Una finale a rimbalzo

June 6, 2018

 

 

Il dominio a rimbalzo di Cleveland nelle prime due partite della serie è stato uno dei fattori principali che hanno consentito ai Cavs di andare molto vicini alla vittoria in Gara 1 e di rimanere a contatto per tre quarti abbondanti in G2 - ne avevamo parlato ieri al punto 4 della nostra analisi. Questa notte, con la serie che si sposta alla Quicken Loans Arena, gli scenari potrebbero cambiare.

 

Il supporting cast intorno a LeBron James, come spesso avviene con la spinta del proprio pubblico, potrebbe essere più efficace; i tiri aperti potrebbero finalmente andare dentro; i black out difensivi dovrebbero essere ridotti all'osso; agli Warriors mancherà l'effetto-Oracle. Tutto questo forse potrebbe rendere la vita più facile ai Cavaliers rispetto alle due sfide in California, ma ad una condizione: mantenere il controllo sotto i tabelloni.

 

Questo aspetto preoccupa tanto Tyronn Lue - sarà difficile mantenere gli importanti numeri registrati finora - quanto Steve Kerr, cui non può bastare il leggero miglioramento messo in mostra a rimbalzo nella seconda partita: è evidente che in una gara punto-a-punto, un maggior numero di possessi e dunque di punti da seconda occasione potrebbe fare la differenza. Non per niente ne hanno parlato diversi protagonisti della sfida, a partire proprio dall'head coach di Golden State:
 

"Sì, sono più grossi di noi, sono fisici e ci hanno sopraffatto a rimbalzo fin qui. Ora dobbiamo reagire usando anche l'intelligenza, facendo sempre taglia-fuori e assicurandoci ad ogni tiro di mettere un corpo tra loro e il ferro. Non ci possiamo permettere di lasciare i nostri rimbalzisti uno-contro-uno con Tristan Thompson: contro di lui sono necessari almeno due corpi".

 

Proprio "Double T" ha parlato poi dell'importanza di questo aspetto nell'economia della serie: "la superiorità a rimbalzo ci ha tenuti a galla in diversi momenti fin qui. Lo stiamo facendo ad alto livello. In difesa, sappiamo che loro sbaglieranno dei tiri; in attacco, beh, il rimbalzo offensivo è una parte del nostro gioco. Dobbiamo continuare così: se riusciremo a farlo ancora, a produrre di nuovo tanti punti da seconda occasione, allora quella di Gara 3 potrebbe essere una grande notte per noi".

 

E' stato il turno, infine, di chi con Thompson due o tre sportellate se le è date, e se le darà, in questa serie; e soprattutto del metronomo degli Warriors dal punto di vista dell'energia, dell'approccio alla gara e dell'intensità nei contatti: Draymond Green.

 

"Alla fine farà la differenza una sola cosa. Chi vuole di più la palla. Chi mostrerà maggiore determinazione, strapperà più rimbalzi. Certo, accade che la palla prenda traiettorie strane, che a volte ti possono sfavorire. Succede. Ma sui 48 minuti, se vuoi davvero quella palla, alla fine avrai ottenuto più rimbalzi. E' tutta una questione di mentalità".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici anche su

  • facebook-logo
  • instagram-social-network-logo-of-photo-c
  • twitter-social-logotype

Archivio AtG:

Around the Game nasce con l’obiettivo di avvicinare gli appassionati italiani alla pallacanestro NBA, attraverso due tipologie di contenuti: i contributi realizzati e pubblicati dai membri interni della redazione (diffusi a titolo gratuito, senza scopo di lucro, protetti da copyright e soggetti a legislazione vigente in materia di diritti d'autore); e articoli tradotti delle testate estere in collaborazione con AtG, pubblicati e tradotti in italiano dalla nostra redazione. I contenuti del secondo tipo, i cui diritti d’autore appartengono alle testate giornalistiche da cui sono stati pubblicati originariamente, sono pubblicati all’interno della sezione “Traduzioni” e vengono selezionati, tradotti e pubblicati da AtG solo dopo la ricezione da parte delle fonti di esplicito ed esclusivo consenso relativo a questa attività.

Around the Game non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità prestabilita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Alcune immagini sono prese dal web: se un contenuto è di tua proprietà e vuoi richiederne la rimozione, oppure per qualsiasi questione relativa ai diritti d’autore, ti preghiamo di inviare una mail a questo indirizzo: pr.aroundthegame@gmail.com
 

Fondatore e Caporedattore: Andrea Lamperti -  Fondatore e Web Manager: Ferdinando Dagostino

© 2017 by Around the Game.  Prodotto da FerdinandoDagostino.com