Quale giocatore dovrebbe essere scambiato da ogni squadra?

January 25, 2019

La trade deadline è sempre più vicina, quindi è arrivato il momento di proporre per ogni squadra un giocatore che dovrebbe essere scambiato in questa sessione.

 

 

©️ Fadeaway World

 

Siccome la trade dealine si sta avvicinando, al momento le voci su dove finiranno i diversi giocatori sono ancora tiepide, ma in un futuro molto prossimo queste diventeranno bollenti. È inevitabile che alcuni giocatori saranno scambiati, mentre è altrettanto sicuro che i GM delle diverse squadre NBA stiano già discutendo dei vari scambi che potrebbero verificarsi.

 

Proprio per questo motivo, di seguito daremo un'occhiata per ogni squadra a uno specifico giocatore che dovrebbe essere seriamente scambiato prima della scadenza. Sia per i contratti che per una regressione nel gioco, includendo una moltitudine di altri motivi, ci sono una miriade di opportunità che ogni squadra della Lega può cogliere: ecco un dettagliato approfondimento.

 

 

 

 

Atlanta Hawks - Kent Bazemore

 

Il mercato per quanto riguarda Bazemore sarà sicuramente interessante. A questo punto, non mi meraviglierei se Atlanta decidesse di mantenerlo all’interno del roster, ma alla fine il giocatore ha un buon valore. Ho apprezzato particolarmente le sue statistiche nel mese di dicembre (16/4/4 di media) e se continuerà a giocare così ci saranno molte squadre davanti alla porta degli Hawks - che, pensando al futuro, dovrebbero cedere il classe ‘89, puntando ad un ringiovanimento della rosa.

 

 

Boston Celtics - Terry Rozier

 

Probabilmente Rozier non sarà un giocatore dei Celtics l'anno prossimo, ma è un vero clutch player e lo abbiamo già visto l'anno scorso nei Playoffs. Onestamente, se fossi nei panni di Boston, terrei Rozier per una corsa ai Playoffs, ma se stanno cercando di scambiarlo hanno solo bisogno di trovare la giusta controparte, il che potrebbe essere un grosso punto interrogativo dato che Dallas non è stata in grado di farlo per Dennis Smith Jr.

 

 

Brooklyn Nets - Allen Crabbe

 

Allen Crabbe ha un contratto interessante. Non fa parte dei 150 giocatori migliori della Lega forse, ma è pagato quasi come uno dei migliori talenti. Il talento è chiaramente visibile e, anche se adesso non sta giocando molto, ha aiutato Brooklyn a vincere alcune partite; al momento, però, ha una player option pari a 19 milioni di dollari per la prossima stagione, diventando così il giocatore più pagato della squadra - e diciamo che sarebbe un po’ un’esagerazione per il nono uomo dei Nets. Lo ripeto: sicuramente ha talento, ma se Brooklyn riuscisse a liberarsi di lui si avvicinerebbe al 2020 con un passo positivamente diverso.

 

 

Charlotte Hornets - Nicolas Batum

 

Penso che Batum sia ancora un talento solido, ma al momento ha un contratto da far rizzare i capelli - e, non a caso, Charlotte è disperata nel cercare di sbarazzarsi del giocatore francese. A tutti gli effetti 27 milioni di dollari a partire dal 2021 sono una cifra folle, ma se la squadra riuscisse a creare una migliore alchimia, per un giocatore dal grande QI cestistico come Batum potrebbe essere la volta buona per incrementare il proprio valore di mercato.

 

 

Chicago Bulls - Jabari Parker

 

Il Tank Commander Jim Boylan non ha alcun amore per Parker, e la situazione ora ai Bulls è una delle più insensate che io abbia mai visto, perché non ha alcun senso far sedere in panchina un giocatore così. Nelle ultime gare fortunatamente ha giocato un po’ e, con una team option per il prossimo anno, potrebbe diventare un giocatore interessante per qualche contender.

 

 

Cleveland Cavaliers - Kevin Love

 

Con l’attuale valore di Love, che è sceso molto in basso, Cleveland difficilmente riuscirà a creare una trade accettabile o perlomeno interessante. Credo fermamente che i Cavs, nonostante la partenza con il freno a mano con Love in campo, ora sarebbe in piena corsa ai Playoffs se il californiano non si fosse infortunato; infatti una serie di sfortunati eventi ha ridotto drasticamente il valore della squadra e del giocatore. Se il front office dei Cavaliers è in grado di vedere il bicchiere mezzo pieno, alla fine si trovano con in roster un giocatore da All Star Game con un ottimo stile di gioco per i suoi imminenti 30 anni.

 

 

Detroit Pistons - Reggie Jackson

 

Reggie è un giocatore talentuoso, che pensi sempre possa rendere di più. L’atletismo è ben visibile ed è inoltre "appassionante" vederlo in campo, ma la sua efficienza non ha in alcun modo pareggiato le aspettative. In pratica è una sorta di Dennis Smith Jr. in versione quasi-senior. Il suo contratto scadrà nel 2020, quindi se Detroit riuscirà a scambiarlo, puntando ad una miglior alchimia di squadra, sicuramente il futuro sarà più roseo.

 

 

Indiana Pacers - Cory Joseph

 

Cory Joseph è una delle point guard uscenti dalla panchina più solide della Lega, ma ha anche un contratto in scadenza - mentre i Pacers, puntando al futuro, hanno draftato lo scorso anno Aaron Holiday. Come guardia di “seconda fascia” è sicuramente un giocatore splendido, ma scambiarlo ad esempion per un E’Twaun Moore dei Pelicans sarebbe una buona mossa per entrambe le squadre.  

 

 

Miami Heat - Hassan Whiteside

 

Whiteside è un enigma: a volte mostra un talento incredibile, mentre altre volte ha una grande capacità di mettersi nell’ombra; ma il giocatore alla fine ha sempre mostrato di essere in grado di dominare l’area. Il suo pesantissimo contratto scade nel 2020 ed è sicuramente tra i primi 100 giocatori in NBA, quindi sarà più facile da muovere rispetto a molti giocatori di questa lista; e con Adebayo pronto ad emergere come seconda scelta dalla panchina, questo può essere forse il momento buono di far muovere Whiteside.

 

 

Milwaukee Bucks - Tony Snell

 

Tony Snell ha mantenuto una media di 7 punti a partita nel mese di dicembre, tirando fino ad ora con il 50% dal campo nel mese successivo. È sicuramente un giocatore di ruolo che può aiutare un team vincente, ma i Bucks hanno quasi un esubero tra le ali.

 

 

New York Knicks - Enes Kanter

 

È palese, i Knicks stanno tankando per Zion. E Kanter molto probabilmente vuole andarsene da New York. Se ciò non bastasse, il turco è anche un contratto in scadenza, quindi il suo valore in questo caso può salire per una squadra che vuole provare a raggiungere i Playoffs, come ad esempio Sacramento. L’ex OKC ha uno stile di gioco che sembra uscito dagli anni ‘90 ed è strano il suo successo in NBA, ma a quanto pare, in qualche modo, ci sta restando.

 

 

Orlando Magic - Nikola Vucevic

 

Avendo draftato Mohamed Bamba durante la scorsa stagione, la franchigia sicuramente non vincerà un anello quest’anno, quindi penso che puntare alla crescita del trio Gordon/Isaac/Bamba sia la scelta migliore da intraprendere. Vucevic è nel bel mezzo di una stagione da record, ma è anche l’anno in cui si sta giocando il contratto, mentre la scorsa stagione le prestazioni sono state nettamente al di sotto rispetto a quelle attuali. Probabilmente la sua quotazione non salirà, quindi penso che questo sia proprio il momento giusto.

 

 

 Philadelphia 76ers - Markelle Fultz

 

Ormai i rumors riguardanti questa trade sono chiari da un po’ di tempo e l’epopea con protagonista la prima scelta assoluta è molto avvincente da seguire. Dell’interesse nei confronti del giocatore c’è, resta soltanto capire come Philly vede Fultz rispetto a come il giocatore viene visto dalle altre squadre della Lega...

 

 

Toronto Raptors - CJ Miles

 

CJ Miles è in calo durante questa stagione in Canada ed è un giocatore che viene pagato per riempire la retina nei momenti del bisogno. A proposito di questo, penso che si tratti ancora di un giocatore di talento e che i Raptors hanno una possibilità di farlo muovere, e questo perché ha giocato alcune delle ultime partite dimostrando una certa solidità e di essere ancora un buon macina-punti dalla panchina.

 

 

Washington Wizards - Otto Porter Jr

 

L’esperimento di far partire OPJ dalla panchina alla fine ha funzionato, ma alla fine, proprio per questo motivo, penso che in questa lista di giocatori si tratti di quello che dovrebbe muoversi in assoluto più degli altri - non a caso in giro c’è dell’interesse per il suo chiaro talento e molte squadre vorrebbero aggiungerlo al proprio roster. Il suo valore è in salita? Allora per Washington è arrivato il momento di lasciarlo andare via.

 

 

Dallas Mavericks - Dennis Smith Jr

 

I Mavs, ormai è palese, non sono più interessati a DSJ - questo anche se hanno da poco dichiarato che hanno intenzione di tenere il giocatore, ma lo sappiamo tutti che si tratta di una dichiarazione fatta soltanto perché non hanno ancora ricevuto l’offerta giusta. Alla fine si tratta di una point guard che è stata recentemente un lottery pick, con ancora prospettive di crescita, quindi qualche squadra che ha un minimo interesse in lui terrà conto di questo.

 

 

Denver Nuggets - Will Barton

 

Barton è un giocatore con un grande talento ma, da quando è tornato dall’infortunio, non è ancora entrato in sintonia con la squadra; questo anche perché i compagni hanno trovato un’ottima alchimia durante la sua assenza. Ora Denver è in piena corsa per i Playoffs e Barton è stato uno dei migliori 75 giocatori della Lega durante la scorsa stagione. Perché scambiarlo? Perché il giocatore non ha perso il suo valore, ma non riesce proprio ad inserirsi in squadra.

 

 

Golden State Warriors - Quinn Cook

 

Cook è un giocatore di grande tecnica che non ha ancora avuto molti minuti a disposizione durante questa stagione: questa situazione potrebbe cambiare con una trade. Shaun Livingston è chiaramente il backup in posizione di guardia per i Playoffs, quindi Quinn può diventare per Golden State un giocatore da poter sfruttare per risolvere gli attuali "problemi" di profondità della panchina.

 

 

Houston Rockets - Brandon Knight

 

Qualche volta, le cose semplicemente non funzionano. Questo è il caso del contratto di Brandon Knight. Tra tutti i giocatori in questa lista, probabilmente si tratta del più difficile da riuscire a muovere, ma se la franchigia è disposta a cedere una unprotected pick al primo giro del Draft (o anche due), forse l’ex Suns potrà muoversi con più facilità.

 

 

 

LA Clippers - Danilo Gallinari

 

Gallinari a 30 anni sta avendo una stagione incredibile, ma i Clippers in questo momento non stanno giocando un ottimo basket come speravano di fare ad inizio stagione. Siccome sembra abbastanza chiaro che il fulcro della squadra sarà Tobia Harris, la dirigenza potrebbe utilizzare Danilo come controparte tecnica per poter instaurare una trade utile e mettere dei giocatori importanti proprio affianco ad Harris. Anche per lui, come per altri prima, potrebbe essere il momento di "cogliere l'attimo"...

 

 

LA Lakers - Kentavious Caldwell-Pope

 

I gialloviola stanno probabilmente pensando a qualsiasi trade che possa aiutare LeBron e compagni in vista dei Playoffs, mettendoli nelle condizioni di essere più preparati possibile. KCP in quest’ottica sembra la scelta più possibile, questo perché ha un contratto di soltanto un anno; e anche se riuscissero a guadagnare soltanto un 2nd round pick, per il futuro si tratterebbe comunque di una buona mossa, il cui rischio è decisamente accettabile.

 

 

Memphis Grizzlies - Marc Gasol

 

Gasol è stato il fulcro dei Grizzlies per svariati anni, ma al momento la squadra è su un razzo diretto ad alta velocità verso l’irrilevanza all’interno della Lega, quindi è forse arrivato il momento di fare una mossa. Penso che dovrebbero tenere Conley e rinunciare a Gasol, con lo spagnolo che allo stesso tempo vorrebbe contribuire in una squadra con velleità di Playoffs.

 

 

Minnesota Timberwolves - Jeff Teague

 

Jeff è una della guardie più intriganti di tutta la NBA, un giocatore con una incredibile visione di gioco, ma la squadra ha in roster anche giocatori come Derrick Rose e Tyus Jones. Teague comunque ha un buon valore di mercato e se i Timberwolves troveranno una squadra interessata al giocatore sicuramente non si lasceranno scappare l’occasione.

 

New Orleans Pelicans - Solomon Hill

 

Hill, dopo aver giocato dei Playoffs fuori di testa con Indiana nel 2016, si è conquistato un contratto d’alto livello, ma le aspettative che tutti hanno avuto dopo questa firma non sono state in alcun modo rispettate. Si tratta certamente di un grande compagno di squadra, con un indubbio valore e un’ottima qualità difensiva, con inoltre un contratto che scadrà nel 2020; ma New Orleans deve fare il possibile per assicurare il futuro di AD con la squadra. Con questa prospettiva scambiare Hill potrebbe essere una mossa intelligente, sempre se trovano una squadra interessata a lui.

 

 

Oklahoma City Thunder - Patrick Patterson

 

Patterson è un veterano che sta aiutando OKC nella corsa ai Playoffs, ma la squadra potrebbe trovare qualcosa di meglio. Rispetto alla scorsa stagione il nativo di Washington ha aumentato il proprio valore e il suo contratto, essendo un veterano, è sicuramente interessante. Comparando Patterson agli altri giocatori della lista, è sicuramente uno di quelli più facilmente scambiabile.

 

 

Phoenix Suns - Dragan Bender

 

Bender ormai è chiaramente un fallimento, ma direi che non è sicuramente peggio di quanto ha dimostrato Jan Vesely in NBA. Il giocatore è in grado di tirare dalla lunga distanza e la sua prestazione contro OKC lo scorso anno gli hanno permesso di avere un’altra possibilità; ma, siccome le cose a Phoenix non stanno proprio andando bene e non ci sono piani per lui in futuro, qualche squadra potrebbe bussare alla porta dei Suns. Forse.

 

 

Portland Trail Blazers - Evan Turner

 

Dirò questo per quanto riguarda Evan Turner: nonostante il suo contratto, è un solido compagno di squadra, un giocatore divertente da vedere e uno dei migliori twittatori di tutta la NBA. Calcolando il suo attuale ruolo a Portland, ha fino ad ora giocato molto bene, quindi per i Trail Blazers è arrivato il momento di sfruttare questo momento, in cui Turner ha forse il valore di mercato più alto possibile, liberandosi del suo ingombrante contratto.

 

 

Sacramento Kings - Zach Randolph

 

Randolph non ha ancora giocato una partita durante questa stagione, ma era stato informato di questa possibilità prima di iniziare questa nuova avventura. Pur essendo un veterano è comunque sempre un giocatore con alcune qualità, e penso che, dalla panchina, potrebbe aiutare senza problemi qualsiasi squadra in ottica Playoffs, quindi è assolutamente il caso per Sacramento di scambiare l’ex Memphis.

 

 

San Antonio Spurs - Rudy Gay

 

No dai, Rudy Gay no! Posso capire questa reazione, ma il suo contratto sta per scadere e, anche se gli Spurs stanno comunque ottenendo buoni successi nonostante il grave infortunio di DeJounte Murray, scambiare Gay per inserire qualche giocatore utile per le rotazioni non sarebbe una brutta idea.

 

 

Utah Jazz - Derrick Favors

 

Favors è uno di quei giocatori che è stato talmente sopravvalutato... da diventare sottovalutato. Sicuramente non è uno dei più entusiasmanti in circolazione, ma quando è in campo svolge il compito che gli è stato assegnato. Utah al momento sta giocando bene, ma il contratto di Derrick non è garantito per l’anno prossimo. Se Utah può trovare la giusta squadra interessata, deve cogliere l’opportunità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©️ Fadeaway World

                   

Questo articolo, scritto da Flynn Patrick per Fadeaway World e tradotto in italiano da Federico Molinari per Around the Game, è stato pubblicato in data 22 gennaio 2019.

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com