Un'altra pessima free agency per Dallas

July 3, 2019

 

© Forth Worth Star-Telegram

 

 

Il tempo scorre, e ogni free agent firma un contratto, ma nessuno per la tua squadra.

 

Non ci si aspettava che Kevin Durant e Kyrie Irving firmassero con i Dallas Mavericks. E infatti non è successo. Nemmeno Kawhi Leonard, quando annuncerà la sua prossima squadra (probabilmente tramite un piccione viaggiatore), sceglierà Dallas. I Mavs non hanno mai attirato questi free agent, dunque non ci si aspettava nulla questa volta - a differenza delle passate free agency, in cui la ricerca dei nomi più grandi ha portato solamente fregature. Per i Dallas Mavericks, la free agency del 2019 non aveva lo scopo di ingaggiare KD o Kyrie, bensì quello di aggiungere giocatori solidi al fianco di Luka e Zinger.

 

Quando il potenziale scambio a tre squadre con i Philadelphia 76ers e i Miami Heat - che avrebbe portato ai Mavs la guardia slovena di Miami, Goran Dragic -  è andata in fumo, era il momento di preoccuparsi. Quando poi la guardia dei Los Angeles Clippers Patrick Beverely, che si sarebbe inserito bene nei Mavericks, non si è nemmeno preoccupato e ha ri-firmato coi Clippers, tutti abbiamo capito la situazione corrente, o ce ne siamo ricordati. Ci hanno ricordato che questa free agency, per i Mavs, è uguale a quelle passate.

 

I Mavs sono solo una delle 30 franchigie NBA presenti sulla Terra. I giocatori NBA ci apprezzano, ma non ci amano. Non siamo una destinazione appetibile, e neanche la possibilità di giocare con Luka Doncic e Kristaps Porzingis incuriosisce nessuno. Si pensava che Beverely dovesse venire a Dallas, ma non è stato così, perché non ha mai avuto intenzione di giocare per i Mavs. Lo stesso sì può dire per Al Horford, e per qualunque altro nome.

 

Piuttosto che aggiungere una point guard di qualità e un necessario rimbalzista/difensore, i Mavs hanno dovuto riunire i vecchi giocatori, buoni abbastanza da non andare ai Playoffs. Ci si augura che Dallas ingaggi la guardia di Toronto Raptors, Danny Green, che sarebbe un'aggiunta di qualità. Ma non è lui il giocatore o la point guard necessaria. Green, secondo quanto riferito, sta deciderà quale sarà la sua prossima squadra solo quando Leonard annuncerà la sua decisione. Se Kawhi resterà in Canada, anche Green, probabilmente, ri-firmerà lì. Se Leonard se ne va, allora Green potrebbe diventare un Maverick.

 

Il grande annuncio dei Mavs è stato seppellire The Zinger di denaro, con il più ricco contratto della storia della franchigia. Anche se non ha ancora mai giocato una partita per questa squadra. Firmare l'Unicorno è un grande affare, ma la squadra aveva già Porzingis in pugno l'anno scorso, quando è arrivato via trade.

 

Il supporting cast è formato da un insieme di ragazzi decenti, e nomi che già conoscete. Dwight Powell è una persona meravigliosa e un buon uomo dalla panchina, che ritornerà per tre anni a 33 milioni di dollari. Stessa cosa per Maxi Kleber, che tornerà per quattro anni a 35 milioni. La squadra ha poi trattenuto Dorian Finney-Smith (3 anni, $12 M) e la point guard JJ Barea con un contratto al minimo salariale di un anno - perché gli vogliono bene, anche se ha 35 anni e sta recuperando un infortunio al tendine d'Achille. No, nessun'altra squadra gli avrebbe offerto un centesimo.

 

La "grande" e "nuova" aggiunta è l'uomo che già conoscete: è stato riportato indietro Seth Curry, un tiratore buono e professionale. Un piccolo che gioca piccole quantità di partita. Volevate una succulenta bistecca... e invece vi hanno portato un hamburger.

 

Con Luka e The Zinger, i Mavs saranno divertenti da vedere e più competitivi, ma per essere una contender, o comunque una squadra con ambizioni nei Playoffs, ci vuole ben altro dal supporting cast.

 

I giocatori NBA verranno qui a Dallas prima o dopo, e gli piacerà giocare per i Mavericks. Anche se forse vorrebbero semplicemente andare da qualche altra parte...

 

 

 

 

 

 

 

© Forth Worth Star-Telegram

 

Questo articolo, scritto da Mac Engel per Forth Worth Star-Telegram e tradotto in italiano da Alessandro DI Marzo per Around the Game, è stato pubblicato in data 2 luglio 2019.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG sono dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese da internet e quindi considerate di libero utilizzo, soprattutto nel caso in cui appartenenti alle testate in collaborazione con il nostro progetto. Se un'immagine o un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com