che Lowry è stato fermato dagli infortuni, Leonard è l'unico Raptor con un posto certo a Charlotte. Volete davvero vivere in un mondo in cui una delle migliori squadre NBA ha un solo All-Star?

 

I precedenti in quest'ambito sono sconcertanti. I Warriors hanno avuto 3/4 giocatori all'All-Star Game ogni singolo anno, durante il loro regno di terrore. I Cavs di LeBron hanno avuto 3 All-Star in tutte le stagioni. Avete mandato 4 giocatori degli Hawks all'All-Star Game nel 2012. In tutti gli anni in cui sono stati assieme ai Miami Heat, LeBron, Wade e Bosh avevano un posto riservato per l'All-Star Game.

 

Che dire degli altri candidati? I record delle loro squadre non li aiutano di certo:

  • I Sixers sono 33-18, con due giocatori che stanno giocando meglio di Jimmy Butler;

  • I Celtics, nonostante una gran quantità di talento sulla carta, sono stati un treno fuori controllo, finora. Tatum non ha fatto quel balzo verso il livello da All-Star che tutti si aspettavano; Horford sta facendo registrare il win share più basso per la sua squadra dal 2011, e Gordon Hayward sembra essere meritevole di non più del 20% del suo stipendio, da quando è tornato dall'infortunio.

Anche i Raptors non sono esenti da critiche, comunque. Hanno passato di tutto in questa stagione. Kawhi e Lowry sono stati fuori dal quintetto per un totale di 25 partite stagionali, senza mai che entrambi saltassero la stessa partita. Anche Valanciunas è stato infortunato, e Fred Vanvleet ha fatto fatica a mettere a posto il suo tiro, nelle prime 20 partite; Wright è stato deludente e Powell si è ricordato solamente la scorsa settimana come si gioca a basket. Gli unici fattori costanti dei Raports in questa stagione sono stati vincere, vincere ancora e... sì, Pascal Siakam.

 

Sarebbe un vero crimine non premiare un giocatore che ha scosso la Lega nonostante un ruolo offensivo marginale, facendosi trovare su ogni linea di passaggio fra Toronto e Los Angeles, e virando in mezzo alle difese avversarie come una trottola umana.

 

Signori e signore, vi imploro di non prendere la scelta più facile o più allettante, quando si tratterà di decidere a chi dare quest'ultimo posto. Fate la scelta che dà più valore a buoni giocatori di basket in buone squadre. E beh, anche io voglio vedere giocate spettacolari a Charlotte, proprio come voi. Se davvero avete bisogno di qualcosa per ricordare l'apporto che Siakam può dare, guardate quella virata. È troppo veloce per i lunghi, e troppo in alto per le guardie. E troppo bella per tutti noi.

 

 

 

 

 

 

 

 

©️ Raptors Republic / ESPN TrueHoop Network


Questo articolo, scritto da Nick Tutsel per Raptors Republic e tradotto in italiano da Davide Corna per Around the Game, è stato pubblicato in data 23 Gennaio 2019.

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com